Diritto e Fisco | Articoli

Stalking: non rileva quale obiettivo abbia lo stalker

17 Maggio 2013 | Autore:
Stalking: non rileva quale obiettivo abbia lo stalker

Scatta il reato di stalking anche se il colpevole non ha premeditato l’obiettivo della propria condotta.

Scatta lo stalking quando il soggetto perseguita la propria vittima, in modo ripetuto e ossessivo, a prescindere da quale sia, concretamente, il suo obiettivo e il risultato che voglia ottenere con tale comportamento. Lo stalker, infatti, è punito per il solo fatto di aver voluto compiere le condotte minacciose, consapevole comunque delle conseguenze che ciò avrebbe determinato sulla vittima. Non è richiesto, invece, che lo stalker abbia un fine premeditato, un obiettivo da raggiungere nel perseguitare la propria vittima. Questa importante precisazione è stata fornita dalla Cassazione con una recentissima sentenza [1].

Per aversi stalking, le minacce o molestie reiterate devono essere tali da:

– provocare un perdurante e grave stato d’ansia o di paura,

– o da ingenerare un fondato timore per l’incolumità propria o di un prossimo congiunto o di altra persona legata alla vittima,

– o da costringere la vittima ad alterare le proprie abitudini di vita [2].

Il caso

La sentenza in oggetto riguarda il caso di un uomo che assillava e minacciava ripetutamente la propria ex, con frequentissime telefonate e sms, scenate di gelosia, tentativi di ostacolare le sue scelte di frequentazione sociale, intrusioni moleste nella vita privata di persone a lei vicine. La donna aveva finito per cambiare le proprie amicizie, i percorsi abituali e staccare il telefono.

Allo stalker non è servito giustificarsi mostrando il proprio ravvedimento e la disponibilità ad indennizzare la vittima.


note

[1] Cass. sent. n. 20993 del 2013.

[2] Art. 612 bis cod. pen.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube