Politica | News

Crisi di Governo, Salvini: inciucio pronto

14 Agosto 2019
Crisi di Governo, Salvini: inciucio pronto

Doverosa verifica su efficacia Reddito di cittadinanza: imprese non assumono più.

«Sono contento. Mi è arrivata una marea di messaggi dell’Italia reale. Operai e imprenditori che stanno lavorando anche in agosto e non capiscono perché non possano farlo i parlamentari». Non si è pentito Matteo Salvini di aver innescato la crisi di governo a ridosso delle ferie estive e, in un’intervista al “Corriere della Sera”, tira le somme della giornata di ieri e dell'”inciucio” M5s-Pd che ha preso forma al Senato, con la votazione sul calendario dei lavori. «Hanno fatto il cinema – dice il leader della Lega – per mettere il taglio dei parlamentari dopo la discussione della sfiducia a Conte…», lo riporta Adnkronos.

Durante l’intervento dagli scranni della Lega a palazzo Madama, ieri, ha attaccato frontalmente Matteo Renzi. «Ho ascoltato il monologo arrogante e imbarazzante di Renzi in Senato – riepiloga Salvini – che suonava così: ‘Abbiamo in tasca un accordo con i 5Stelle’. Siccome mi sono venuti i brividi a immaginare una manovra Renzi, Boschi, Fico e Toninelli, mi sono detto: facciamoli uscire allo scoperto. Offrendo ai 5 Stelle quello che chiedevano, la discussione sul taglio dei parlamentari. Ma ancora non va bene…».

La saldatura M5s-Pd sul calendario «è l’inciucio – commenta ancora il vice premier e ministro dell’Interno – però, voglio proprio vedere Paragone e la Boschi che votano insieme la commissione d’inchiesta sulle banche. Oppure quella sulle case famiglia tipo Bibbiano. Aggiungo che, a differenza di quello che dicono Renzi e Di Maio, con il nostro governo non è in discussione quota 100 e non si toglieranno gli 80 euro».

«Semmai – continua Salvini per come riportato da Adnkronos – sarà doveroso verificare il reddito di cittadinanza. Ci arrivano centinaia di segnalazioni, molte delle quali a me personalmente, da parte di imprenditori che quest’anno non riescono ad assumere i lavoratori che avevano l’anno scorso».

Salvini vorrebbe mettere Giancarlo Giorgetti al ministero dell’Economia. «Questo è quello che voglio e per cui lavoro». Sui rapporti con Silvio Berlusconi e Fi, dice di aver “letto cose da pazzi. Che si vogliono i notai per firmare gli accordi…”, ma tra loro non c’è stato alcun incontro. «Con Berlusconi – conclude – ci siamo sentiti per telefono».

«In tantissimi chiedono che non ci siano giochini di Palazzo, governi tecnici e altre cose strane. La via maestra, giusta, lineare, democratica sono le elezioni, non i giochini di Palazzo che stiamo vedendo in questi giorni per improbabili governi Renzi-Boschi-Fico-5Stelle. Stiamo facendo il possibile per votare  prima possibile». Sono sempre le parole del vice premier e ministro dell’Interno Matteo Salvini, ospite a “No stop news” su Rtl 102.5.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube