Politica | Articoli

Lorenzo Guerini: ecco chi è il ministro della Difesa

5 Settembre 2019
Lorenzo Guerini: ecco chi è il ministro della Difesa

Governo Conte bis: il nome e il curriculum di tutti i nuovi ministri.

52 anni, del Pd, renziano. Considerato un abile mediatore. Lorenzo Guerini sostituisce la Trenta nella Difesa. Storico di formazione, europarlamentare dal 2009, presidente della Commissione Econ. Viene dal comitato per i servizi segreti. Laureato in Scienze politiche, è stato presidente della provincia di Lodi dal 1995 al 2004. Subito dopo viene eletto sindaco di Lodi. Dal 2013, è deputato. Nel Partito democratico, ha ricoperto ruoli di primo piano: il 9 dicembre 2013 è stato nominato membro della segreteria nazionale del partito, con il ruolo di portavoce. Protagonista nel febbraio del 2014, affiancando il premier designato Renzi e Delrio, delle consultazioni per la formazione del nuovo governo, nello stesso anno viene designato vicesegretario del Pd. Dal 18 luglio del 2018, è presidente del Copasir, il comitato parlamentare che esercita il controllo sull’operato dei servizi segreti.

Il presidente del Comitato parlamentare per la sicurezza della Repubblica è da sempre considerato, nel suo partito, un abile mediatore e tessitore di compromessi. Abilità che gli sono valse l’appellativo di ‘Arnaldo’, in ricordo delle riconosciute qualità dell’ex segretario Dc, Arnaldo Forlani. Prima di essere eletto presidente del Copasir nel 2018, Guerini – già deputato – aveva assunto ruoli nella segreteria nazionale del Pd. Nel febbraio del 2014, affiancò il presidente del Consiglio incaricato Matteo Renzi durante le consultazioni istituzionali per la formazione del nuovo Governo, compreso il faccia a faccia che l’ex premier ebbe con Beppe Grillo. Tra il 2014 e il 2017 ,è stato vicesegretario del Pd assieme a Debora Serracchiani.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube