Dove si pagano più tasse in Italia?

10 Agosto 2019 | Autore:
Dove si pagano più tasse in Italia?

I dati regione per regione su quanto è stato versato in totale e quanto è andato allo Stato, alle Regioni e ai Comuni.

Ogni cittadino italiano paga in media 9.168 euro di tasse all’anno. Ma questo non vuol dire che tutti i contribuenti versino al Fisco questa cifra. In alcune regioni la cifra sale notevolmente, in altre quasi si dimezza. Dove si pagano più tasse in Italia? In quattro regioni del Nord. Dove si pagano meno tasse? In quattro regioni del Sud.

Non è un luogo comune, ma il risultato di un’indagine della Cgia di Mestre, uno dei principali osservatori economici del Paese. I dati, appena resi noti, si riferiscono al 2017 ed offrono un quadro preciso di quanto si versa allo Stato, quanto alle amministrazioni regionali e quanto agli enti locali. Si scopre così, ad esempio, che alcune realtà pagano ai Comuni più tasse di altre ma meno all’amministrazione centrale.

Vediamoli nel dettaglio dove si pagano più tasse in Italia e dove di meno.

Tasse: la classifica completa delle regioni

In testa alla classifica delle regioni più tassate c’è la Lombardia, con 12.297 euro tra tasse, imposte e tributi. Al secondo posto c’è la Val d’Aosta con 11.480 euro, seguita dal Trentino Alto Adige con 11.297 euro e dall’Emilia Romagna con 11.252 euro.

In fondo alla classifica le regioni dove si pagano meno tasse, dal basso in alto, la Calabria con 5.516 euro (meno della metà della Lombardia), la Sicilia con 5.706 euro, la Campania con 5.981 euro e la Puglia con appena 11 euro in più, vale a dire 5.992 euro.

Ecco la classifica completa:

  1. Lombardia: 12.297 euro;
  2. Val D’Aosta: 11.480 euro;
  3. Trentino Alto Adige: 11.297 euro;
  4. Emilia Romagna: 11.252 euro;
  5. Lazio: 11.077 euro;
  6. Liguria: 10.380 euro;
  7. Piemonte: 10.110 euro;
  8. Veneto: 9.878 euro;
  9. Toscana: 9.711 euro;
  10. Friuli Venezia Giulia: 9.699 euro;
  11. Marche: 8.528 euro;
  12. Umbria: 8.436 euro;
  13. Abruzzo: 7.519 euro;
  14. Molise: 6.711 euro;
  15. Basilicata: 6.582 euro;
  16. Sardegna: 6.507 euro;
  17. Puglia: 5.992 euro;
  18. Campania: 5.981 euro;
  19. Sicilia: 5.706 euro;
  20. Calabria: 5.516 euro.

Tasse: perché non tutti pagano lo stesso?

Il ragionamento della Cgia di Mestre per spiegare perché in alcune regioni si pagano più tasse rispetto ad altre è molto semplice: «Secondo l’articolo 52 della Costituzione – spiega l’Ufficio Studi – il nostro sistema tributario è basato sul criterio della progressività. Pertanto, nei territori dove i livelli di reddito sono maggiori, grazie a condizioni economiche e sociali migliori, anche il gettito tributario presenta dimensioni più elevate». In altre parole: dove si guadagna di più, si pagano più tasse.

Tasse: quante se ne pagano allo Stato?

Come dicevamo, dall’elaborazione della Cgia di Mestre è possibile capire dove vanno a finire le tasse che paghiamo. Della media di 9.168 euro pagati nel 2017 da ogni italiano, ben 7.672 euro sono entrati nelle casse dello Stato. Il resto, come vedremo più avanti, se lo sono distribuiti tra Regioni ed enti locali.

Ecco la classifica completa di quanto si è pagato di tasse in ogni regione all’amministrazione centrale. Come si può notare, ci sono alcune leggere variazioni:

  1. Lombardia: 10.501 euro;
  2. Trentino Alto Adige: 9.892 euro;
  3. Valle D’Aosta: 9.619 euro;
  4. Emilia Romagna: 9.5.82 euro;
  5. Lazio: 8.932 euro;
  6. Liguria: 8.655 euro;
  7. Friuli Venezia Giulia: 8.541 euro;
  8. Piemonte: 8.520 euro;
  9. Veneto: 8.491 euro;
  10. Toscana: 8.129 euro;
  11. Marche: 7.194 euro;
  12. Umbria: 7.036 euro;
  13. Abruzzo: 6.271 euro;
  14. Sardegna: 5.540 euro;
  15. Molise: 5.444 euro;
  16. Basilicata: 5.238 euro;
  17. Puglia: 4.938 euro;
  18. Campania: 4.779 euro;
  19. Sicilia: 4.570 euro;
  20. Calabria: 4.379 euro.

Tasse: quante se ne pagano alle regioni?

Nel 2017 (ricordiamo che è l’ultimo dato disponibile), le Regioni hanno incassato mediamente da ogni cittadino 768 euro. Questa, la classifica completa di quanto è stato pagato in ogni territorio:

  1. Lazio: 1.137 euro;
  2. Lombardia: 1.116 euro;
  3. Valle D’Aosta: 992 euro;
  4. Trentino Alto Adige: 816 euro;
  5. Emilia Romagna: 815 euro;
  6. Piemonte: 812 euro;
  7. Toscana: 743 euro;
  8. Liguria: 736 euro;
  9. Veneto: 722 euro;
  10. Basilicata: 722 euro;
  11. Molise: 673 euro;
  12. Marche: 658 euro;
  13. Umbria: 629 euro;
  14. Friuli Venezia Giulia: 629 euro;
  15. Abruzzo: 600 euro;
  16. Calabria: 598 euro;
  17. Campania: 542 euro;
  18. Sicilia: 507 euro;
  19. Puglia: 415 euro;
  20. Sardegna: 392 euro.

Tasse: quante se ne pagano ai Comuni?

Infine, gli enti locali. Le Amministrazioni comunali sono quelle che portano a casa la fetta più piccola. In media, ogni cittadino ha pagato di tasse 727 euro. Ecco, anche in questo caso, la classifica completa regione per regione:

  1. Lazio: 1.099 euro;
  2. Liguria: 989 euro;
  3. Valle D’Aosta: 869 euro;
  4. Emilia Romagna: 854 euro;
  5. Toscana: 839 euro;
  6. Piemonte: 777 euro;
  7. Umbria: 772 euro;
  8. Lombardia: 680 euro;
  9. Marche: 676 euro;
  10. Veneto: 665 euro;
  11. Campania: 660 euro;
  12. Abruzzo: 648 euro;
  13. Puglia: 639 euro;
  14. Sicilia: 629 euro;
  15. Basilicata: 623 euro;
  16. Molise: 595 euro;
  17. Trentino Alto Adige: 589 euro;
  18. Sardegna: 575 euro;
  19. Calabria: 539 euro;
  20. Friuli Venezia Giulia: 530 euro.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube