Tech | Articoli

Registrare una conversazione tra presenti con il cellulare: è lecito?

13 Maggio 2013
Registrare una conversazione tra presenti con il cellulare: è lecito?

Telefonini, registratori mp3 e piccole videocamere: registrare una conversazione tra presenti è diventato oggi un gioco da ragazzi; ma fin dove è lecita questa attività e in che modo può essere utilizzata, come prova, all’interno di un processo?

Sempre più spesso si usa registrare le conversazioni tra presenti per precostituirsi prove e tutelare i propri diritti, complice anche la facilità con cui tutto ciò è reso possibile dai moderni mezzi tecnologici. Ma è lecito? E, soprattutto, è utilizzabile in un eventuale processo? Ecco cosa prevede, a riguardo, la legge.

Le registrazioni non sono intercettazioni

Innanzitutto una registrazione fatta da un privato è una cosa distinta dall’intercettazione. Si tratta, infatti, di due concetti distinti e regolati in modo diverso.

Le intercettazioni possono essere disposte solo dal giudice con un provvedimento motivato che le autorizza. In questo caso, tutti i soggetti captati sono all’oscuro di essere registrati.

Al contrario, le normali registrazioni di conversazioni tra presenti sono eseguite da un privato, di sua spontanea iniziativa, senza che occorra una previa autorizzazione del giudice. In tal caso,la registrazione è effettuata nei riguardi di uno o più soggetti ignari, mentre colui che registra ne è certamente consapevole.

Ci occuperemo, in questo articolo, delle sole registrazioni.

Quando le registrazioni sono lecite

È lecito registrare una conversazione tra presenti purché essa non avvenga tra le mura della privata dimora del soggetto registrato ignaro. Infatti, se la registrazione avviene nella dimora del soggetto registrato, all’oscuro di ciò, oppure in altro luogo privato di pertinenza dello stesso (per esempio, l’abitazione del compagno), la registrazione costituisce reato [1].

Attenzione però: il membro di una conversazione è sempre abilitato a registrarla, in quanto il delitto “scatta” nel momento in cui a registrare la conversazione è un terzo. Ciò perché la captazione delle parole e dei gesti dell’interlocutore, da parte del destinatario degli stessi, non può essere considerata indebita, in quanto costituisce semplicemente una documentazione lecita di quanto già appreso. In altre parole, la registrazione tra presenti è illegittima, nella dimora del registrato, solo se a effettuare la registrazione sia un terzo.

Al contrario, è sempre lecita la registrazione all’interno dell’abitazione del soggetto registrante oppure in qualsiasi luogo di pertinenza dello stesso (ad esempio all’interno della propria automobile) o ancora in una pubblica via o all’interno di un esercizio pubblico. In tali casi, infatti, non vi sono reati che attengono alla lesione della privacy. Secondo la Cassazione, infatti, “chi dialoga accetta il rischio che la conversazione sia registrata” [2].

La diffusione della registrazione

Se è (quasi sempre) lecito registrare una conversazione, la diffusione della registrazione a terzi non può avvenire in modo indiscriminato, poiché altrimenti si pone il reato di lesione della altrui privacy [3].

La diffusione di una conversazione registrata può avvenire solo in due casi:

  • – se c’è il consenso dell’interessato
  • – se avviene con lo scopo di tutelare un proprio o un altrui diritto.

Per esempio, colui che pubblichi su internet una registrazione di una conversazione avuta con soggetti all’oscuro di ciò commette un illecito.

Utilizzo nel processo penale

La registrazione avvenuta nel rispetto delle suddette regole è utilizzabile all’interno del processo penale. In altre parole, chi voglia ottenere la punizione di un altro soggetto, colpevole di aver commesso un reato, oppure dimostrare in un processo, in cui egli stesso è parte, una determinata circostanza, può utilizzare la registrazione eseguita, anche da altri nel suo interesse, e presentarla al giudice penale.

All’interno del processo penale, la registrazione costituisce prova documentale e pertanto è liberamente valutabile dal giudice.

Utilizzo nel processo civile

Anche nel processo civile si può usare una registrazione. Ma l’efficacia di prova che tali registrazioni hanno è molto limitata. Infatti la registrazione costituisce prova solo a condizione che la parte contro cui essa è prodotta non la contesti espressamente. Se dunque la controparte disconosce che i fatti che tali riproduzioni vogliano provare e contesta che tali fatti siano realmente accaduti con le modalità risultanti dalle stesse, la registrazione non vale più come prova.

Come far entrare una registrazione in un processo penale

La registrazione può essere consegnata immediatamente all’Autorità Giudiziaria, dunque, al Pubblico Ministero con un atto di querela, se con la stessa si vuole dimostrare l’esistenza del reato rappresentato con la stessa querela. Si può anche produrre, comunque, al Pubblico Ministero, da parte dell’indagato o della persona offesa (o dai rispettivi difensori) nel corso delle indagini, in qualsiasi momento.

Successivamente, terminate le indagini, nel corso del processo se ne può chiedere l’acquisizione al Tribunale. Non è necessario che la registrazione venga trascritta da un esperto (consulente) poiché è la stessa registrazione ossia il nastro o l’apparecchio sul quale è impressa che costituisce la prova documentale. Saranno il Pubblico Ministero oppure il Tribunale a nominare – solo eventualmente – un consulente, nel primo caso, un perito, nel secondo, per procedere alla trascrizione (sbobinamento) di quanto in essa contenuto.

In alternativa, sia nel corso delle indagini preliminari e sia nel processo, la parte privata (indagato, imputato, parte offesa, parte civile) potrà  autonomamente nominare un proprio consulente e produrre la registrazione all’Autorità insieme alla trascrizione.

Come far entrare una registrazione in un processo civile

Per poter utilizzare una registrazione in processo e farla acquisire agli atti, è necessario che il suo contenuto venga trascritto da un consulente tecnico nominato dal giudice.


note

[1] Art. 615 bis cod. pen.: illecita interferenza nell’altrui vita privata.

[2] Cass. sent. n. 18908 del 13.05.2011.

[3] Art. 167 d.lgs. n. 196/2003.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

27 Commenti

  1. Salve, grazie per l’ottimo articolo. A riguardo, cosa puo’ dirci invece sulle “registrazioni telefoniche”? Quelle cioe’ ovviamente fatte ad insaputa dell’interlocutore? Sono sempre e comunque illecite e non possono costituire prova documentale?
    Grazie ancora,
    Claudio

    1. Le registrazioni telefoniche seguono lo stesso principio. Comunque nei prossimi giorni di questa settimana pubblicheremo un approfondimento proprio sul tema da te indicato. Grazie a te Claudio

  2. Secondo me,è lecito registrare anche tra le mura domestiche della dimora del soggetto ignaro….l’importante è non farlo in violazione di domicilio….L’art 615 bis specifica che non è lecito se si registra in violazione di domicilio (art 614 cp)……Se un conoscente mi fa entrare in casa, la violazione di domicidlio non sussiste.

  3. sono curioso di sapere invece se è lecito riprendere le sedute del consiglio comunale e poterle mettere su you tube.
    il regolamento comunale di castel madama, (RM) nulla dice al riguardo, mentre sul sito del Comune sono pubblicati i file dell’audio.

  4. È sempre lecito registrare una conversazione fra presenti, con qualsivoglia sistema, sia registrarla sia inviata via “radio” ad un terzo ascoltatore, nessun limite e’ nei luoghi o nei sistemi.
    Difatti la legge parla di ” altrui destinato” ovvero sancisce l illecita visione di una corrispondenza destinata ad altri, in qualunque mezzo questa avvenga
    La conversazione e’ mia? Ne faccio ciò che voglio.
    La trascrivo? Diventa pure un documento su cui far causa.
    Non vi è limite alcuno nella registrazione in luoghi privati, NB sempre se uno dei soggetti che registra sia presente alla conversazione e non se ne traggano immagini (della vita privata)
    Il concetto generale e’ quindi: e’ la TUA conversazione, sms, email, lettera..telefonata?? Ne fai ciò che ti aggrada
    Non tutti sanno che dobbiamo l estensione a tutte le conversazioni e non alle sole lettere ad un investigatore privato, il defunto TomPonzi (reo di intercettazioni di altrui telefonate nel 1970 circa)

  5. Mi permetto, il cp615 parla difatti di “illecitamente” ovvero, introdursi in casa d’altro…. Se sono li in modo lecito : registro

  6. Se si parla mentre di registrazioni audio fatte nell’ex casa coniugale, da entrambi i coniugi, 1 contro e all’insaputa dell’altro durante il periodo che precedeva l’imminente separazione, il tutto per procurarsi delle prove sulle colpe della futura separazione e soprattutto per difendersi da eventuali denunce calunniose nei confronti dell’altro

    nel suddetto caso potrebbe essere considerato un reato secondo quanto stabilito dal riferimto al punto [1](dimora del soggetto registrato)? Però sembrerebbe poi lecito come quanto descritto al punto [2](all’interno dell’abitazione del soggetto registrante)!

    GRazie.

  7. salve, se la registrazione avviene all’interno di un ufficio comunale..all’insaputa dell’amministratore comunale è reato?

  8. Salve, ho effettuato delle registrazioni di alcune conversazioni intercorse con la mia ex dalle quali sono emersi parecchi particolari importanti per alcune cause in corso. Tutti mi dicono che non posso impiegarle perché il procedimento è civile e non penale e quindi posso attaccarmi al tram. E’ vero questo o no? Insomma, posso detenere un’ammissione di colpa o di altro su alcune cose che potrebbero stravolgere, a mio favore, l’esito di procedimenti civili e non utilizzarli??? Aspetto vostre fattive e concrete risposte. Ho poco tempo a disposizione…ma nessuno sembra così tanto preparato sulla materia.

  9. da qualche tempo filmo stranieri , quando passo in una determinata via , perché ho ricevuto da questi ultimi , percosse , insulti minacce , la sera specialmente , se loro invece filamano me senza un reale motivo di pericolo per loro o del loro patrimonio da parte mia posso farglielo notare ???? la cosa mi scoccia un po’ ..

  10. Buongiorno avvocati
    Ho problemi di schiamazzi diurni e notturni, di solito gruppi numerosi di minori lasciati a giocare per strada per ore, a fare dispetti nel circondario, a creare ostacolo alla circolazione.
    Ho registrato a più riprese i bambini, con telefonino e altri sistemi, mentre sono sulla strada, nei giardini, nei parcheggi pubblici, con l’obiettivo di crearmi una prova del continuo fracasso ma mi hanno detto che non è legale quello che faccio.
    Ho trovato alcune indicazioni su una sentenza che discrimina i casi in cui l’oggetto delle riprese sono persone che si muovono e parlano in un luogo pubblico e non nascosto alla vista e all’udito di chicchessia, oppure se si muovono anche in suolo pubblico ma di nascosto alla normale vista e udito di avventori. Dagli stessi principi nasce un’altra discriminante cioè l’utilizzo di teleobbiettivi o strumenti di captazione remota di suoni: tutto quello che può essere visto e sentito senza amplificazioni da una persona che si trova nei paraggi è lecito che sia anche registrato. Forse non riesco a spiegarmi ma l’idea che ho colto è che se due persone in mezzo a un campo deserto per 200m di raggio parlano tra loro significa che lo fanno sapendo di non essere ascoltati e non puoi usare un megamicrofono per registrarli, mentre se sotto il lampione per strada ci sono due persone sotto gli occhi di tutti che parlano a 3 metri dalle finestre delle case puoi videoregistrarle, ovviamente sempre senza diffondere a terzi.
    chi ha ragione?
    (Giancà)

    1. L’enorme numero di consulenze che riceviamo ogni giorno ci ha obbligato ad attivare uno speciale servizio di richiesta, tramite “ticket”, onde poter dare un riscontro a tutti, professionale ed in tempi certi.

      Per acquistare il “ticket” online è necessario collegarsi al portale https://www.laleggepertutti.it. Sul menu di sinistra troverà, sotto la voce rossa “servizi”, l’opzione “Richiedi consulenza”.
      Lo stesso risultato si può raggiungere cliccando sulla scritta, posta sopra ogni articolo, “Richiedi consulenza su questo argomento”.

      A quel punto, il sistema La guiderà nel pagamento attraverso carta di credito, Paypal o Postepay.

      Si tratta di un’operazione molto semplice e dal modico prezzo (euro 29,00 iva compresa) che ci consente di rispondere alle svariate domande che ci arrivano da tutta Italia.

  11. salve, se la registrazione avviene all’interno di una ufficio dove cè anche una video surveglianza ..all’insaputa è reato? –

  12. buon giorno, è reato registrare o fotografare in azienda comportamenti scorretti o azioni poco regolari anche per difesa stessa della mia persona? grazie

  13. se la registrazione avviene in consiglio comunale senza preavviso e successivamente utilizzata e fatta risentire a terzi, è reato?

  14. è reato registrare il proprio superiore dove si lavora, perchè non ammete mai gli errori è non confessa mai quello che ha detto,cio è dice le cose e poi ripete di non aver deto cosi ma diversamente. Non per alto ,ma per la tutella del posto di lavoro e per le colpe che uno non gli ha. Grazie

  15. Che dire invece della trascrizione scritta di una chiamata (parola per parola). E’ lecito trascrivere una chiamata senza il mio consenso ?

  16. Vorrei sapere se registrare una conversazione telefonica è reato e se si può usare come prova in caso di querela.

  17. volevano rovinarmi facendomi parlare male di un famoso personaggio televisivo per poter poi farmi causa.
    Intanto, non essendo nel mio stile di vita diffamare persone assenti, non sono minimamente riusciti nel delinquenziale intento, e si devono aspettare un ritorno del male che volevano impormi, in secondo vorrei invitare tutti ad allenarsi a parlare sempre poco e bene e a non dir male di nessuno se questo non è presente e per motivi costruttivi, sempre con misura ed in modo da essere utili al confronto civile.
    Il nemico si tinge sempre da aiutante, amico, sostenitore, benefattore. Esiste un tipo di tarocchi da collezione italiani in cui figura un personaggio chiamato “domestico bruno, untuoso”.. ecco i personaggi loschi e luridi che spesso ci circondano, specialmente più saliamo di apparenze sociali. Lecchini, vigliacchi, doppiogiochisti, traditori e fanghiglia. Attenzione .

  18. salve sono separato da mia moglie consensuale, quando le telefono posso registrarla? oppure se siamo a visita medica in presenza di un medico per visita hai bambini minori si può registrare tutta la conversazione e presentarla agli atti del giudice istruttore causa civile?

  19. salve sono in corso di un processo penale , dove il quale e stata fatta una registrazione su di me nel mio negozio ma in tribunale e stato solo depositato pochi minuti di registrazione ( 5 min , 50 secondi e 7 min) cioe la registrazione e stata tagliata e manomessa ,io tramite il mio perito ho fatto uscire sempre dalla stessa registrazione fail che durano un’ora che in tribunale non erano stati consegnati , ora vorrei sapere se i fail da loro consegnati e dopo circa 5 mesi tagliati sono da prendere in considerazione ? o no ?

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube