Salute e benessere | Articoli

Rischi del sole: rughe e lesioni pre-cancerose

31 Luglio 2019
Rischi del sole: rughe e lesioni pre-cancerose

Attenzione all’abbronzatura: anche sotto l’ombrellone rischiamo di invecchiare e di contrarre gravi patologie alla pelle.

A settembre, torneremo dal mare tutti più vecchi. Questa volta, però, non sarà l’effetto di qualche app per smartphone che simula l’avanzamento dell’età. Purtroppo, le rughe saranno reali e difficili da mandare via. È questo l’effetto dei raggi del sole che, anno dopo anno, si fa sempre più aggressivo e letale per la nostra pelle. A farne le spese non sarà solo l’estetica, ma anche – e soprattutto – la nostra salute. Stando, infatti, a quanto rivelato da uno studio del dermatologo dell’Istituto Dermopatico dell’Immacolata Gianluca Paganelli, reso noto da Adnkronos, i rischi dell’estate non sono solo le scottature e arrossamenti: una volta che sarà andata via l’abbronzatura noteremo nuovi nei, macchie e rughe.

«A settembre vediamo i segni più subdoli del danno solare, come macchie scure, cheratosi seborroica che può evolvere in lesioni pre-cancerose, discromie e rughe» rivela lo studio.

Paese che vai, abbronzatura che trovi

La passione per l’abbronzatura è tutta italiana: un complesso di inferiorità nei confronti delle popolazioni scure? Di fatto, negli altri Paesi, la mania della tintarella non è affatto condivisa. «In Giappone – prosegue lo studio – è apprezzato un incarnato bianco, e proprio la tendenza a proteggere la pelle dal sole, evita macchie e alterazioni», regalando alle nipponiche un incarnato senza età. Ecco perché gli ombrellini dei turisti: per l’estremo oriente, la pelle chiara è sinonimo di bellezza, per noi invece di malattia. Paese che vai…

Chi rischia la pelle?

Se questo appeal per l’abbronzatura si riducesse a un mero fattore di richiamo per l’altro sesso non ci sarebbe nulla da dire. Il fatto è che, per colpa dell’apparenza… “rischiamo la pelle”. E, a rischiare di più sotto il sole sono le donne in gravidanza, o con problemi ormonali: il pericolo è quello di incappare nel cloasma, che regala una sorta di “maschera” di macchie, avverte Adnkronos.

«La realtà è, però, che tutti sottovalutano i danni a lungo termine: le lesioni da sole una volta acquisite tendono a ripresentarsi”, ammonisce Paganelli. Occhio anche «ai farmaci fotosensibilizzanti, che possono dare reazioni in caso di  esposizione. Fra questi anche alcuni antibiotici. Il consiglio è chiedere al medico e, in caso, farsi indicare prodotti alternativi».

Le macchie solari possono essere tolte grazie all’intervento del chirurgo estetico. «Esistono peeling e prodotti sbiancanti che però vanno usati da mani esperte. Sull’iperpigmentazione si può intervenire anche con il laser, con ottimi risultati», assicura.

Non a caso, il record di richieste di questo tipo arriva quasi sempre a settembre, dopo mesi di tintarella selvaggia.

Prevenire è meglio che curare. E la prevenzione si fa anno dopo anno. Esistono creme protettive ormai molto efficaci e gradevoli da applicare. Queste fungono da schermo, pur lasciando che la pigmentazione della pelle si colori.

Ma attenzione: usare la protezione solare non consente di stare sotto il sole tutta la giornata in sicurezza. «Bisogna invece imparare a prendere il sole senza eccessi, utilizzando tutti gli strumenti protettivi a disposizione. Non solo creme dunque – insiste il dermatologo – ma anche cappellini, occhiali e magliette protettive».

L’ombrellone protegge dal sole?

Il consiglio del dermatologo si spinge sin sotto l’ombrellone dove il sole non viene filtrato al 100%. I raggi passano comunque ed è bene non dimenticare la crema anche quando si sta all’ombra distesi sul lettino.

Se sono abbronzato rischio?

Chi è già abbronzato non rischia meno di chi è ancora bianco. I raggi del sole sono sempre gli stessi per tutti. «L’abbronzatura è una difesa naturale dal danno del sole, dunque l’entità dell’abbronzatura è un indice di questo danno», conclude.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube