Politica | News

Governo: ora Di Maio rischia di far saltare tutto

30 Agosto 2019 | Autore:
Governo: ora Di Maio rischia di far saltare tutto

Il capo del M5S a Conte: «O si fa come dico io o si va al voto». Il gelo del premier, lo stupore del Pd. I 20 punti chiesti dal Movimento.

Luigi Di Maio non molla. Quello che doveva essere il colloquio più cordiale della giornata di consultazioni a Montecitorio, cioè quello tra il premier incaricato e l’uomo che ha imposto proprio Giuseppe Conte al Partito Democratico per trattare una nuova maggioranza di Governo, si è trasformato a sorpresa in una bomba a orologeria.

Il capo politico del Movimento 5 Stelle è tornato a ribadire un concetto molto chiaro, già espresso nei giorni scorsi ma che sembrava superato: «O si fa come dico io, o si va al voto». Semplice: è il M5S a dettare le regole, altrimenti non se ne fa nulla. E le regole non sono più i 10 punti elencati alla fine delle consultazioni al Quirinale ma sono raddoppiate: ora sono diventate queste 20. «Ma sono sicuro – ha commentato Di Maio – che il premier saprà fare una sintesi».

Va bene che fa ancora caldo, ma una doccia così gelata non è stata gradita né da Conte né dal Pd. Il presidente del Consiglio incaricato aveva detto in giornata che sarebbe stato lui a decidere l’impostazione del nuovo Esecutivo. Forse per questo Di Maio ha tenuto a ribadire chi è che comanda. E a chi chiede a Conte un parere sulle parole del leader pentastellato, lui risponde: “Discorso duro di Di Maio? Non l’ho sentito”.

Dal Nazareno, le perplessità sono arrivate nell’arco di pochi secondi. Il capogruppo alla Camera, Graziano Delrio, parla di «ultimatum inaccettabile a Conte». Il vicesegretario Paola De Micheli non capisce «questo incomprensibile gioco dell’oca di Di Maio». E il deputato piddino Luigi Marattin è ancora più esplicito: «Mi piacerebbe sapere – ha scritto su Twitter – con che faccia chi ha portato l’Italia a crescita zero si permette di lanciare ultimatum e minacce a chi finora ha tenuto un comportamento leale e responsabile nell’interesse del Paese. Forse un bel bagno di realtà farebbe bene a tutti».

A confermare che le acque sono tutt’altro che tranquille, il capogruppo al Senato del Movimento 5 Stelle, Stefano Patuanelli: «Non c’è certezza al 100% che questo Governo si faccia».



3 Commenti

  1. DI MAIO NON SI E’ RESO CONTO DELLE DIFFICOLTA’ CHE ATTRAVERSA IL PAESE SENZA UN GOVERNO INAMMISSIBILE L’ATTEGGIAMENTO ASSUNTO NEI CONFRONTI DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO INCARICATO.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube