Politica | Articoli

Voto Rousseau del M5S: ci sono stati davvero gli attacchi hacker?

3 Settembre 2019
Voto Rousseau del M5S: ci sono stati davvero gli attacchi hacker?

L’entusiasmo del MoVimento si scontra già con i primi dubbi: l’esito era scontato, affermano in molti.

La garanzia circa la genuinità del voto fatto sulla piattaforma Rousseau era stata messa in discussione dal Garante della Privacy l’anno scorso. Oggi, il problema si è riproposto con riferimento alla votazione appena completata dagli iscritti al MoVimento in merito all’accordo con il Pd, votazione che, come oramai noto, ha dato il “via libera”. Il sì è passato con il 79,3% dei voti contro il 20,7% dei no.

In tutta la giornata della votazione, si sono susseguite voci circa un possibile attacco hacker alla piattaforma Rousseau. E, difatti, il sistema presentava dei rallentamenti. Alcuni elettori non hanno potuto collegarsi, altri hanno dovuto attendere molto, altri ancora hanno dovuto riprovare più volte.

Ma cosa è successo davvero?

Purtroppo, non potremo mai saperlo con certezza. E questo è il vero forte limite della piattaforma che neanche la tanto sbandierata trasparenza dei grillini potrà eliminare. Di certo, l’innovativa idea ha consentito quantomeno un grosso lancio a livello mediatico del neonato accordo con l’ex rivale.

A smentire le voci su possibili attacchi hacker sono stati gli stessi portavoce del M5S.

«In realtà non abbiamo registrato attacchi» ha detto Casaleggio. «Ci sono state delle segnalazioni ma sono state smentite seduta stante con dei comunicati durante la giornata». Il presidente dell’Associazione Rousseau, commentando con la stampa il risultato del voto sull’accordo di governo M5s-Pd ha così risposto alle domande dei giornalisti sugli eventuali attacchi di pirati informatici durante la votazione.

«Alcune erano semplicemente fake fatte ad arte – prosegue Casaleggio -, altre erano problemi di singole persone, altre ancora erano persone che magari avevano ancora diritto di votare perché la procedura dei probiviri non era stata ancora completata. Ma questo va nell’ottica della garanzia dei diritti di tutti gli iscritti».

«L’elevato afflusso di utenti sul sistema ha generato una ‘coda’ di richieste che ha causato piccoli rallentamenti nell’ordine dei 10 secondi (nello specifico tra le ore 10:41 e le ore 12:00). È stato, tuttavia, in ogni momento garantito il regolare svolgimento delle votazioni».

L’associazione Rousseau ha diffuso oggi una nota stampa in cui rassicura: «Nel corso dell’intera procedura di voto non è stato rilevato nessun attacco informatico diretto alla piattaforma Rousseau. Sono stati invece rilevati tentativi di attacchi nella giornata di venerdì 30 agosto 2019 che, tuttavia, il sistema ha respinto immediatamente confermando solidità e sicurezza della piattaforma».

«In considerazione dell’elevato afflusso di votanti, grazie alla nuova Area Voto attiva da 5 mesi, è stato possibile scalare in tempo reale l’infrastruttura sottostante (numero di nodi, scaling dei servizi di backend, capacità computazionale del DB) andando a soddisfare tutte le richieste e garantendo tutti i requisiti in termini di sicurezza e velocità», si legge sempre nel post pubblicato da Rousseau.

«Ma che sorpresa: Rousseau ha detto sì al Governo col Pd! Come si cambia… idea per non morire! L’unica notizia vera è che per ”votare” in Italia bisogna iscriversi al Movimento 5 Stelle. 50 mila grillini valgono più di milioni di elettori. C’è qualcosa che non va, non credete? Noi invece non cambiamo idea, ma vogliamo cambiare l’Italia», ha scritto su Fb Giovanni Toti.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube