Diritto e Fisco | Articoli

Chi partecipa alla redazione del Piano educativo per i disabili?

17 Agosto 2019
Chi partecipa alla redazione del Piano educativo per i disabili?

Quali sono i soggetti che per legge possono partecipare alla predisposizione del Piano educativo individualizzato (PEI) necessario nelle scuole per meglio sostenere i ragazzi e le ragazze disabili?

In base all’articolo 7 del decreto legislativo n. 66 del 2017, a decorrere dal 1° settembre 2019, per il Piano educativo individualizzato saranno operative le seguenti norme:

  • e’ elaborato e approvato dai docenti contitolari o dal consiglio di classe, con la partecipazione dei genitori o dei soggetti che ne esercitano la responsabilità, delle figure professionali specifiche interne ed esterne all’istituzione scolastica che interagiscono con la classe e con la bambina o il bambino, l’alunna o l’alunno, la studentessa o lo studente con disabilità nonché con il supporto dell’unita’ di valutazione multidisciplinare;
  • e’ redatto all’inizio di ogni anno scolastico di riferimento, a partire dalla scuola dell’infanzia, ed e’ aggiornato in presenza di nuove e sopravvenute condizioni di funzionamento della persona;
  • e’ soggetto a verifiche periodiche nel corso dell’anno scolastico al fine di accertare il raggiungimento degli obiettivi e apportare eventuali modifiche ed integrazioni.

Tuttavia bisogna dire che in data 31 luglio 2019 il Consiglio dei Ministri ha approvato in via definitiva un altro decreto legislativo che interviene nuovamente sulle norme appena citate.

Se il testo del nuovo decreto legislativo sarà confermato in sede di pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale, dal 1° settembre 2019 saranno operative queste regole:

  • il Piano educativo individualizzato (PEI) dovrà essere approvato dal Gruppo di Lavoro Operativo per l’inclusione composto dal team dei docenti contitolari o dal consiglio di classe, con la partecipazione dei genitori del disabile o della disabile, o di chi esercita la potestà genitoriale, delle figure professionali specifiche, interne ed esterne all’istituzione scolastica che interagiscono con il ragazzo o la ragazza con disabilità nonché con il supporto dell’unità di valutazione multidisciplinare e con un rappresentante designato dall’Ente locale.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Angelo Forte 



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube