Diritto e Fisco | Articoli

Istruzione obbligatoria: 16 anni per poter lavorare

7 Settembre 2019
Istruzione obbligatoria: 16 anni per poter lavorare

Mio figlio che tra due mesi compirà 16 anni ha terminato oggi il suo decimo anno di frequenza scolastica assolvendo così l’obbligo scolastico. Ha trovato una ditta disposta ad assumerlo per due mesi, però alla CNA locale ad Imola hanno detto che non può essere assunto perché non ha ancora compiuto 16 anni. È giusto?

A me risulta che avendo assolto i 10 anni di obbligo scolastico si dovrebbe poter assumere. La ditta opera nel campo elettromeccanico ed io stesso ci lavoro da tantissimi anni.

La risposta al quesito in esame è fornita direttamente dalla legge.

Infatti l’articolo 1, comma 622, della legge n. 296 del 2006 chiarisce che:

  • l’istruzione impartita per almeno dieci anni è obbligatoria ed è finalizzata a consentire al giovane il conseguimento di un titolo di studio di scuola secondaria superiore o di una qualifica professionale di durata almeno triennale entro il diciottesimo anno di età;
  • l’età per l’accesso al lavoro è conseguentemente elevata da quindici a sedici anni.

La norma, quindi, da un lato impone almeno dieci anni di istruzione obbligatoria e dall’altro aumenta a sedici anni il limite minimo per poter accedere al lavoro (fatte salve le eccezioni relative a lavori nel campo sportivo, dell’arte, della cultura e della pubblicità, oppure fatta salva la possibilità per i ragazzi già quindicenni di essere assunti con contratto di apprendistato, in tutti i settori di attività, per completare il percorso obbligatorio di istruzione di dieci anni anche attraverso una formazione sul campo: in questo senso si è espresso il ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con interpello n.11 del 21 marzo 2016).

In generale quindi, fatte salve le eccezioni appena indicate, per poter lavorare non basta aver completato il ciclo di istruzione obbligatoria di almeno dieci anni, ma occorre anche aver compiuto il sedicesimo anno di età.

Articolo tratto da una consulenza dell’avv. Angelo Forte



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube