Politica | Articoli

Consultazioni: ecco cosa ha detto Salvini a Mattarella

22 Agosto 2019 | Autore:
Consultazioni: ecco cosa ha detto Salvini a Mattarella

La Lega al Quirinale chiede al Capo dello Stato elezioni anticipate. «Ma se i no diventano sì…».

«Bella discussione». La linea della Lega non si sposta di un millimetro: durante il colloquio con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nell’ambito delle consultazioni per la crisi di governo, Matteo Salvini ha chiesto quello che era già prevedibile: lo scioglimento delle Camere e la convocazione immediata di elezioni anticipate. Salvini era accompagnato dai capigruppo al Senato e alla Camera, Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari.

«Sono contento di rappresentare una forza politica compatta», ha esordito Salvini al termine del colloquio con Mattarella. «Fino a qualche legislatura fa si sarebbe fatto finta di niente di fronte a litigi e posizioni distanti, per questo abbiamo ribadito che i troppi no hanno portato allo stop dell’esperienza di Governo che tante cose buone ha fatto finché c’erano i sì. Oggi, la via maestra non sono giochini o manovre di Palazzo, ma le elezioni. La sovranità appartiene al popolo, quindi chi meglio di lui può decidere a chi affidare la propria sorte».

Salvini ha parlato di «ipotesi variopinte di ogni genere pur di tenermi fuori». Si riferiva, ovviamente, ad un eventuale accordo Pd-M5S «che vorrebbe dire cancellare Quota 100, fare la riforma del sistema bancario con la Boschi, ecc.». «Mi prendo conto degli insulti che mi hanno dedicato ovunque – ha continuato Salvini – ma un Governo Pd-M5S sarebbe un Governo contro. Spero di non vedere rientrare dalla finestra Renzi, Boschi, Casini e Boldrini, già cacciati dalla porta».

Il leader del Carroccio, comunque, non è stato del tutto categorico: come già fatto non una ma ben due volte al Senato durante i dibattiti che hanno preceduto l’apertura formale della crisi, Salvini si è detto disponibile ad attendere la chiusura ufficiale della legislatura e a votare il taglio dei parlamentari proposto dal Movimento 5 Stelle, purché subito dopo il Paese vada alle urne. «Purché i no diventino sì, perché sono un uomo concreto».

Salvini ha concluso con un apprezzamento verso Luigi Di Maio che «secondo me – ha detto – ha lavorato bene».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube