Politica | Articoli

Ribaltone PD-M5S: le dichiarazioni di Salvini

26 Agosto 2019
Ribaltone PD-M5S: le dichiarazioni di Salvini

Quando sembra ormai cosa fatta l’accordo tra Di Maio e Zingaretti, gli ex compagni di governo, capitanati da Salvini, gridano ora al tradimento.

Sembra ormai vicinissimo l’accordo tra Zingaretti e Di Maio per un esecutivo d’intesa a lungo termine. Il ribaltone all’italiana, insomma, è cosa quasi certa. I due leader si incontreranno stasera per fissare i dettagli.

Lo stesso segretario Dem, parlando con i giornalisti in merito alle trattative con M5S per formare il nuovo governo, ha dichiarato: «Il veto su Conte? Sono ottimista, penso di poter costruire questo accordo. Fare un Governo è una cosa seria, non si fa con le battute: siamo persone serie, vogliamo fare un governo che non finisca come quello che è finito qualche giorno fa dopo 14 mesi perché ai nastri di partenza c’è stata troppa fretta e un modello sbagliato come quello del contratto».

«Questo confronto è partito – ha proseguito Zingaretti – Stasera ce ne sarà un altro e posso dire che si sta andando avanti, si sta lavorando per dare all’Italia un nuovo governo, di svolta che pensi all’ambiente, lavoro, ricerca, al bene comune».

Alla domanda sul ruolo di Conte, ha replicato: «Siamo sulla strada giusta per costruire un accordo che parta dalle idee e dal confronto sui contenuti».

Subito è seguita la reazione di Salvini che, nella crisi di governo, si attendeva di giocare il ruolo e invece è stato relegato al margine. Il capo della Lega ha detto «Se Conte verrà confermato siamo davanti al classico ribaltone. Il Colle chiedeva ampio respiro: cosa ci azzecca M5S con il Pd?». Salvini grida: l’accordo tra M5S e PD è tradimento della volontà popolare. La via maestra – ribadisce – sono le elezioni anticipate. Volontà popolare però che aveva dato, alle ultime elezioni, il Movimento di Grillo come primo partito.

«Ha vinto il partito delle poltrone”, questo è un governo “di perdenti”, frutto di “giochetti di palazzo».
Matteo Salvini convoca nella serata di ieri una conferenza stampa al palazzo dei gruppi al Senato e spara a zero contro il nascente maggioranza M5S-Pd. Il ‘Capitano’ non grida all’inciucio stavolta, ma al “ribaltone” e ripete più volte che “l’unico collante” di Zingaretti
e Di Maio sono le “poltrone”. Non si appella alla piazza (le “insurrezioni risalgono al 1848”), ma a stento nasconde la sua rabbia per la giravolta dei suoi ex soci di palazzo Chigi, i Cinque stelle: “Ci vuole davvero del fegato a fare la rivoluzione con Prodi e Renzi…”.

Il leader della Lega non si arrende e in cuor suo spera ancora in un fallimento dell’intesa Pd-pentastellati e invoca le urne per capitalizzare i consensi: “La via maestra è il voto, noi siamo qui, siamo pronti, prima o poi si andrà alle urne in questo paese…”. “A Mattarella ribadiremo che la via più democratica è andare alle urne”, dice.

E, ancora, Salvini promette che in caso di elezioni, il Carroccio è “pronto a una manovra economica epocale”. Ora si prepara a fare l’opposizione con Berlusconi e Meloni? Ha visto o sentito i suoi alleati?, chiedono i cronisti. “Ci sentiremo per le regionali, si vota in Calabria Emilia Romagna e Calabria”, risponde.

Berlusconi si dice preoccupato:  ha sperato fino all’ultimo che non si arrivasse all’accordo tra M5S e Pd. Ora che la trattativa è avviata alla conclusione, Silvio Berlusconi non nasconde il proprio “sconcerto” per il matrimonio tra Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti. Il Cav, a quanto apprende l’Adnkronos, si è detto “preoccupato” per la nascita di un governo definito di “ultra-sinistra”.

Proprio oggi, Salvini è stato travolto da una nuova critica proveniente dai social. Il vicepremier ha postato una foto dal Viminale, seduto alla sua scrivania, ma un utente gli ha fatto una puntualizzazione. Nello scatto si vede Salvini in camicia, circondato dai suoi oggetti quotidiani. Un suo fan, però, ha fatto subito notare al ministro che le foto di famiglia e i santini, due su ogni lato della scrivania, sono rivolti verso chi scatta e non verso chi siede. «Caro Matteo – ha scritto Mike – le foto della famiglia sulla scrivania sono girate nel verso sbagliato. Sono per te, non per chi ti viene a visitare… sennò qualcuno pensa che siano solo scena… per il resto: non mollare!!! E
grazie!!».

Aggiornamento

E’ in corso una riunione dello stato maggiore M5S in una abitazione privata del centro di Roma. Presenti all’incontro, oltre al leader 5 Stelle Luigi Di Maio, il presidente della Commissione Antimafia Nicola Morra, i ministri Alfonso Bonafede e Riccardo Fraccaro, i capigruppo Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli, il presidente di Rousseau Davide Casaleggio e il socio di Rousseau Massimo Bugani.



2 Commenti

  1. Dai social del marzo 2018. “Nasco democratica, non morirò grillina. Mai”, afferma decisa Marta, seguita da Rosy, che in caso di un accordo con i Cinquestelle promette: “Strappo la tessera elettorale”. Inconcepibile per tutti, soprattutto, dare una mano al partito che più ha offeso gli avversari, “senza rispetto, senza educazione”, che “adesso fa finta di niente elemosinando appoggi” ma i cui militanti fino a ieri “davano delle troie alle donne Pd”. E non solo i militanti, ricorda Franco, rispolverando una delle uscite più pesanti del Grillo ‘prima maniera’: “Chissà come la penserebbe – scrive – la povera Nobel senatrice Montalcini definita dai grillini vecchia puttana”. Già, chissà.
    Ragazzi, l’inciucio odierno PD-5Stelle è la migliore propaganda a favore della destra. Ed è gratis. Le elezioni sono solo rimandate (eventualmente).

  2. Solo i cechi e i sordi non capiscono che Di Maio si sta comportando col PD nella stessa identica maniera che usava con Salvini per cercare sempre di imporre la sua volontà. E’ un pericoloso presuntuoso forse anche un po’ pazzo.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube