L’esperto | Articoli

Notifica pec: ultime sentenze

23 Settembre 2019
Notifica pec: ultime sentenze

Leggi le ultime sentenze su: notifica pec; verifica dell’accettazione dal sistema e della ricezione del messaggio di consegna; validità della notifica; avviso di avvenuta notifica pec; nullità della notificazione a mezzo pec. 

La notifica effettuata tramite pec dopo le ore 21 si ritiene perfezionata il giorno successivo. La notifica pec si considera eseguita se la mancata consegna dipende dalla casella di posta del ricevente piena? Scoprilo nelle ultime sentenze.

Notifica pec: quando non è valida?

In tema di notifica via pec dell’atto impositivo viene stabilito che con il semplice formato PDF non viene prodotto l’originale della cartella, ma solo una copia elettronica senza valore, in quanto priva delle garanzie di integrità ed immodificabilità e, comunque, di un attestato di conformità da parte di un Pubblico Ufficiale (art. 22, comma 2, D.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82), necessario quest’ultimo essendo esse state espressamente disconosciute dal destinatario (art. 22, comma 3, D.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82).

Comm. trib. prov.le Reggio Emilia sez. I, 31/07/2017, n.204

Notifica pec: quando è nulla?

Qualora la notificazione a mezzo pec del decreto di fissazione dell’udienza predibattimentale sia consegnata anche ad una società estranea al procedimento, avente un indirizzo PEC simile o molto simile alla società protagonista del medesimo, la notificazione è nulla ex art. 160 c.p.c. per incertezza assoluta del soggetto, se non risulta possibile accertare chi effettivamente l’abbia ricevuta.

Cassazione civile sez. VI, 12/01/2018, n.710

Notifica pec omessa per causa non imputabile al notificante

La notifica PEC da considerarsi omessa per causa non imputabile al notificante conserva i propri effetti se quest’ultimo riprende spontaneamente e completa il procedimento notificatorio entro il tempo pari alla metà dei termini di cui all’art. 325 c.p.c.

Cassazione civile sez. VI, 24/08/2017, n.20381

Notifica pec dopo le ore 21

La notifica effettuata via PEC dopo le ore 21 si perfeziona, sia per il notificante che per il notificato, il giorno successivo, con tutte le conseguenze del caso sull’eventuale improcedibilità dell’atto notificato per la scadenza del termine.

Cassazione civile sez. VI, 27/09/2018, n.23225

Notifica pec e casella di posta del ricevente piena

In tema di notificazione al difensore a mezzo pec, si considera regolare la comunicazione perfezionata mediante deposito in cancelleria ai sensi dell’art. 16, comma 6, d.l. n. 179/2012 nel caso in cui la mancata consegna del messaggio pec sia imputabile al destinatario, come acceduto nel caso di specie per la saturazione dello spazio disco.

Cassazione penale sez. V, 13/09/2018, n.45384

Notifica pec al difensore

In tema di notificazione al difensore mediante invio dell’atto tramite posta elettronica certificata (c.d. pec), la semplice verifica dell’accettazione dal sistema e della ricezione del messaggio di consegna è sufficiente a far ritenere perfezionata e pienamente valida la notifica senza necessità di ulteriori accertamenti.

Cassazione penale sez. II, 30/03/2018, n.31273

Notifica pec del decreto di citazione in appello

La notifica del decreto di citazione in appello, effettuata a mezzo pec, verso il difensore fiduciario che abbia già dichiarato di non voler accettare atti per conto del suo assistito è nulla ed insanabile ove l’imputato sia rimasto contumace in giudizio.

Cassazione penale sez. III, 12/04/2017, n.57105

Modalità di notifica del ricorso giurisdizionale

La modalità di notifica cartacea è espressamente prevista, e quindi consentita, anche dopo l’introduzione del PAT, dall’art. 14 del Regolamento di cui al d.P.C.M. 16 febbraio 2016, anche perché, ad oggi, non è normativamente previsto l’obbligo di notifica pec del ricorso.

T.A.R. Napoli, (Campania) sez. IV, 21/06/2018, n.4190

Notifica pec dell’intimazione di sfratto

In caso di notifica dell’intimazione di sfratto via pec ad una società, deve ritenersi chel’omissione della spedizione dell’avviso di cui all’art. 660, ult. comma, c.p.c. non possa configurare un’irregolarità legittimante il ricorso all’opposizione tardiva tutte le volte in cui si dia l’evidenza, anche mediante il ricorso a presunzioni, che l’accesso alla casella elettronica del destinatario era prerogativa esclusiva del rappresentante legale o di persona appositamente deputata; a ciò deve peraltro aggiungersi che, comunque, agli effetti dell’art. 668 c.p.c., non è sufficiente dedurre e dimostrare l’irregolarità della notificazione della convalida o la sussistenza di un’ipotesi di caso fortuito o di forza maggiore, occorrendo altresì la prova, a carico dell’opponente, che esista un collegamento causale fra tali presupposti, caratterizzati da oggettiva imprevedibilità ed inevitabilità, e la mancata conoscenza dell’intimazione.

Tribunale Palermo sez. II, 28/05/2018

Notifica pec della cartella esattoriale

Nel processo tributario è ammessa la notifica delle cartelle esattoriali a mezzo pec, la cui validità é attestata rispettivamente dalla ricevuta dell’accettazione e da quella dell’avvenuta consegna.

Tali file sono da ritenersi documenti idonei a comprovare l’avvenuta ricezione della cartella esattoriale; mentre nel caso in cui vengano prodotte in giudizio solo le stampe di dette ricevute, la relativa notifica pec non può dirsi regolare, poiché le stampe potrebbero essere riprodotte attraverso programmi di testo o foto ritocco.

Comm. trib. prov.le Roma sez. XIII, 26/01/2017, n.1715

Consegna del messaggio pec

Nel caso di specie, l’attestazione di SOGEI è proprio nel senso di evidenziare il mancato completamento della predetta attività prima del 14 maggio 2018 (è questa la data in cui risulta dall’atto depositato il completamento della notifica), sì da non potersi inverare prima (l’avvio alla notifica in data 4 aprile 2018) la condizione idonea alla decorrenza del termine breve.

Ricorre, dunque, nella specie l’ipotesi accordata anche dalla Plenaria di difetto di funzionamento non imputabile al destinatario idoneo a far venire meno gli effetti della notifica pec (Cons. Stato, Ad. Plenaria, del 10 dicembre 2014, n. 33; Cons. Stato, del 7 dicembre 2016, n. 5164).

Ne consegue che – nella specie che occupa – non poteva esservi la notifica, prima del completamento dell’operazione di consegna del messaggio pec, che risulta essere stato oggetto di incidente informatico (vedi relazione del gestore allegata alla memoria del 19 giugno 2018).

Consiglio di Stato sez. III, 18/10/2018, n.5970



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. In relazione al limite di orario per la notifica a mezzo pec, segnalo la sentenza della Corte Costituzionale, sentenza 09/04/2019 n° 75, che ha ritenuto illegittimo l’art. 16-septies del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179 (Ulteriori misure urgenti per la crescita del paese), convertito, con modificazioni, nella legge 17 dicembre 2012, n. 221, inserito dall’art. 45-bis, comma 2, lettera b), del decreto-legge 24 giugno 2014, n. 90 (Misure urgenti per la semplificazione e la trasparenza amministrativa e per l’efficienza degli uffici giudiziari), convertito, con modificazioni, nella legge 11 agosto 2014, n. 114, nella parte in cui prevede che la notifica eseguita con modalità telematiche la cui ricevuta di accettazione è generata dopo le ore 21 ed entro le ore 24 si perfeziona per il notificante alle ore 7 del giorno successivo, anziché al momento di generazione della predetta ricevuta.

  2. Ormai, quasi tutti i professionisti sono dotati di pec. E’ un mezzo utilissimo per comunicare celermente e senza il bisogno di spedire una raccomandata a/r. Io la uso da anni e tutte le comunicazioni ufficiali passano dalla mia posta elettronica certificata.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube