Diritto e Fisco | Articoli

Quale arma per difesa abitativa?

27 Agosto 2019 | Autore:
Quale arma per difesa abitativa?

Quali strumenti si possono usare per la difesa domiciliare armata? La legittima difesa consente l’utilizzo delle armi? Porto d’armi e nulla osta: cosa sono?

La legge italiana non consente di acquistare liberamente un’arma: se sei intenzionato a fare ciò, devi prima chiedere l’autorizzazione all’autorità di pubblica sicurezza affinché ti rilasci la giusta licenza. Una volta fatto ciò, potrai tenere in casa, debitamente custodita, un’arma da usare eventualmente anche per la tua legittima difesa: dice infatti la legge che è possibile difendersi con un’arma legittimamente detenuta, quando vi è pericolo per la propria o l’altrui incolumità. È dunque lecito utilizzare un’arma per la difesa abitativa; ma quale?

È possibile usare qualsiasi arma pur di difendersi, oppure c’è un limite allo strumento utile per la propria difesa? Quale licenza deve essere chiesta alle autorità? C’è sempre bisogno del porto d’armi? Se cerchi risposte a queste domande, sei nel posto giusto: vedremo insieme quale arma per la difesa abitativa occorre.

Come avere un’arma in casa?

Per comprendere di quale arma c’è bisogno per la difesa abitativa bisogna prima capire come fare per avere un’arma in casa. Come anticipato nell’introduzione, per poter acquistare un’arma e tenerla in casa bisogna chiedere alla questura il rilascio di un apposito permesso. Le tipologie sono essenzialmente due:

  • la licenza di porto d’armi;
  • la concessione di nulla osta all’acquisto e alla detenzione di armi.

La licenza di porto d’armi

Per ottenere la licenza di porto d’armi bisogna innanzitutto essere maggiorenni. Occorre poi fare una specifica richiesta alla questura territorialmente competente, spiegando la ragione per cui si vuole avere un’arma.

La licenza di porto d’armi può essere concessa: per uso sportivo; per uso venatorio; per difesa personale. Solo il porto d’armi per difesa personale consente di poter andare in giro con un’arma prontamente disponibile e carica; le altre tipologie, invece, permettono solamente il trasporto dell’arma (scarica e ben custodita) dal proprio domicilio al luogo ove essa deve essere utilizzata (ad esempio, il poligono di tiro, la zona di caccia, ecc.).

Il nulla osta all’acquisto di armi

La concessione di nulla osta all’acquisto e alla detenzione di armi è una speciale autorizzazione che l’autorità di pubblica sicurezza rilascia alle persone maggiorenni che chiedano di poter acquistare un’arma al solo fine di tenerla in casa. Si tratta di un provvedimento di brevissima validità (trenta giorni) che consente solamente l’acquisto dell’arma e delle munizioni tassativamente prescritte.

La denuncia delle armi

Dopo l’acquisto di un’arma, a prescindere dal motivo e dal titolo che ne ha consentito la compera, è sempre necessario farne denuncia alla polizia o ai carabinieri, nel termine di tre giorni. La denuncia va fatta anche se si riceve un’arma senza averla acquistata, ad esempio nel caso di successione ereditaria.

Difesa domiciliare armata: quando è legittima?

La norma sulla legittima difesa dice che puoi difenderti in casa con un’arma (sempre che ci sia concreto pericolo per l’incolumità tua o dei tuoi cari) purché questa sia legittimamente detenuta [1]. In poche parole, la difesa abitativa armata è consentita se l’arma è regolarmente posseduta: ciò significa che dovrai avere un regolare porto d’armi oppure un nulla osta concesso dalla questura per poter brandire un’arma mentre stai subendo un’aggressione in casa.

Al contrario, se dovessi difenderti con un’arma detenuta abusivamente, correresti il rischio di non poter godere della scriminante della legittima difesa e, quindi, di rispondere di un reato vero e proprio.

Con quale arma ci si può difendere in casa?

La legge non specifica con quale arma ci si può difendere in casa: in altre parole, la norma sulla legittima difesa fa semplicemente riferimento alla possibilità di usare un’arma per difendersi, ma non specifica quale. Di conseguenza, se ne ricorrono i presupposti (e, cioè, se sussiste concretamente un pericolo per l’incolumità tua o di chi si trova legittimamente in casa), potrai usare qualsiasi arma per proteggerti, dalla pistola al fucile, passando anche per la balestra (arma bianca per la quale occorre comunque il permesso dell’autorità), purché, come detto, tu sia in possesso di regolare licenza o nulla osta.

Se vuoi approfondire questo specifico tema, ti consiglio di leggere il mio articolo dedicato a quale pistola per la difesa personale.

Armi per la difesa abitativa per le quali non servono licenze

Esistono poi degli strumenti che non necessitano di alcuna licenza o nulla osta e che, pertanto, sono liberamente acquistabili e utilizzabili per la difesa personale, sia abitativa che non: si tratta dello spray urticante, della pistola al peperoncino e del dissuasore elettrico. Ti consiglio di leggere il mio articolo sulle armi antiaggressione per saperne di più.


note

[1] Art. 52 cod. pen.

Autore immagine: Pixabay.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube