Diritto e Fisco | Articoli

Si possono anticipare i permessi legge 104?

8 Agosto 2019 | Autore:
Si possono anticipare i permessi legge 104?

Il lavoratore con particolari esigenze può fruire in un’unica soluzione dei permessi retribuiti per l’assistenza di familiari disabili?

I permessi legge 104 sono delle assenze retribuite, finalizzate all’assistenza, da parte del lavoratore, di un familiare al quale è stato riconosciuto un handicap grave. Questi permessi possono, però, essere riconosciuti anche allo stesso lavoratore, nell’ipotesi in cui gli sia stato riconosciuto un handicap in situazione di gravità.

I permessi spettanti sono normalmente pari a 3 giorni al mese, frazionabili a ore. Se a fruire dei permessi è il lavoratore disabile in prima persona, può beneficiare, in alternativa ai 3 giorni mensili, di 2 ore al giorno di permesso, oppure di un’ora al giorno, qualora l’orario giornaliero sia inferiore alle 6 ore.

A seconda delle particolari esigenze del lavoratore disabile, o del disabile assistito, tuttavia, i permessi legge 104 spettanti nel mese possono non essere sufficienti: pensiamo al caso in cui il disabile debba sottoporsi a delle cure per le quali necessiti di assistenza per diversi giorni, o per le quali sia necessario spostarsi per parecchio tempo. In questi casi si possono anticipare i permessi legge 104?

È possibile, cioè, fruire in anticipo, durante un determinato mese, dei permessi orari o giornalieri spettanti nei mesi successivi, per esigenze di cura ed assistenza? Ad esempio, è lecito che il lavoratore richieda, nel mese di agosto, di fruire di 9 giorni di permesso (le 3 giornate di agosto, quelle di settembre e quelle spettanti ad ottobre), a patto, naturalmente, di non richiedere i permessi mensili per i successivi due mesi? Nel caso in cui il cumulo non sia lecito, ma il lavoratore debba assentarsi per un lungo periodo, la legge 104 prevede altre tutele, come congedi e aspettative? Proviamo a fare chiarezza, in base alla finalità di queste assenze retribuite per l’assistenza dei portatori di handicap grave.

A chi spettano i permessi legge 104?

I permessi legge 104 spettano in prima persona al lavoratore portatore di handicap in situazione di gravità, oppure per assistere i seguenti familiari portatori di handicap grave:

  • genitori;
  • coniuge;
  • convivente di fatto: non si tratta di un semplice coinquilino, ma del convivente more uxorio; per il diritto ai permessi, deve essere stata effettuata la dichiarazione di convivenza anagrafica al Comune di residenza, mentre non è necessaria la firma di un patto di convivenza;
  • parte dell’unione civile;
  • parenti e affini entro il 2° grado;
  • parenti e affini entro il 3° grado, se il genitore, il coniuge, il partner dell’unione civile o il convivente del disabile:
    • hanno compiuto i 65 anni;
    • sono invalidi a carattere permanente;
    • sono deceduti o mancanti (assenza naturale o giuridica).

Quanti permessi spettano al mese?

I permessi legge 104 possono ammontare a:

  • 3 giorni al mese, frazionabili anche a ore;
  • 3 giorni al mese o 2 ore al giorno (se l’orario giornaliero è superiore alle 6 ore, altrimenti un’ora al giorno), per il lavoratore disabile.

Per i lavoratori in regime di part time verticale che prestano servizio per meno della metà delle giornate lavorative settimanali, ad esempio che lavorano 2 giorni su 6, i 3 giorni di permesso Legge 104 non spettano per intero e devono essere riproporzionati [1].

Se il lavoratore assiste più disabili, o ha diritto ai permessi per sé stesso e per un familiare portatore di handicap grave assistito, può cumulare i permessi, a meno che non sia possibile l’assistenza contemporanea (ne abbiamo parlato in: Cumulo permessi legge 104).

Marco assiste la moglie ed il padre: entrambi non possono spostarsi dall’appartamento in cui vivono, quindi l’assistenza congiunta non è possibile; a Marco, lavoratore full time (o in regime di part time orizzontale, o verticale/ misto, se lavora per almeno la metà delle giornate settimanali), spettano 6 giorni di permesso al mese.

Si possono anticipare i permessi legge 104?

Come abbiamo osservato, possono spettare più di 3 giornate al mese di permessi retribuiti, se i lavoratori assistiti sono più di uno, e l’assistenza contemporanea non è possibile.

La legge, invece, non consente di anticipare i permessi legge 104, cioè di fruire in un mese i permessi spettanti nel mese successivo, o nei mesi successivi, neanche se questa richiesta risponde a bisogni specifici di cura e di assistenza del disabile.

Nel caso in cui vi siano straordinarie esigenze legate alle cure del disabile, difatti, è possibile fruire di assenze alternative:

  • il familiare lavoratore che assiste il disabile ha diritto al congedo straordinario legge 104;
  • il disabile, se lavoratore, ha il diritto di:
    • assentarsi per malattia;
    • assentarsi per malattia per cure ricorrenti;
    • fruire di un congedo per cure relative all’infermità riconosciuta, per un periodo non superiore a 30 giorni l’anno, se risulta invalido dal 51%; il congedo è retribuito come le assenze per malattia, e il diritto alle assenze va verificato all’interno del contratto collettivo di riferimento;
    • fruire di aspettative e congedi non retribuiti, in base alle previsioni del contratto collettivo applicato; il datore di lavoro, però, non è obbligato né a collocare unilateralmente il dipendente in aspettativa, né a sollecitare la richiesta di aspettativa.

Il disabile, in alternativa, può chiedere di convertire il contratto in part time, se:

  • affetto da malattie oncologiche, e con una ridotta capacità lavorativa;
  • affetto da malattie cronico-degenerative: il diritto al part time, in questo caso, sorge se si tratta di patologie «ingravescenti», cioè di malattie destinate ad aggravarsi progressivamente e gradualmente nel corso del tempo, per le quali il miglioramento è praticamente impossibile; tra le più conosciute malattie cronico-degenerative ricordiamo il morbo di Parkinson e l’Alzheimer, la sclerosi multipla e l’Aids.

note

[1] Cass. sent. n. 22925/2017.

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube