Salute e benessere | Articoli

Cancro alla prostata: arriva un’analisi più attendibile del Psa

12 Settembre 2019
Cancro alla prostata: arriva un’analisi più attendibile del Psa

Un esame del sangue svela cancro prostatico maligno. 

Un team di ricerca internazionale dell’Università Mahidol di Bangkok, in Thailandia, ha sviluppato un nuovo esame del sangue in grado di rilevare il cancro alla prostrata clinicamente significativo nei pazienti ad alto rischio.

Secondo il ricercatore Sebastian Bhakdi, il test è in grado di isolare e visualizzare cellule endoteliali circolanti associate al tumore (tCEC) da un piccolo campione di sangue da 10 millilitri. Lo riferisce la nostra fonte stampa Adnkronos.

Le cellule endoteliali circolanti associate al tumore prostatico sono biomarcatori altamente promettenti per la rilevazione in fase precoce, si legge in una nota, perché si pensa che derivino direttamente dai vasi sanguigni tumorali. Sfortunatamente sono estremamente rare e quasi indistinguibili dalle normali cellule del sangue, motivo per cui sono state finora considerate non rilevabili nei laboratori di routine.

“Il tCEC è il primo tipo di cellule associate al tumore a diffondersi nella circolazione dell’ospite e può indicare se la malattia danneggerà o meno il paziente”, spiega Andrea Militello, urologo e andrologo di Roma. “Non tutti i tumori hanno bisogno di cure – precisa – Non è solo importante rilevare precocemente la malattia, ma anche valutare se è di natura aggressiva o meno. I test per tCEC potrebbero risolvere entrambi i problemi allo stesso tempo”.

In collaborazione con partner privati, Bhakdi e il suo team hanno sviluppato una serie di nuove tecnologie che operano a temperature sotto lo zero che consentono loro di isolare tCEC dal sangue in appena 6 ore e visualizzarle al microscopio. I colleghi hanno poi sviluppato il primo test di screening basato su tCEC, in grado di rilevare sistematicamente queste cellule molto rare in campioni di sangue standard.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

8 Commenti

  1. Salve. potreste darmi maggiori informazioni sul cancro alla prostata? Quali sono i sintomi? Avete sentito parlare di chirurgia robotica? E quali sono i diritti di chi ha un cancro alla prostata? Grazie per la vostra eventuale risposta

    1. Giorgio ti consigliamo di leggere i nostri articoli sull’argomento:
      -Sintomi tumore alla prostata. Hai difficoltà a urinare? Di notte ti alzi spesso per andare in bagno? Il PSA è alto? Sono sintomi di un problema che potrebbe evolvere in tumore alla prostata https://www.laleggepertutti.it/271444_sintomi-tumore-alla-prostata
      -Cancro alla prostata: la chirurgia robotica. La chirurgia robotica presenta un’applicazione elettiva nel cancro alla prostata e affianca le tecniche classiche di intervento chirurgico per questa patologia https://www.laleggepertutti.it/256780_cancro-alla-prostata-la-chirurgia-robotica
      -I diritti di chi ha un tumore alla prostata. Chi ha un cancro alla prostata, a seconda della gravità, può ottenere l’assegno di invalidità, la pensione di inabilità o l’indennità di accompagnamento https://www.laleggepertutti.it/170730_i-diritti-di-chi-ha-un-tumore-alla-prostata

  2. Buongiorno, ogni anno faccio gli esami del sanque tra le quale il PSA , e tutto e sempre risultato nella norma, nel mese di Dicembre 2019 , mi faccio gli esami del sanque e il PSA risulta il valore 6,34 , subito richiedo la visita Urologa , prenoto con il servizio SSN e mi danno la visita il 14 /01/2020 , a pagamento non me lo posso permettere , aspetto un mese con la paura di un tumore , alla data indicata faccio la visita l’urologo mi visita e sente la prostata molto grossa e mi assegna 3 pillole al giorno per 90 giorni. E una serie di esami, che devo fare a pagamento , se riesco a farli visto che ultimamente gli stipendi sono rimasti gli stessi ma tutto e aumentato , e non riesco ha fare tutte le visite scritte fa prof. O pure anziché pagare le tasse al comune , Uff. Entrate. Bollette. E debiti vari pago le visite. E successivamente pagherò le altre cose cosa mi consigliate di fare , che oltre tutto alcuni medici che lavorano in ospedale ti danno anche l’appuntamento a pagamento , e ti fanno le visite subito , se invece non ai i soldi per pagare che poi ho sempre pagato durante il lavoro e mai usufruito di servizi , oggi lo prendo come un ricatto in quanto con le strutture pubbliche , se paghi subito a tre giorni ti fanno le visite se paghi con il SSN Aspetti un mese o anche di più io lo trovo ingiusto. Ma e

    1. il psa alto non significa avere un tumore ,vuol dire che la prostata non funziona bene , puo essere una prostatite ,una infiammazione passeggiera etc.fai la cura che ti hanno dato e rifai il psa tra qualche mese.ciao

  3. COSA C’E’ DA COMMENTARE ? QUESTA E’ LA SITUAZIONE , CHI PUO’ PERMETTERSELO AVRA’ PIU’ POSSIBILITA’ DI RIUSCIRE A TROVARE IN TEMPO UNA PATALOGIA CHE MOLTI UOMINI HANNO E MAGARI NON RIESCONO A CURARLA.

Rispondi a Paolo Annulla risposta

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube