Diritto e Fisco | Articoli

Che fare se il gatto del vicino miagola e disturba di notte

31 Agosto 2019
Che fare se il gatto del vicino miagola e disturba di notte

Vivo in un centro storico, la mia vicina di vicolo ha un gatto che tutta la notte miagola, da anni, come se fosse sempre in calore. Le ho chiesto tantissime volte di farlo smettere senza successo. Non riesco a dormire. Cosa posso fare?

La lettrice può agire in due modi.

Se il gatto disturba non solo il suo sonno, ma anche quello di altre persone, la stessa (e anche le altre persone disturbate dai miagolii) hanno la possibilità di presentare una denuncia – querela per il reato previsto dall’articolo 659 del Codice penale (denominato “Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone”). Affinché questo reato esista, è necessario che i miagolii disturbino non solo una singola persona, ma un numero indeterminato di persone. Per questo motivo la denuncia – querela può avere esito positivo soltanto se il miagolio del gatto disturba altre persone insieme alla lettrice.

Pertanto, se altre persone insieme a lei sopportano il suo stesso disagio notturno, potranno tutte insieme recarsi da un avvocato affinché venga inizialmente inviata una diffida alla proprietaria del gatto e, poi, se il disagio non dovesse cessare, presentare denuncia – querela alla più vicina stazione dei carabinieri (verrà quindi avviato un procedimento penale a carico della proprietaria del gatto).

Se, invece, il gatto disturba soltanto la lettrice, il rimedio che la legge prevede è il ricorso, previa diffida di un legale, all’azione prevista dall’articolo 844 del Codice civile contro le cosiddette immissioni rumorose dei vicini. La stessa dovrà affidarsi ad un legale che dopo aver intimato alla vicina di far cessare i miagolii fastidiosi del gatto, dovrà avviare una causa civile nella quale toccherà a lei dimostrare quando ci sono i miagolii e quanto siano oltre ogni soglia di tollerabilità (attraverso idonee prove come ad esempio testimoni e, se necessario, anche richiedendo una perizia audiometrica): alla fine del giudizio, se verrà da parte della lettrice dimostrato al giudice l’esistenza dei miagolii e la loro insopportabilità ed inconciliabilità con il sonno ed il riposo, allora il giudice potrà ordinare alla sua vicina tutte le misure più idonee per farli cessare.

Naturalmente, se il gatto disturbasse più persone, è possibile agire sia penalmente (secondo quanto si è indicato nella prima ipotesi sia con l’azione civile descritta nella seconda ipotesi).

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Angelo Forte



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube