Politica | News

Debito pubblico: nuovo pericoloso aumento

14 Agosto 2019
Debito pubblico: nuovo pericoloso aumento

Conti pubblici in rosso: secondo Bankitala, a giugno il deficit pubblico è aumentato da 21,5 miliardi a 2.386,2 miliardi.

A giugno il debito delle Amministrazioni pubbliche è aumentato di 21,5 miliardi rispetto al mese precedente, risultando pari a 2.386,2 miliardi. E’ quanto rende noto la Banca d’Italia nel suo bollettino statistico ‘Finanza pubblica, fabbisogno e

debito’.

L’incremento, si legge, riflette l’aumento di 20,5 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro (a 67,7 miliardi; erano pari a 48,4 miliardi a giugno 2018) e l’effetto complessivo degli scarti e dei premi all’emissione e al rimborso, della rivalutazione dei titoli indicizzati all’inflazione e della variazione dei tassi di cambio che hanno aumentato il debito di 1,0 miliardi.

Con riferimento alla ripartizione per sottosettori, conclude Bankitalia, il debito delle Amministrazioni centrali è aumentato di 22,6 miliardi, quello delle Amministrazioni locali si è invece ridotto di 1,1 miliardi. Il debito degli Enti di previdenza è rimasto pressoché invariato.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube