Politica | News

Consultazioni: ecco cosa ha detto Berlusconi a Mattarella

22 Agosto 2019 | Autore:
Consultazioni: ecco cosa ha detto Berlusconi a Mattarella

La delegazione di Forza Italia al Quirinale: questa la richiesta dell’ex premier per uscire dalla crisi di governo.

«Una crisi grave in un momento delicato». Ha esordito così davanti ai cronisti il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, al termine del colloquio con il Capo dello Stato nell’ambito delle consultazioni dopo la crisi di governo.

Berlusconi, accompagnato al Quirinale da Antonio Tajani e dai capigruppo al Senato e alla Camera Bernini e Gelmini, esclude qualsiasi maggioranza formata da diversi e improvvisata. In pratica, boccia l’idea di un eventuale Governo sostenuto da Pd e Movimento 5 Stelle. Un Esecutivo, ha aggiunto il leader dei forzisti, che porta all’Italia il rischio di una patrimoniale e che, sbilanciato a sinistra, può essere pericoloso per il Paese.

L’ex presidente del Consiglio ha manifestato a Mattarella la sua contrarietà ad appoggiare un Governo composto da forze che il suo partito ha già contrastato. «Serve un Governo autorevole», ha spiegato l’ex Cavaliere, «fatto da un centrodestra moderno ed europeista, di quel centrodestra che è una maggioranza naturale in Italia». Quindi, la sua richiesta: «Governo di centrodestra o elezioni».

Prima di Berlusconi, era stato il Partito Democratico ad esporre le proprie posizioni al presidente della Repubblica, manifestando la volontà di verificare se c’è lo spazio per una maggioranza a sostegno di un Governo che eviti le elezioni.

La seconda ed ultima giornata di consultazioni si chiude oggi con le delegazioni di Lega e Movimento 5 Stelle. Entro sera, Mattarella potrebbe rendere note le sue prime valutazioni e decisioni in merito alla soluzione della crisi di governo.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube