Business | Articoli

La società può rinascere se ha un credito fiscale

17 Dicembre 2013
La società può rinascere se ha un credito fiscale

Non rileva la precedente cancellazione dal registro delle imprese: la società chiusa può rivivere per beneficiare del rimborso fiscale.

La società di capitali (S.r.l., S.p.A. e S.a.p.a.) che sia stata ormai chiusa e cancellata dal registro delle imprese, può rinascere per ottenere un rimborso fiscale di un credito maturato in precedenza.

È questo il succo di una sentenza firmata pochi mesi fa dalla Commissione Tributaria Regionale del Lazio [1].

Secondo i giudici tributari, infatti, nonostante la società sia stata ormai estinta, può sempre rivivere e farsi accreditare il rimborso accumulato negli anni precedenti.

Nel caso di specie, la persona giuridica si era cancellata dal registro delle imprese e aveva trasferito la propria sede all’estero. Tuttavia, alla notizia della maturazione del credito, era tornata in patria, con una denominazione e partita Iva diverse. Il giudice le ha riconosciuto la possibilità di farsi accreditare la somma in questione.


note

[1] CTR Lazio, sent. n. 199 del 3.04.2013.

 

Autore immagine: 123rf.com


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube