Salute e benessere | Articoli

Prostitute: ancora alte possibilità di contrarre l’Aids

28 Agosto 2019
Prostitute: ancora alte possibilità di contrarre l’Aids

Una escort su cinque non sa di essere sieropositiva all’Hiv.

Dal 2017, il personale medico e infermieristico dell’Unità di Malattie infettive dell’Asst di Monza ha avviato una collaborazione con l’associazione Ala Milano Onlus e ha deciso di ‘uscire dall’ospedale’ per intervenire attivamente nel campo della prevenzione e della diagnosi precoce dell’infezione da Hiv. “Nel corso delle diverse uscite – riferisce l’azienda socio-sanitaria territoriale – sono state contattate quasi 200 prostitute in 5 luoghi di prostituzione, di cui oltre la metà ha accettato di partecipare al progetto. Escludendo quelle che riferivano di essere già Hiv-positive, circa il 12% di coloro che si sono sottoposte al test sono risultate positive. Complessivamente, una su 5 prostitute sieropositive” al virus dell’Aids “non era a conoscenza della propria positività e l’ha scoperta solo grazie all’intervento”.

Leggi anche Che malattie posso prendere se vado con una prostituta?

“La maggior parte di chi ha ricevuto una diagnosi ‘su strada’ è stata ‘agganciata’ al centro e ha iniziato rapidamente (entro 7 giorni dalla diagnosi) la terapia antiretrovirale, bloccando la replicazione virale, prevenendo l’evoluzione in Aids e azzerando il rischio di trasmissione”, prosegue l’Asst.

Il progetto è iniziato nell’estate di 2 anni fa come una survey conoscitiva su comportamenti e conoscenze delle donne transgender che si prostituiscono nell’area di Milano e Monza, parallelamente all’offerta di test rapidi salivari per la diagnosi di Hiv e Hcv (virus dell’epatite C), direttamente nei luoghi di prostituzione notturna e, nel tempo, si è arricchito di nuove offerte.

“Uscire dai confini dell’ospedale per fare prevenzione esprime una corretta interpretazione delle logiche di integrazione ospedale-territorio, che rappresentano un preciso obiettivo del mandato affidato ai direttori generali dalla Regione Lombardia – afferma il Dg dell’Asst Monza, Mario Alparone – costruire percorsi di prevenzione e presa in carico consente di minimizzare, là dove possibile, il ricorso all’assistenza sanitaria e di programmarla in maniera efficiente ed efficace ai fini della cura. Ringrazio i nostri professionisti per lo spirito di servizio e la professionalità che dimostrano quotidianamente”.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube