Diritto e Fisco | Articoli

Nessun reato per il writer che imbratta la segnaletica stradale

15 Maggio 2013
Nessun reato per il writer che imbratta la segnaletica stradale

La sanzione prevista dal codice della strada è speciale rispetto a quella, più generale, prevista dal reato di danneggiamento.

Imbrattare i cartelli stradali non è reato, ma solo un illecito amministrativo: anche a riempirli di vernice sino a renderne illeggibile la prescrizione, non si è sottoposti a nessun processo penale. È questo il convincimento della Cassazione resa nota con una sentenza depositata ieri [1].

In questi casi, non scatta il reato di danneggiamento, bensì l’illecito previsto dal codice della strada [2] che punisce con una sanzione amministrativa il danneggiamento o l’imbrattamento della segnaletica stradale. Quest’ultima, infatti, è una norma speciale (perché si riferisca a una specifica categoria di beni: la cartollonistica) e quindi prevale su quella più generale previsa dal codice penale.


note

L’immagine in copertina è prelevata dal sito ww.foto-divertenti.it

[1] Cass. sent. n. 20789 del 14.05.2013.

[2] Art. 15, comma 1, legg. b), c.d.s.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube