Risparmiometro: chi saranno i primi contribuenti colpiti

3 Settembre 2019 | Autore:
Risparmiometro: chi saranno i primi contribuenti colpiti

Al via la sperimentazione su conti in banca e risparmi: l’Agenzia delle Entrate individua il primo gruppo di soggetti da controllare. Si va a regime dal 2020.

Al via una nuova pagina sul risparmiometro, il nuovo sistema messo a punto dall’Agenzia delle Entrate che controlla i movimenti dei conti correnti per trovare l’evasione. Il sistema confronterà i dati delle dichiarazioni dei redditi con quanto risulta dai depositi bancari. Si tratta di un algoritmo che lavorerà in maniera automatica ed evidenzierà ai controllori le situazioni a rischio.

In questa fase di partenza, i primi contribuenti colpiti saranno alcune centinaia di soggetti selezionati in quanto spiccano per le discrepanze tra quanto dichiarano e quanto possiedono: sono coloro che hanno dichiarato redditi pari a zero o quasi, ma hanno un notevole ammontare di soldi in banca.

Vengono presi di mira non solo i conti correnti, ma anche i conti di deposito, i libretti di risparmio, i buoni fruttiferi, i depositi vita e i prodotti finanziari emessi dalle compagnie di assicurazioni. Tutti questi dati sono già acquisiti dal Fisco, si tratta ora di incrociarli con i dati delle dichiarazioni. Se il complesso di queste somme è maggiore dei redditi dichiarati e li supera in modo tale che i risparmi non possono giustificarlo, partiranno le lettere dell’Agenzia per richiedere chiarimenti e se questi non verranno forniti o saranno i sufficienti scatteranno gli accertamenti.

Secondo quanto rivela il quotidiano ItaliaOggi di stamane, la convenzione sugli obiettivi 2019-2021, tra l’Agenzia delle Entrate ed il ministero dell’Economia e Finanze (Mef), prevede una sperimentazione in questi ultimi mesi del 2019 per le persone fisiche, che è quella di cui stiamo parlando, e l’avvio della fase controllo vera e propria a regime per tutti i contribuenti a partire dal 2020. Il Fisco punta a recuperare, non solo dal risparmiometro, ma da tutte le attività di contrasto all’evasione nel loro complesso, la consistente cifra di 14,2 miliardi per il 2019.

Il risparmiometro nella fase iniziale era già stato messo a punto per le società: negli scorsi mesi ne sono state selezionate 156 che sono state attenzionate dalla Guardia di finanza proprio sulla base dei dati forniti dall’Agenzia delle Entrate utilizzando questa superanagrafe dei conti correnti.

Se vuoi approfondire leggi anche come funziona il risparmiometro del Fisco e risparmiometro: così inizia la lotta ai contanti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube