Diritto e Fisco | Articoli

Bonus ristrutturazioni 2018: cos’è e come funziona?

2 Marzo 2018
Bonus ristrutturazioni 2018: cos’è e come funziona?

Vediamo cos’è e come funziona il bonus ristrutturazioni, quali le agevolazioni previste, per quali interventi, chi può usufruirne e quali gli adempimenti necessari per godere del bonus ristrutturazioni 2018

Il 2018 sarà sicuramente ricordato come l’anno dei lavori in casa. Numerosi, infatti, sono i bonus e le agevolazioni per chi voglia ristrutturare il proprio appartamento, acquistare arredi ed elettrodomestici, migliorare l’efficienza energetica della propria abitazione o creare degli spazi verdi sul proprio terrazzo o giardino. La legge di bilancio 2018, infatti, ha prestato molta attenzione al tema casa, confermando una serie di previsioni in termini di bonus e detrazioni e introducendo delle novità. Per conoscere tutti i bonus previsti per la casa, consigliamo la lettura dell’articolo: Lavori in casa: tutti i bonus del 2018; per quanto riguarda più in particolare le agevolazioni previste per l’acquisto di mobili e di elettrodomestici, tutti i dettagli sono presenti nei seguenti approfondimenti: Bonus mobili 2018: cosa sapere per non sbagliare; Bonus acquisto mobili 2018: ecco tutte le risposte. Ti consigliamo, inoltre, la lettura delle seguenti interessantissime guide: Famiglia, figli e casa: tutti i bonus e le agevolazioni 2018; Bonus condizionatori 2018: cos’è e come funziona; Acquisto stufe 2018: tutti i bonus e le agevolazioni.In questo articolo, invece, ci occuperemo più approfonditamente del cosiddetto bonus ristrutturazioni 2018. Vediamo, dunque, cos’è e come funziona il bonus ristrutturazioni, quali le agevolazioni previste, per quali interventi, chi può usufruirne e quali gli adempimenti necessari per godere del bonus ristrutturazioni 2018. Sul punto, inoltre, è molto importante sapere che sempre con riferimento al tema casa sono stati appena definiti gli interventi di edilizia privata liberi, vale a dire che non richiedono comunicazioni (Cil, Cila, Scia), autorizzazioni preventive, né permesso di costruire. Per conoscere quali sono tutti i lavori in casa per i quali non è necessario alcun permesso, leggi: Lavori in casa: quando non serve il permesso?.

Ciò premesso, occupiamoci del bonus ristrutturazioni 2018.

Bonus ristrutturazioni 2018: cos’è?

La Legge di bilancio 2018 ha confermato il bonus ristrutturazioni, cioè la detrazione al 50% dall’Irpef dei costi sostenuti per gli interventi di ristrutturazione. La detrazione deve essere fruita in 10 quote annuali dello stesso importo ed è applicata a un costo massimo di 96.000 euro.

Bonus ristrutturazioni 2018: a chi spetta?

Possono beneficiare del bonus ristrutturazione:

  • il proprietario dell’immobile;
  • il conduttore dell’immobile (dunque, l’inquilino);
  • il nudo proprietario;
  • l’usufruttuario;
  • il comodatario;
  • i familiari conviventi (purché siano loro a sostenere le spese e risultino intestatari di bonifici e fatture).

Bonus ristrutturazioni 2018: per quali interventi?

Gli interventi agevolabili consistono nei lavori interni a immobili esistenti; nel dettaglio, deve trattarsi di opere di:

  • manutenzione ordinaria (solo perle parti comuni dell’edificio);
  • manutenzione straordinaria;
  • ristrutturazione edilizia;
  • recupero e risanamento conservativo.

Bonus ristrutturazioni 2018: per quali spese?

Sono detraibili non solo le spese necessarie all’esecuzione dei lavori, ma anche i costi di progettazione, le prestazioni professionali inerenti, le perizie ed i sopralluoghi.

In particolare, le opere agevolate devono riferirsi alle seguenti componenti:

  • impianto idraulico ed elettrico;
  • inferriate fisse;
  • soppalco;
  • pareti interne ed esterne;
  • scale ed ascensore;
  • cablatura;
  • porta blindata;
  • impianto di allarme;
  • allargamento porte e finestre;
  • pavimentazione esterna;
  • facciata ed intonaci esterni;
  • canna fumaria;
  • citofoni, videocitofoni e telecamere;
  • caldaia, caloriferi e condizionatori;
  • abbattimento delle barriere architettoniche;
  • balconi e verande;
  • box auto;
  • contenimento dell’inquinamento acustico (isolamento).

Bonus ristrutturazioni 2018: adempimenti e documentazione

Per ottenere il bonus è necessario essere in possesso dei seguenti documenti:

  • fatturarelativa alle spese sostenute;
  • bonifico parlante, indicante la causale del versamento, il numero e la data della fattura, i dati del richiedente la detrazione(che può anche essere diverso dall’ordinante), il codice fiscale del beneficiario.

Per ottenere la detrazione è anche necessaria una dichiarazione di ristrutturazione da cui risulti una data di inizio lavori: può trattarsi di una comunicazione al Comune in cui è ubicato l’immobile, o di un titolo abilitativo comunale. Nel caso in cui l’intervento non ne preveda l’obbligatorietà, è sufficiente una dichiarazione sostitutiva dell’ atto di notorietà.


1 Commento

  1. Dovrei ristrutturare casa e vorrei sapere se posso, usufruire del bonus ristrutturazione perche sono affittuaria 3397670100

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA