Diritto e Fisco | Articoli

Google scopre attacco shock a Iphone, hackerati per anni

30 Agosto 2019
Google scopre attacco shock a Iphone, hackerati per anni

Cybersecurity: rivelazione senza precedenti. Anche gli “inviolabili” melafonini sono stati oggetto di attacco da parte di hacker. 

Un attacco senza precedenti agli iPhone della Apple che sarebbero stati hackerati per almeno due anni da siti web. La notizia è di quelle shock che possono far saltare le quotazioni del colosso con la mela morsicata. A scoprire lo scandalo è stato un team di analisti di Google secondo i quali ci sarebbe stato un massiccio furto di dati degli utenti titolari di un melafonino. Furto perpetrato per almeno 30 mesi, senza che sia mai stato rivelato dai vertici. Chissà se ne erano a conoscenza!

Secondo le indiscrezioni apparse su The Guardian, il quotidiano britannico, diversi siti Web, al cui interno si nascondevano dei malware, hanno trasmesso dei virus a migliaia di visitatori nel più grande hack di iPhone di sempre. In questo modo, i criminali informatici sono riusciti a intercettare i dati sensibili di migliaia di utenti Apple ogni settimana, riuscendo a vincere le famose “inespugnabili difese” dei sistemi iOS dei melafonini.

«Non si sa chi fosse infetto o chi ci fosse dietro» sottolinea Patrick Howell O’Neill del Mit Technology Review.

Anche se il malware non era in grado di rimanere nel telefono dopo un eventuale riavvio, “alla luce dell’ampiezza delle informazioni rubate – spiega l’esperto di Google Ian Beer –  gli hacker potevano mantenere l’accesso a vari account e servizi usando le password rubate”.

L’attesa, a questo punto, è come reagirà il titolo Apple in borsa. La società americana è considerata una delle più grandi company mondiali. Ma lo scandalo di Cambridge Analytica che ha coinvolto Facebook ci ha dimostrato già come i titoli possano essere affossati quando è in gioco la privacy degli utenti. O, più della privacy, le bugie dette ai clienti. Perché negli Usa, si sa, più che l’illecito in sé conta la trasparenza nei confronti del mercato.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube