Politica | Articoli

Conte sta per chiedere la fiducia

9 Settembre 2019
Conte sta per chiedere la fiducia

Mentre tutto si prepara per l’esame alla Camera delle linee programmatiche del nuovo governo, una folla si sta riunendo sotto Montecitorio con le bandiere per chiedere le elezioni anticipate. 

Conte-bis, si parte. Alle 11 di questa mattina il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, si presenta alla Camera per illustrare le linee programmatiche e chiedere la fiducia al governo.

Alle 10 si riunirà la Conferenza dei capigruppo per fissare i tempi del dibattito. Con lo stesso ordine del giorno è convocata per le 15.30 la Conferenza dei capigruppo del Senato, dove la discussione sul nuovo Esecutivo si svolgerà domani.

Alle 19.30 è prevista la chiamata. Il voto dovrebbe uscire alle ore 21.

Conosciamo già il nuovo programma di Conte perché lo stesso lo ha reso pubblico negli scorsi giorni: leggi qui i 26 punti. Tra questi vi è la tanto discussa eliminazione di Quota 100, confermata anche ieri dall’ex ministro Padoan ad Agorà. «Quota 100 è una misura che io ho sempre ritenuto dannosa e dovrà essere gradualmente eliminata secondo me per essere rimpiazzata da misure che funzionano meglio».

Sempre alle 11 inizierà la manifestazione in piazza Montecitorio di Fratelli d’Italia e Lega con i rispettivi leader Giorgia Meloni e Matteo Salvini per protestare contro la nascita del governo M5S-Pd e chiedere le elezioni anticipate.

Sin d’ora in piazza Montecitorio si sta scaldando, sulle note dell’Inno di Mameli, la nutrita folla che già si è riunita sotto l’obelisco per la manifestazione indetta per le 10 e 30 da Giorgia Meloni nel giorno della fiducia che la Camera voterà al governo Conte-bis. Palloncini tricolori, bandiere, palco, maxi schermo, uno striscione con la scritta “Ladri di democrazia” e primi cori a chiedere all’unisono “elezioni subito“.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube