Diritto e Fisco | Articoli

Contestazione assenza visita fiscale

9 Agosto 2019 | Autore:
Contestazione assenza visita fiscale

Esonero e casi di giustificazione del lavoratore che si trova fuori dal proprio domicilio al passaggio del medico dell’Inps: come opporsi alle sanzioni.

Essere assenti alla visita fiscale può costare molto caro: se il lavoratore, infatti, non si fa trovare in casa durante le fasce orarie in cui può passare il medico dell’Inps per il controllo del suo stato di salute, può perdere addirittura l’indennità di malattia e rischia il licenziamento.

Nello specifico, il lavoratore assente ingiustificato:

  • alla prima visita fiscale: perde qualsiasi trattamento economico sino a un massimo di 10 giorni, sino alla visita ambulatoriale (il medico lascia normalmente un avviso con l’invito per il lavoratore a recarsi a un controllo nell’ambulatorio Asl); se l’assenza alla visita domiciliare è giustificata ma il lavoratore non si presenta alla visita ambulatoriale, perde l’indennità per i primi 10 giorni di malattia.
  • alla seconda visita fiscale: perde il trattamento economico per i primi 10 giorni di malattia, e subisce la riduzione del 50% del trattamento economico per il periodo rimanente;
  • alla terza visita fiscale: l’indennità di malattia smette di essere erogata.

Oltre a ciò, il lavoratore assente ingiustificato alla visita fiscale può essere sanzionato dal datore di lavoro:

  • nei casi più gravi col licenziamento disciplinare, in base al comportamento del dipendente ed all’eventuale lesione del vincolo di fiducia;
  • anche per non aver comunicato al datore di lavoro l’allontanamento dal proprio domicilio durante le fasce orarie di reperibilità, se il contratto collettivo prevede quest’obbligo, nonostante l’assenza sia dovuta ad un giustificato motivo [1].

Ma è possibile opporsi alle sanzioni inflitte a seguito dell’assenza alla visita fiscale?

Facciamo chiarezza sulla contestazione assenza visita fiscale: in quali casi si è esonerati, in quale ipotesi si è giustificati, quali documenti sono idonei come giustificazione, come comportarsi.

Per avere un quadro chiaro, completo e aggiornato sulla visita fiscale, da che cosa fare quando ci si ammala, o in caso di ricaduta, al ritorno al lavoro: Guida visita fiscale Inps.

Inoltre, è bene sapere che se l’assenza alla visita fiscale deriva dallo spostamento in un altro domicilio, è sufficiente comunicare all’Inps e al datore di lavoro il cambio d’indirizzo: se la comunicazione è inviata tempestivamente, il medico dell’Inps si presenterà all’indirizzo corretto e non verbalizzerà alcuna assenza. Ma procediamo con ordine.

A che ora passa la visita fiscale?

Le fasce orarie per la visita fiscale sono differenti per i dipendenti pubblici e per i lavoratori subordinati delle aziende del settore privato.

Per questi ultimi, difatti, la fascia oraria va dalle 10 alle 12 e dalle 17 alle 19.

Per i dipendenti pubblici, il medico dell’Inps può passare dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18.

Il medico fiscale può passare sempre, 7 giorni su 7, anche nei festivi, nelle domeniche e nelle giornate non lavorative, e persino più volte nell’arco dello stesso periodo di malattia o nello stesso giorno.

Chi è esonerato dalla visita fiscale?

Il lavoratore non deve essere sottoposto alla visita fiscale se:

  • ha una patologia grave che richiede terapie salvavita;
  • ha una malattia per la quale sia stata riconosciuta la causa di servizio (solo se appartiene ad alcune categorie particolari di dipendenti pubblici, per le quali la causa di servizio non è stata abolita);
  • ha una malattia collegata alla situazione di invalidità riconosciuta, se l’invalidità è pari o superiore al 67%.

In ogni caso, anche per i dipendenti esonerati, l’Inps può disporre opportune verifiche.

Chi è giustificato per l’assenza alla visita fiscale?

Ci sono diversi casi in cui il lavoratore, pur non essendo esonerato dalla visita fiscale, può essere assente giustificato. La legge non elenca i casi di assenza giustificata, ma la giurisprudenza, nel tempo, ha evidenziato diverse circostanze nelle quali il dipendente può evitare di essere sanzionato per non essere stato a disposizione del medico dell’Inps durante le fasce per la visita fiscale.

Ecco quali sono le ipotesi principali:

  • ricovero ospedaliero;
  • malattia già accertata da precedente visita di controllo (si ritiene che questa circostanza, a seguito dell’operatività della riforma delle visite fiscali, sia eventualmente valida per i soli dipendenti non appartenenti al settore pubblico; per questi ultimi, invece, è possibile che il medico dell’Inps passi anche più volte nella stessa giornata; non è stato mai invece chiarito esplicitamente se il passaggio del medico più volte nell’arco della stessa malattia sia possibile anche per i dipendenti delle aziende del settore privato);
  • assenza dovuta a giustificato motivo:
    • forza maggiore;
    • situazioni che abbiano reso necessaria ed indifferibile la presenza del lavoratore altrove;
    • visite, prestazioni e accertamenti specialistici durante il periodo di disponibilità, se si dimostra che le stesse non potevano essere effettuate in ore diverse da quelle corrispondenti alle fasce orarie di reperibilità;
    • ogni serio e fondato motivo che rende plausibile l’allontanamento del lavoratore dal proprio domicilio (seria e valida ragione, socialmente apprezzabile) [2].

Un elenco delle situazioni che, in concreto, giustificano l’assenza alla visita fiscale, si trovano in: Assenza giustificata alla visita dell’Inps.

Come giustificare la visita fiscale?

Una volta che è stata verbalizzata dal medico dell’Inps l’assenza alla visita fiscale, che cosa può fare il lavoratore per giustificarsi?

Innanzitutto, bisogna osservare che il primo adempimento da effettuare è comunicare l’assenza tempestivamente al datore di lavoro, che a sua volta comunica l’assenza all’Inps.

Il dipendente, poi, per giustificare l’assenza alla visita fiscale, se la motivazione dell’indisponibilità è di natura sanitaria, deve trasmettere all’Inps la relativa documentazione.

Quest’adempimento è obbligatorio per i dipendenti pubblici, e per i lavoratori del settore privato che ricevono l’indennità di malattia non dall’Inps, ma dal datore di lavoro: il datore, in queste ipotesi, deve decidere se giustificare il dipendente per l’assenza nelle fasce di reperibilità. L’Inps, a seguito della ricezione della documentazione, rilascia un parere sull’opportunità di giustificare, o meno, l’assenza.

Questo parere non deve essere inviato dal lavoratore all’azienda, ma è a disposizione del datore di lavoro, che può consultarlo online, presso la seguente sezione del sito web dell’istituto: Richiesta visite mediche di controllo/ consulta verbale giustificabilità [3].

Come contestare le sanzioni del datore di lavoro?

Se il datore di lavoro sanziona il dipendente assente alla visita fiscale, il lavoratore può contestare la sanzione irrogata, nell’ipotesi che ritenga che sia illegittima.

Per approfondire: Contestazione sanzioni disciplinari illegittime.

note

[1] Cass. sent. n. 1481/2000.

[2] Cass. sent. n. 10661/2016.

[3] Messaggio Inps 1270/2019.


2 Commenti

  1. Buonigorno,
    mi è stata notificata, a distanza di 3 mesi, un’assenza ingiustificata a visita fiscale. Al momento non conosco il motivo della mia teorica assenza, perchè devo controllare la mia documentazione.
    Il medico non ha però lasciato alcun avviso, altrimenti mi sarei presentato alla visita ambulatoriale essendo la malattia relativa ad una spalla rotta e quindi senza alcunchè da nascondere.
    Cosa posso fare in questo caso?

    Inoltre le sanzioni partono dal giorno della visita fiscale o sono retroattive? Grazie

    1. Leggi i seguenti articoli:
      -Giustificazioni valide per l’assenza alla visita fiscale, quali sono? https://www.laleggepertutti.it/15733_giustificazioni-valide-per-lassenza-alla-visita-fiscale-quali-sono
      -Visita fiscale, come giustificare l’assenza https://www.laleggepertutti.it/150368_visita-fiscale-come-giustificare-lassenza
      -Malattia, visita fiscale e assenza del dipendente https://www.laleggepertutti.it/139117_malattia-visita-fiscale-e-assenza-del-dipendente
      -Visita fiscale: orari, reperibilità, assenza https://www.laleggepertutti.it/111621_visita-fiscale-orari-reperibilita-assenza
      -Assenza visita fiscale: ultime sentenze https://www.laleggepertutti.it/283623_assenza-visita-fiscale-ultime-sentenze

      Per sottoporre il tuo caso specifico all’attenzione dei professionisti del nostro network, puoi richiedere una consulenza legale cliccando qui https://www.laleggepertutti.it/richiesta-di-consulenza

Rispondi a Dan Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube