Diritto e Fisco | Articoli

Il Tfs del pubblico impiego

6 Maggio 2021 | Autore:
Il Tfs del pubblico impiego

Trattamento di fine servizio, indennità di buonuscita: come funziona la liquidazione dei dipendenti pubblici.

Non tutti i dipendenti pubblici hanno diritto a percepire il Tfr alla cessazione del servizio: diverse categorie di lavoratori del pubblico impiego hanno invece diritto a ricevere il Tfs, il trattamento di fine servizio.

In particolare, il Tfs è l’indennità che viene erogata, al momento della cessazione dal servizio, ai dipendenti del settore pubblico assunti a tempo indeterminato prima del 1° gennaio 2001, con esclusione del personale cosiddetto “non contrattualizzato”.

Chi non rientra nel regime del Tfs (ad esempio, i lavoratori con un contratto a tempo determinato in corso alla data del 31 maggio 2000, o i dipendenti assunti a tempo indeterminato dopo il 31 dicembre 2000) è invece assoggettato al regime di Tfr, il trattamento di fine rapporto, calcolato in modo differente.

Ma come funziona, nel dettaglio, il Tfs del pubblico impiego?

Innanzitutto, è bene precisare che il Tfs non consiste in un’unica prestazione; le prestazioni che possono essere corrisposte in regime di Tfs sono:

  • l’indennità di buonuscita, o Ibu, spettante alla generalità dei dipendenti civili e militari dello stato;
  • l’indennità premio di servizio, o Ips, spettante ai dipendenti del comparto enti locali e sanità;
  • l’indennità di anzianità, che spetta ai dipendenti del cosiddetto parastato (cioè ai dipendenti degli enti pubblici non economici).

A quanto ammonta il Tfs?

Il trattamento di fine servizio è calcolato con modalità differenti, a seconda della prestazione spettante.

Nel dettaglio, l’indennità di buonuscita è pari a 1/12 dell’80% della retribuzione pensionabile spettante al lavoratore al momento della cessazione dal servizio.

Questa retribuzione va rapportata su base annua, e moltiplicata per il numero degli anni di servizio maturati alla data di cessazione del rapporto di lavoro. Attenzione: ai fini della buonuscita, non tutte le voci che compongono la retribuzione del dipendente pubblico sono pensionabili, cioè possono essere considerate nel calcolo. Alcune voci, proprio come avviene per la quota A della pensione calcolata col sistema contributivo, non vanno computate, come la generalità delle indennità di amministrazione.

L’indennità premio di servizio è pari a 1/15 dell’80% della base pensionabile annua utile spettante alla cessazione del rapporto di lavoro; l’importo va moltiplicato per gli anni di servizio posseduti alla data di cessazione del rapporto lavorativo.

L’indennità di anzianità, infine, ha come base di calcolo il 100% delle voci di stipendio annualmente spettanti alla risoluzione del rapporto di lavoro. La misura risulta pari a tanti dodicesimi quanti sono gli anni di servizio al momento della cessazione dal servizio.

Com’è tassato il Tfs?

L’indennità di buonuscita beneficia di una tassazione agevolata. Infatti, per la determinazione sia dell’aliquota d’imposta che della base imponibile, l’importo lordo viene abbattuto di una percentuale pari al 26,04%. Questa percentuale deriva dal rapporto tra l’aliquota di contribuzione a carico del lavoratore e l’aliquota complessiva (2,5/9,6 = 26,04%) calcolata sulla retribuzione utile, finalizzata ad alimentare il fondo di previdenza ex Enpas, al quale è affidata la gestione del sistema.

Anche l’indennità premio di servizio beneficia di una tassazione agevolata. Per determinare sia l’aliquota d’imposta che la base imponibile, l’importo lordo viene difatti abbattuto di una percentuale pari al 40,98%. Questa percentuale deriva dal rapporto tra l‘aliquota di contribuzione a carico del lavoratore e l’aliquota complessiva (2,5/6,1 = 40,98%) calcolata sulla retribuzione utile, finalizzata ad alimentare il fondo di previdenza ex Inadel, a cui è affidata la gestione del sistema.

Inoltre, la base imponibile della prestazione viene ulteriormente ridotta di un importo pari a 309,87 euro per ogni anno di servizio.

L’indennità di anzianità non beneficia, invece, di un abbattimento derivante dal rapporto tra l’aliquota contributiva a carico del dipendente e l’aliquota complessiva, in quanto a carico del dipendente non è prevista alcuna contribuzione, ma solo della riduzione annua di 309,87 euro.

Nuova detassazione del Tfs

In base alle nuove disposizioni, introdotte dal decreto sul Reddito di cittadinanza e pensioni, l’aliquota di tassazione delle prestazioni in regime di Tfs è ulteriormente ridotta del:

  • 1,5%, per le indennità corrisposte decorsi 12 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro o, se la cessazione è anteriore al 1° gennaio 2019, a decorrere da questa data;
  • 3%, per le indennità corrisposte decorsi 24 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro o, se la cessazione è anteriore al 1° gennaio 2019, a decorrere da questa data;
  • 4,5% per le indennità corrisposte decorsi 36 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro o, se la cessazione è anteriore al 1° gennaio 2019, a decorrere da questa data;
  • 6%, per le indennità corrisposte decorsi 48 mesi dalla cessazione del rapporto di lavoro o, se la cessazione è anteriore al 1° gennaio 2019, a decorrere da questa data;
  • 7,5% per le indennità corrisposte decorsi 60 mesi o più dalla cessazione del rapporto di lavoro o, se la cessazione è anteriore al 1° gennaio 2019, a decorrere da questa data.

La riduzione della tassazione si applica sull’imponibile del trattamento di fine servizio di importo non superiore a 50mila euro. La riduzione interessa anche i Tfs eccedenti un imponibile complessivo di 50mila euro: in tal caso lo sconto si applica sulla parte imponibile sino a 50mila euro.

Pagamento del Tfs

Le prestazioni in regime di Tfs, per i lavoratori del pubblico impiego, sono corrisposte:

  • entro 105 giorni dalla fine del rapporto di lavoro: in caso di cessazione per inabilità e decesso;
  • entro 12 mesi più 90 giorni dal termine del rapporto: in caso di cessazione per fine contratto a tempo determinato, per raggiunti limiti di età o risoluzione unilaterale da parte del datore di lavoro per raggiungimento del diritto alla pensione anticipata;
  • entro 24 mesi più 90 giorni dal termine del rapporto: in caso di dimissioni volontarie con o senza diritto alla pensione anticipata, licenziamento o destituzione dall’impiego;
  • entro 24 mesi dal termine del rapporto: se la cessazione avviene prima del limite ordinamentale, con anzianità contributiva almeno pari a 18 anni al 31 dicembre 1995, quindi con diritto al sistema di calcolo retributivo della pensione.

Per chi cessa dal servizio con diritto alla pensione quota 100, i termini di pagamento decorrono dal momento in cui il diritto alla pensione sarebbe maturato, in base ai requisiti previsti per il trattamento di vecchiaia o anticipato, tenendo conto degli adeguamenti dei requisiti pensionistici alla speranza di vita.

Le prestazioni in regime di Tfs sono inoltre corrisposte:

  • in un’unica soluzione, se l’ammontare è pari o inferiore a 50mila euro;
  • in due rate annuali, se l’importo è tra 50mila e 100mila euro (la prima rata è pari a 50mila euro, la seconda pari all’ammontare residuo);
  • in tre rate annuali, se l’importo è superiore a 100mila euro (la prima rata è pari a 50mila euro, la seconda pari a 50mila euro, la terza pari all’ammontare residuo).

Tfs e part time

L’Inps, con una recente circolare [1], ha ricordato quali sono gli effetti del contratto di lavoro part-time ai fini del trattamento di fine servizio [2]:

  • il trattamento di fine servizio non spetta all’atto del passaggio al part-time;
  • ai fini dell’acquisizione del diritto al Tfs, gli anni di servizio resi part-time sono considerati utili per intero;
  • ai fini del calcolo del Tfs, gli anni a tempo parziale vanno ricondotti ad anni interi, moltiplicando gli stessi per il coefficiente risultante dal rapporto tra orario settimanale di servizio ridotto e orario di servizio a tempo pieno;
  • quale base di calcolo ci si deve riferire alla retribuzione prevista per la corrispondente posizione di lavoro a tempo pieno.

Anticipo del Tfs

Chi accede al pensionamento (pensione ordinaria Fornero o pensione quota 100) può richiedere, all’atto della cessazione dal servizio, una somma pari all’indennità di fine servizio maturata, sino a un massimo di 45mila euro.

L’anticipo del Tfs è riconosciuto attraverso un prestito bancario: il finanziamento e gli interessi saranno restituiti integralmente, scomputandoli dall’indennità di fine servizio liquidata al pensionato, secondo le tempistiche di liquidazione ordinarie.

Per richiedere l’anticipazione, l’interessato deve:

  • chiedere all’Inps la certificazione del diritto al Tfs o al Tfr; l’Inps entro 90 giorni rilascia la certificazione, indicando l’ammontare complessivo della prestazione spettante e della data di maturazione del diritto al pagamento della liquidazione;
  • presentare alla banca la certificazione e la domanda di erogazione dell’anticipazione sul proprio conto corrente, assieme alla proposta di contratto di anticipo debitamente sottoscritta ed all’autodichiarazione sullo stato di famiglia.

Concluso il contratto e comunicato il conto corrente su cui accreditare la somma, la banca avvertirà l’Inps, che avrà 30 giorni per rendere indisponibile la somma richiesta a titolo di anticipo del Tfs o del Tfr e comunicare alla banca stessa l’esito positivo della richiesta.

Successivamente ed entro 15 giorni dall’esito positivo, la banca procederà ad erogare il prestito, che durerà sino al momento del maturazione del diritto alla riscossione del Tfs o del Tfr.

L’Inps estingue il finanziamento al momento della maturazione del diritto al trattamento di fine rapporto o di fine servizio.


note

[1] Circ. Inps 74/2021.

[2] Art. 8 L. 554/1988.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

1 Commento

  1. grazie! è una spiegazione -insegnamento- importante per sapere il proprio diritto spettante, è questo uno tra tutti gli argomenti della vera “enciclopedia”.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube