Diritto e Fisco | Articoli

Il postino amico può aiutarmi a non pagare le multe?

4 Agosto 2019
Il postino amico può aiutarmi a non pagare le multe?

Ci si può opporre alla contravvenzione e all’avviso di pagamento per difetti di notifica. Ecco come annullare un debito. Ma attenzione al reato. 

Se è vero che, per essere valida, una multa va consegnata a domicilio al proprietario dell’auto e che, in presenza di qualche difetto di notifica, il debito può essere cancellato con una sola opposizione, è normale chiedersi quale gioco rivesta, in tutto ciò, un postino amico. L’accondiscendenza prestata dall’addetto al recapito delle raccomandate può consentire di annullare il procedimento per un vizio di forma?

Certo, chiedere a un avvocato se il postino amico può aiutarmi a non pagare le multe è una domanda politically uncorrect. Il postino, infatti, è un pubblico ufficiale e, non adempiendo ai doveri del proprio ufficio, non commetterebbe solo un illecito disciplinare, passibile di licenziamento; oltre a ciò scatterebbe un reato per il quale rischia chiaramente un procedimento penale e, magari, un’azione risarcitoria.

Chi mai, per una semplice multa di poche decine di euro, si esporrebbe a un rischio di questo tipo? Forse è più probabile che, un comportamento del genere, per quanto palesemente illegale, venga richiesto per cartelle esattoriali molto più elevate: ma ricorda che parliamo sempre di un falso, condotta gravemente sanzionata dalla legge e che, di certo, non onorerebbe la divisa.

Eppure, se anche non possiamo sapere quali siano le ragioni che abbiano spinto più di un ufficio postale a commettere errori nella compilazione del registro di consegna delle raccomandate, la risposta al quesito è purtroppo positiva: è vero che un postino amico può aiutare a non pagare le multe. Almeno potenzialmente. Ma come? Un postino può volutamente sbagliare a notificare una cartella o una multa per far sì che non venga poi pagata?

Come aiutare a non pagare i debiti per vizi di notifica

A spiegarlo – per quanto strano ti possa sembrare – è la Cassazione che, con più di una sentenza, ha indicato chiaramente le istruzioni da seguire in caso di notifica impossibile per assenza momentanea o per irreperibilità del destinatario. Il mancato rispetto di questo iter implica l’invalidità della notifica stessa e, quindi, del verbale o della cartella di pagamento.

Certo, si potrà dire che l’errore potrebbe essere determinato da una svista, da ignoranza, da pigrizia o dall’esigenza di finire al più presto il proprio turno. E del resto, in assenza di una prova di un dolo specifico, è difficile incriminare un postino che commetta una irregolarità nella compilazione dell’avviso di ricevimento delle raccomandate.

Una recente sentenza della Cassazione [1] non fa che confermare tutto ciò che abbiamo detto. Ecco allora come un postino amico potrebbe aiutare a non pagare un debito.

Adempimenti del postino in caso di infruttuoso tentativo di notifica

Se un postino dovesse cercarti a casa e, in quel momento, non dovesse trovare nessuno cosa succederebbe?

Innanzitutto, il portalettere è tenuto a verificare se, in casa, ci sono familiari conviventi con più di 14 anni e non palesemente incapaci a cui consegnare la raccomandata. Poi, accerta se c’è una colf o altra persona addetta alla casa, che accetti di ricevere la busta al posto tuo. Tutti questi soggetti potrebbero però non essere presenti o legittimamente rifiutarsi di firmare l’accettazione della raccomandata al posto tuo (è un loro diritto).

Se così fosse e non dovesse esserci neanche un portiere a cui affidare la busta, ecco cosa deve fare il postino. Sull’avviso di ricevimento che deve essere riconsegnato al mittente, deve indicare tutti i passaggi posti in essere dall’ufficiale postale per procedere alla notificazione che non sia però andata a buon fine per la temporanea assenza del destinatario e per mancanza di altre persone abilitate a ricevere l’atto.

In caso di notificazione a mezzo posta, l’ufficiale postale, qualora non abbia potuto consegnare l’atto al destinatario o ad altra persona abilitata a riceverlo, deve rilasciare nella buca delle lettere del destinatario l’avviso di giacenza ossia la comunicazione che la lettera viene depositata nell’ufficio postale. Tale avviso contiene anche l’invito al ritiro entro 10 giorni (termine di giacenza).

Il postino deve poi provvedere, dopo tale deposito, alla compilazione dell’avviso di ricevimento che deve specificare tutte le attività eseguite. Da tale premessa discende che «ove l’avviso di ricevimento non contenga precisa menzione di tutte le descritte operazioni e in difetto di dimostrazione dell’attività svolta dall’ufficiale postale, la notifica è radicalmente nulla».


note

[1] Cass. ord. n. 6678/18 del 19.03.2018.

Corte di Cassazione, sez. III Civile, ordinanza 27 giugno 2017 – 19 marzo 2018, n. 6678

Presidente Chiarini – Relatore Positano

Fatto e diritto

Rilevato che:

con atto di citazione del 21 giugno 2011, M.E. ha proposto appello avverso la sentenza del Giudice di Pace di Ferentino del 26 febbraio 2010 con la quale era stato condannato alla restituzione della somma di Euro 1000,00 oltre accessori, in favore di D.M.C. , censurando la circostanza che la decisione era stata emessa sulla base di un’errata dichiarazione di contumacia, attesa la nullità della notifica. Con sentenza datata 25 ottobre 2013 il Tribunale di Frosinone, in accoglimento dell’appello, dichiarava la nullità della citazione introduttiva del giudizio di primo grado e, conseguentemente, della sentenza impugnata, rimettendo la causa dinanzi al giudice di prime cure, con compensazione delle spese di lite;

avverso tale decisione propone ricorso per cassazione D.M.C. sulla base di un unico motivo. Resiste in giudizio M.E. con controricorso e ricorso incidentale sulla base di tre motivi. D.M.C. deposita controricorso avverso il ricorso incidentale.

Considerato che:

con l’unico motivo di ricorso D.M.C. lamenta l’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio, ai sensi dell’articolo 360, n. 5 c.p.c. per avere il giudice di appello mancato di esaminare la documentazione comprovante l’attività svolta dall’ufficiale giudiziario, come analiticamente descritta nei documenti costituenti gli allegati numero 3) e 4) del ricorso, rispettivamente relativi alla documentazione attestante la regolarità della notifica ai sensi dell’articolo 140 c.p.c. e il fascicolo di parte del giudizio di primo grado svolto davanti al Giudice di Pace dal quale emerge che l’ufficiale giudiziario, non avendo trovato il destinatario ha provveduto al deposito di copia dell’atto nella casa comunale di Frosinone, all’invio dell’avviso di deposito in busta chiusa e all’affissione alla porta del destinatario, nonché all’invio di altro avviso spedito al destinatario con comunicazione dell’avvenuto deposito;

con il controricorso M.E. eccepisce che il ricorrente allega al proprio ricorso documentazione nuova, con specifico riferimento a quella costituente gli all.ti n. 3 e n. 4 (erroneamente indicato, quest’ultimo, come n. 5). Attesa la novità di tale documentazione, non presa in esame dalla Corte territoriale, è in atti soltanto la cartolina di ritorno, priva di qualsiasi indicazione relativa alle attività necessarie per la regolarità della notificazione (avviso affisso alla porta dell’abitazione, emissione della successiva raccomandata indirizzata al destinatario con l’avviso del tentativo della notificazione);

il motivo va correttamente qualificato ai sensi dell’articolo 360, numero quattro del codice di rito ed è infondato. Infatti sulla base della documentazione in atti emerge che i “campi modulo” dell’avviso di ricevimento datato 23 aprile 2009, sul retro della cartolina sono privi di indicazioni per cui la notifica e nulla. Infatti, in caso di notificazione a mezzo posta, l’ufficiale postale, qualora non abbia potuto consegnare l’atto al destinatario o a persona abilitata a riceverlo in sua vece, ai sensi degli art. 8 e 9 della legge 20 novembre 1982, n. 890, ha l’obbligo, dopo avere accertato che il destinatario non ha cambiato residenza, dimora o domicilio, ma è temporaneamente assente, e che mancano persone abilitate a ricevere il piego, di rilasciare al notificando l’avviso del deposito del piego nell’ufficio postale e di provvedere, eseguito il deposito, alla compilazione dell’avviso di ricevimento che, con la menzione di tutte le formalità eseguite, deve essere restituito con il piego al mittente, dopo la scadenza del termine di giacenza dei dieci giorni dal deposito; ne consegue che, ove l’avviso di ricevimento non contenga precisa menzione di tutte le descritte operazioni e in difetto di dimostrazione dell’attività svolta dall’ufficiale postale offerta “aliunde” dal notificante, la notifica è radicalmente nulla (Sez. 3, Sentenza n. 10998 del 19/05/2011, Rv. 617863 – 01);

a rigore va detto che sull’indice del fascicolo di appello dell’odierno ricorrente e annotata solo, al numero tre la copia dell’atto di citazione davanti al Giudice di Pace di Ferentino e non anche la indicazione degli adempimenti relativi alla notifica. In ogni caso è allegata alla richiesta di notifica numero 574 del 22 aprile 2009, la descrizione degli adempimenti ai sensi dell’articolo 140 del codice di rito del 23 aprile 2009 e numero di raccomandata relativa all’avvenuto deposito. Il documento attestante l’invio della raccomandata datata 24 aprile 2009, l’avviso di ricevimento, questa volta nuovamente datato 23 aprile 2009 privo di ogni indicazione diversa dalle generalità delle destinatario (numero 574) è una annotazione a matita di verosimile avvenuta giacenza datata 15 maggio 2009;

con il primo motivo del ricorso incidentale si deduce l’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio, ai sensi dell’articolo 360, n. 5 c.p.c., riguardo alla circostanza della nullità della notificazione effettuata in luogo diverso dalla residenza del convenuto (in particolare all’indirizzo di (omissis) , in luogo dell’indirizzo di via (omissis) , presso il quale, dal 2 gennaio 2009, M. risultava residente);

con il secondo motivo deduce l’omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio ai sensi della medesima disposizione, con riferimento alla nullità della citazione per assegnazione di un termine a comparire inferiore a quello stabilito dalla legge. In particolare, il Giudice di Pace assegnava un termine inferiore a quello di 45 giorni previsto dall’articolo 318 c.p.c. senza motivare l’urgenza di tale abbreviazione;

con il terzo motivo M. deduce l’omesso esame dell’eccepita incompetenza territoriale del Giudice di Pace;

I tre motivi sono essere trattati congiuntamente e sono assorbiti in considerazione del mancato accoglimento del ricorso principale;

ne consegue che il ricorso principale deve essere rigettato, mentre quello incidentale e assorbito; le spese del presente giudizio di cassazione – liquidate nella misura indicata in dispositivo – seguono la soccombenza, dandosi atto della sussistenza dei presupposti di cui al D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, introdotto dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17: “Quando l’impugnazione, anche incidentale, è respinta integralmente o è dichiarata inammissibile o improcedibile, la parte che l’ha proposta è tenuta a versare un ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per la stessa impugnazione, principale o incidentale, a norma del comma 1-bis. Il giudice dà atto nel provvedimento della sussistenza dei presupposti di cui al periodo precedente e l’obbligo di pagamento sorge al momento del deposito dello stesso”.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso principale e dichiara assorbito il ricorso incidentale e condanna il ricorrente al pagamento delle spese in favore del controricorrente, liquidandole in Euro500,00 per compensi, oltre alle spese forfettarie nella misura del 15 per cento, agli esborsi liquidati in Euro 200,00 ed agli accessori di legge.

Ai sensi dell’art. 13, comma 1 quater del d.p.r. 115 del 2002, da atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma del comma Ibis dello stesso articolo 13.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

    1. Grazie mille Enzo. Ogni giorno, su La Legge per Tutti, puoi trovare numerose news, continui aggiornamenti e aporofondimenti su temi sempre attuali e utili per districarsi nel mondo del diritto.

Rispondi a Enzo di caro Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube