Abbandono di animali: statistiche

4 Agosto 2019 | Autore:
Abbandono di animali: statistiche

Soprattutto d’estate si intensifica il triste fenomeno dell’abbandono di animali, che non riguarda solo cani e gatti. È già reato, ma le sanzioni sono insufficienti.

Sono almeno 130 mila gli animali che vengono abbandonati ogni anno in Italia: 80 mila cani e 50 mila gatti, secondo le statistiche dei dati stimati dalla Lav (Lega anti-vivisezione) e riportati dalla nota agenzia stampa AdnKronos. Il picco degli abbandoni di animali si registra proprio nel periodo estivo, quando la partenza delle vacanze induce alcuni a liberarsi della presenza di un animale domestico, considerata scomoda e fastidiosa. Una vera e propria crudeltà, che espone gli animali abbandonati alla sofferenza ed al rischio di morire in incidenti o di stenti o per maltrattamenti; un comportamento riprovevole che costituisce anche reato, punito dal Codice penale con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda fino a 10 mila euro [1], ma non basta ad arginare il triste fenomeno.

Infatti, le denunce per queste condotte, di conseguenza le indagini e le condanne, sono pochissime e il reato sembra non avere una reale efficacia deterrente. Secondo il rapporto della Lav, basato sui dati forniti dalle Procure italiane, nell’intero anno 2018 sono stati soltanto 1.217 i procedimenti aperti per il reato di abbandono di animali. Se accostiamo questo dato ai 130 mila abbandoni annui, emerge che meno di un fatto reato su 100 è stato punito o, per essere più precisi, perseguito, perché non si conosce quanti di questi procedimenti siano arrivati ad una condanna. Per questo, i rappresentanti della Lav ritengono che questa disposizione penale «rappresenta una risposta inefficace e per nulla persuasiva per un reato così diffuso. Sicuramente, le difficoltà di accertamento del reato sono
enormi, ma è evidente che sotto il profilo della funzione preventiva della pena la sanzione è inappropriata».

Se consideriamo che – sempre secondo i dati diffusi dalla Lav – nelle case degli italiani ci sono almeno 7 milioni di cani e 7,5 milioni di gatti (ai quali vanno ad aggiungersi i tanti animali custoditi in canili o rifugi e quelli randagi), questo significa che ogni anno più di un cane su 100 e circa un gatto su 150 vengono abbandonati. Bisogna, però, aggiungere anche altri tipi di animali che vengono abbandonati con altrettanta facilità: uccelli, criceti, conigli, pesci e rettili, come le tartarughe; ma non si hanno statistiche che misurano il fenomeno.

Intanto, in Parlamento giace da sei mesi una proposta di legge [2], presentata dai senatori Perilli e Maiorino (M5S) che prevede un notevole inasprimento delle pene per il reato di abbandono, con sanzioni più che raddoppiate ed applicazione congiunta (non alternativa, come avviene ora) delle pene dell’arresto e dell’ammenda; ma la sua discussione non è stata ancora calendarizzata. Nel frattempo, non rimane che sperare nella sensibilità dei proprietari per arrivare a tutelare meglio gli animali domestici da maltrattamenti e abbandoni.


note

[1] Art. 727 Cod. pen.  «Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l’arresto fino ad un anno o con l’ammenda da 1.000 a 10.000 euro.
Alla stessa pena soggiace chiunque detiene animali in condizioni incompatibili con la loro natura, e produttive di gravi sofferenze».

[2] Senato della Repubblica, disegno di legge n. 1078/2019 del 19.02.2019.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube