Politica | Articoli

PD-M5S: è già lite

30 Agosto 2019
PD-M5S: è già lite

Pedica (Pd): «Di Maio non dimentichi che la pazienza ha un limite». L’aut-aut del leader dei 5S non è piaciuta a Zingaretti.

«Di Maio è stanco di sentir parlare di poltrone e di toto-ministri? La lingua batte dove il dente duole. Il capo politico dei Cinque stelle però non dimentichi che la pazienza ha un limite e anche quella del Pd non è infinita». È quanto afferma in una nota Stefano Pedica del Pd per come riportato da Adnkronos.

«Se il M5s intende riproporre lo stesso sistema di ricatti e polemiche del governo giallo-verde, si sbaglia di grosso», conclude Pedica.

È già lite tra Pd e M5S? A quanto pare sembra che i toni rassicuranti di Conte non sono invece condivisi dai futuri partner, proprio come era stato con la Lega. Ne abbiamo già parlato in Governo: ora Di Maio rischia di far saltare tutto.

«La delegazione del Pd indicata dal segretario Zingaretti e rappresentata da Andrea Orlando e Dario Franceschini ha partecipato oggi pomeriggio ad un incontro richiesto dal Presidente incaricato con i rappresentanti del Movimento 5 Stelle e con lo stesso Premier Conte. L’incontro è servito a porre l’esigenza di un chiarimento sulle dichiarazioni di Luigi Di Maio, al termine delle consultazioni, come precondizione per proseguire nel percorso avviato negli scorsi giorni». Lo rende noto l’ufficio stampa del Pd. E difatti Nicola Zingaretti ha annullato, a quanto si apprende, un incontro con Luigi Di Maio che era stato concordato per le 15 di oggi dopo aver ascoltato le dichiarazioni del capo politico M5S al termine delle consultazioni con il premier incaricato Giuseppe Conte.

Cosa ha detto Di Maio da far arrabbiare il Pd? «L’ho detto e lo ripeto: contano i programmi, le soluzioni, le idee. Il M5S non svende i suoi principi e i suoi valori su ambiente, lavoro, imprese, famiglie. Qui serve concretezza. Poche chiacchiere e basta slogan. Bisogna lavorare per gli italiani e bisogna farlo in fretta. Noi abbiamo 20 punti. E vogliamo che entrino nel programma di governo». Così ha detto il leader M5S, Luigi Di Maio, in una nota. In pratica il M5S vuole ora giocare la parte del leone che la Lega non gli ha consentito di fare lo scorso anno di governo. «Qui non è questione di ultimatum, qui il punto è che siamo stanchi di sentir parlare tutti i giorni in ogni trasmissione di poltrone e toto-ministri».

Nel corso della seconda parte il leader pentastellato Luigi di Maio ha detto che l’unica alternativa ai punti del programma del Movimento sono le urne. L’aut-aut ha provocato l’irritazione del Partito democratico e potrebbe mettere a rischio la nascita del nuovo Esecutivo.

Ed evidentemente anche la parola poltrone detta dal leader dei 5S non è affatto piaciuta a Zingaretti.

Le parole di Di Maio hanno però gelato la borsa. Con un movimento antitetico rispetto a quello del Ftse Mib, che ha terminato in calo dello 0,35 per cento a 21.322,90 punti, il differenziale di rendimento Italia-Germania è tornato a crescere portandosi a 175,2 punti base, +3,1 per cento rispetto al dato precedente. Indicazioni negative per il nostro Paese sono arrivate anche dai dati macro relativi al tasso di disoccupazione e crescita dell’economia: il primo è salito dal 9,8 al 9,9 per cento mentre il Pil del Belpaese non ha fatto registrare variazioni congiunturali (-0,1% nel confronto con il secondo trimestre 2018).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube