Politica | News

Quanti voti ha perso la Lega dopo la crisi di governo?

23 Agosto 2019 | Autore:
Quanti voti ha perso la Lega dopo la crisi di governo?

Il prezzo pagato ad oggi da Matteo Salvini per aver fatto cadere l’Esecutivo. Ecco, secondo l’ultimo sondaggio, chi sale e chi scende.

Matteo Salvini rischia di pagare un prezzo piuttosto caro per avere provocato la crisi di governo. L’ultimo sondaggio pubblicato questa mattina e realizzato dall’istituto Tecnè spiega quanti voti ha perso la Lega dopo la crisi di governo. Non molti rispetto a quelli ottenuti a fine maggio alle elezioni europee ma parecchi se si tiene conto del sondaggio di Noto e pubblicato ieri dalla trasmissione di Rai 3 Agorà, secondo cui il Carroccio raccoglierebbe oggi il 38% dei consensi. C’è da precisare, però, come avevamo già sottolineato, che la rilevazione era stata fatta poco prima della crisi.

La Lega sarebbe, comunque, l’unica formazione a restare sopra il 30% ma di poco: se si votasse oggi, al partito di Salvini andrebbe il 31,3% dei voti contro il 34,3% delle europee. Insomma, la crisi di governo sarebbe costata ai leghisti in termini percentuali la perdita di 3 punti.

A beneficio di chi? Soprattutto a beneficio del Partito Democratico e del Movimento 5 Stelle. Il Pd oggi passerebbe dal 22,7% delle europee (in cui aveva già guadagnato 4 punti rispetto alle politiche dello scorso anno) al 24,6%, mentre il M5S recupererebbe più di 3 punti e mezzo, attestandosi al 20,8% contro il 17,1% di maggio.

Poche variazioni a destra. Forza Italia perderebbe appena 6 decimi, passando dall’8,8% delle europee all’8,3% di un ipotetico voto politico di oggi. Fratelli d’Italia (che Agorà dava ieri al 10%) si fermerebbe al 6,7%, cioè due decimi in più rispetto a fine maggio.

Scenderebbero ulteriormente oggi i partiti più piccoli. Ma rivediamo in sintesi queste percentuali, indicando tra parentesi il risultato delle ultime europee:

  • Lega: 31,3% (34,3%);
  • Partito Democratico: 24,6% (22,7%):
  • Movimento 5 Stelle: 20,8% (17,1%);
  • Forza Italia: 8,3% (8,8%);
  • Fratelli d’Italia: 6,7% (6,5%);
  • +Europa: 2,5% (3,1%);
  • Europa verde: 1,8% (2,3%);
  • La Sinistra: 1,4% /1,7%).

Alla luce di questi risultati del sondaggio Tecnè, che succederebbe con le coalizioni? Succederebbe, a differenza di quanto previsto prima della crisi di governo, che un centrodestra con solo Lega e Fdi riuscirebbe ad avere la maggioranza alla Camera perché raccoglierebbe più del 40%, per la precisione il 41%, ma sarebbe lontana dalla maggioranza al Senato. Qui, avrebbe bisogno dei numeri di Forza Italia ma solo per avvicinarsi al 50%. Per governare con relativa calma, avrebbero bisogno del contributo anche di un partito piccolo.

Un eventuale patto tra Pd e M5S – da sperimentare a breve, se le trattative in atto andranno in porto ed il presidente della Repubblica opterà per questa soluzione – raccoglierebbe il 45,2% dei consensi. Stesso discorso: maggioranza alla Camera ma non al Senato.

C’è, però, una variabile non indifferente sottolineata dal sondaggio Tecnè e riguarda il «partito degli astenuti e degli indecisi», che da solo si avvicinerebbe alla maggioranza assoluta. Tra chi oggi non voterebbe o non saprebbe chi indicare sulla scheda, si raccoglierebbe il 48,3%. Quanto basta per spostare notevolmente gli equilibri se i partiti riescono ad attingere da questo enorme potenziale bacino di voti.

Infine, per quanto riguarda la crisi di governo in sé, il sondaggio ha rilevato che la metà degli italiani è d’accordo con la fine del governo Lega-M5S, anche se il 22% avrebbe atteso l’approvazione della legge di bilancio. Il 38% si dice rammaricato che il Governo sia caduto senza completare la legislatura, mentre il restante 12% non ha espresso un’opinione.

Ultimo dato: il 65% degli italiani vedrebbe di buon occhio andare subito alle urne.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube