Politica | Articoli

Nuovo governo: mossa a sorpresa della Lega per continuare a comandare

30 Agosto 2019
Nuovo governo: mossa a sorpresa della Lega per continuare a comandare

Lo scoglio della presidenza delle Commissioni che la Lega non vuole lasciare. I regolamenti delle Camere parlano di rinnovo ogni due anni.

Il cambio di governo e di maggioranza con il Conte 2 dovrà presto fare i conti non solo e non tanto nelle aule di Camera e, soprattutto, Senato, ma anche con la composizione delle commissioni parlamentari, le cui presidenze sono fondamentali per l’attuazione del programma di Governo e lo svolgimento regolare dei lavori. Un aspetto cruciale che è già emerso oggi nella polemica politica, dopo che da parte del Pd qualcuno ha chiesto ai leghisti di lasciare le poltrone delle presidenze, appunto, delle commissioni, assegnate dopo la formazione del Governo gialloverde ormai prossimo all’archiviazione. È quanto rende nota l’agenzia di stampa Adnkronos.

Il leghista Claudio Borghi sta già facendo i preparativi in vista dell’approdo della manovra alla Camera. Sarà lui, da presidente della commissione Bilancio, a dirigere i lavori, il calendario, i tempi della discussione oltre ad avere un ruolo decisivo sull’ammissibilità degli emendamenti. Come Borghi ci sono altri 10 presidenti leghisti tra Camera e Senato pronti a ostacolare l’attività parlamentare del nascente governo giallorosso.

La risposta politica è arrivata direttamente dal presidente dei senatori della Lega Massimiliano Romeo, che ha rilanciato: “Che si dimettano loro da senatori visto che dovrebbero vergognarsi di fronte al popolo italiano per quello che stanno facendo”. E Claudio Borghi ha aggiunto: “Dovevano pensarci prima di fare il ribaltone”. Ma c’è una risposta anche più tecnica, incastonata nei regolamenti di Senato e Camera, che rispettivamente agli articoli 21 e 20 specificano che il rinnovo delle commissioni avviene ogni due anni. Tutto questo comporta che nessuno potrà costringere i sei presidenti leghisti di commissione a palazzo Madama e i cinque di Montecitorio a fare le valigie. Se ne riparlerà quindi tra circa un anno. Un arco temporale lunghissimo e pieno di insidie, tenendo conto anche della reciproca diffidenza tra M5s e Pd, delle inevitabili frizioni durante l’iter di approvazione dei provvedimenti, su cui l’azione dei presidenti del Carroccio non sarà indolore. Anche perché si tratta di presidenze strategiche.

Nel dettaglio: alla Camera, i leghisti hanno la presidenza della cruciale commissione Bilancio (Borghi) e poi Ambiente (Benvenuto), Trasporti (Morelli), Attività produttive (Saltamartini), Lavoro (Giaccone). Al Senato, la sesta commissione Finanze e tesoro fa capo a Alberto Bagnai, e la Lega ha anche le presidenze delle commissioni: Affari costituzionali (Borghesi), Giustizia (Ostellari), Difesa (Tesei), Istruzione (Pittoni), Agricoltura (Vallardi).

«Quelli disinteressati alla poltrona: in meno di 24 ore scopriamo che Salvini pur di tenersi il Viminale voleva Di Maio premier e che i leghisti non hanno alcuna intenzione di lasciare le presidenze delle 11 commissioni che spettano alla maggioranza», tuona via Twitter la vicepresidente dei senatori Pd Simona Malpezzi.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

9 Commenti

  1. Io dono sicura che faremo cadere questo governo giallo rosso di merda entro un mese e si andrà al voto

  2. Fanno bene i leghisti non devono lasciare i loro incarichi e competenza. Il presidente prima di formare il Governo doveva cercare di mettere pace, come fa normalmente un padre di famiglia, ma egli essendo di sinistra aspettava un momento propizio per realizzare il suo colpo di stato, con la formazione di un governo con il PD e nominare Conte bis.
    Vergognoso

  3. salvini ha creato la crisi ben sapendo che non sapeva gestirla, sapeva anche che mattarella non avrebbe permesso elezioni in un momento cruciale.

  4. L’Italia non cambierà MAI finchè i Presidenti della Repubblica saranno di sinistra (Non sono imparziali ma di parte) poi il PD dovrebbe avere il coraggio di azzerare i vertici “troppi marpioni” ma purtroppo questo non avverrà mai, troppo incapaci e compromessi.

  5. Pur di rimanere nella poltrona, neanche la composizione delle commissioni lo fa desistere. Un vero Polpo.

  6. Premesso che Mattarella è un ex democristiano, trovo normale e legittimo che la Lega faccia di tutto per ostacolare un governo di “minoranza”.
    Se Salvini avesse staccato prima sarebbe successa la stessa cosa. Forse doveva attendere un altro anno o, al limite, farlo prima delle europee, per una questione di strategia politica.

Rispondi a Anonimo Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube