Staminali sicure contro sclerosi multipla ma senza effetto

11 Settembre 2019
Staminali sicure contro sclerosi multipla ma senza effetto

Deludono contro infiammazione, continuano analisi effetti in ricadute e altri parametri.

L’infusione di cellule staminali mesenchimali nelle persone con sclerosi multipla è una procedura sicura, sebbene non si sia osservato un effetto sull’infiammazione acuta misurata con la risonanza magnetica cerebrale. Lo dimostrano i dati preliminari dello studio Mesems, il primo lavoro internazionale di questo tipo, presentati in anteprima al congresso dell’European Committee for Treatment and Research in Multiple Sclerosis (Ectrims) in corso a Stoccolma da Antonio Uccelli, direttore scientifico dell’ospedale policlinico San Martino di Genova e principal investigator dello studio insieme a Mark Freedman, professore di Neurologia dell’Ottawa Hospital Research Institute (Canada).

Lo studio di fase II, concluso da poche settimane, effettuato in doppio cieco e multicentrico, ha coinvolto 10 nazioni, e aveva l’obiettivo di dimostrare la sicurezza e l’efficacia del trattamento con cellule staminali mesenchimali autologhe in persone con sclerosi multipla. Un obiettivo centrato solo a metà: mentre infatti i risultati evidenziano che la somministrazione endovenosa di staminali mesenchimali non presenta differenze rispetto al trattamento con placebo, non è stato possibile mostrare un effetto del trattamento sull’infiammazione cerebrale acuta, misurata attraverso il numero di lesioni che assumono contrasto identificate con la risonanza magnetica cerebrale.

Ma i ricercatori si aspettano di capire molte altre cose dall’analisi degli obiettivi secondari appena iniziata e che verrà conclusa nei prossimi mesi. “A questo proposito – commenta Uccelli – non sono ancora stati analizzati i risultati dei numerosi obiettivi secondari dello studio e in particolare quelli relativi all’effetto sulle ricadute, sulla progressione di malattia e su alcuni altri parametri di risonanza magnetica che riguardano i possibili effetti di neuroprotezione e riparazione”.

Inoltre, “fino ad oggi le prime analisi sono state effettuate sui dati dell’intera coorte di pazienti in trattamento, ma è presumibile che all’interno dei gruppi ci siano stati pazienti che hanno risposto e altri no, per esempio quelli nella fase di malattia a ricadute e remissioni rispetto a quelli nella fase progressiva. Siamo fiduciosi che alcuni risultati possano fornire indicazioni positive. È comunque un risultato importante perché dimostra la sicurezza del trattamento e lascia aperta la porta ad un effetto neuroprotettivo che, se dimostrato dall’analisi degli obiettivi secondari, potrà fornire una nuova speranza alle persone con sclerosi multipla”, conclude.

Gli obiettivi primari dello studio sono dimostrare la sicurezza e l’efficacia del trattamento rispetto al placebo a 24 settimane dalla somministrazione. Quelli secondari valutano l’efficacia delle cellule staminali mesenchimali su altri parametri clinici e di risonanza magnetica, con particolare attenzione al loro possibile effetto riparativo. Si tratta del più grande lavoro mai condotto con cellule staminali mesenchimali su pazienti con Sm e ha coinvolto 10 Paesi tra cui Italia, Spagna, Francia, Gran Bretagna, Danimarca, Svezia, Iran, Svizzera, Austria e Canada, con il coordinamento dei ricercatori del Centro di Genova e dalla Clinical Research Organization Latis di Genova.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA