Cronaca | News

Il Papa si schiera a favore della Tav

16 Settembre 2019 | Autore:
Il Papa si schiera a favore della Tav

Francesco in Vaticano davanti ai dirigenti Fs definisce l’Alta Velocità «un’opera pubblica di importanza strategica».

Papa Francesco «benedice» la Tav. Il Pontefice, nel corso dell’udienza in Vaticano con dirigenti e funzionari delle Ferrovie dello Stato, ha definito il treno ad alta velocità «un’opera pubblica di importanza strategica, che realizza un collegamento essenziale lungo le assi principali del Paese e ogni giorno offre a migliaia di passeggeri un servizio di notevole qualità».

«Sono davvero sensazionali – ha proseguito Bergoglio – i progressi compiuti e le innovazioni introdotte in questo breve arco di tempo, che ha visto l’aumento della rapidità negli spostamenti, l’incremento dei servizi e dei comfort per i passeggeri, un’interazione sempre più forte con i territori e con altri mezzi di trasporto, oltre a un grande sviluppo delle stazioni dell’Alta Velocità. Questa rapida evoluzione scaturisce da un’accurata e avveduta progettualità».

Per Papa Francesco, «in una società in così rapida evoluzione, come la nostra, è imprescindibile formulare un progetto chiaro di azione, ispirato a una visione del futuro che si sta costruendo, da adattare via via sulla base delle nuove circostanze. Tale visione è frutto di approfondimento e studio, richiede la collaborazione con esperti e una conoscenza approfondita delle dinamiche della società, ai cui bisogni vuole rispondere».

Il Santo Padre ha chiesto che ci sia «una visione d’insieme sulla realtà e sui problemi, perché mai come oggi bisogna riconoscere che gli individui, i gruppi, le comunità locali e gli Stati non sono realtà a sé stanti: la globalizzazione ci mette davanti all’urgenza di lavorare e pensare insieme, perché non siamo isole, ma siamo piuttosto dei punti di raccordo».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube