La dieta vegana aiuta a perdere peso e al diabete?

17 Settembre 2019
La dieta vegana aiuta a perdere peso e al diabete?

Una dieta vegana non ‘a vita’, bensì per soli 4 mesi, può potenziare la flora intestinale e migliorare peso e composizione corporea, oltre al controllo della glicemia. E’ quanto afferma una nuova ricerca presentata al congresso annuale dell’Associazione europea per lo studio del diabete (Easd) in corso a Barcellona. Lo studio è di Hana Kahleova del Physicians Committee for Responsible Medicine di Washington DC (Usa).

Il microbiota intestinale svolge un ruolo importante nella regolazione del peso, nello sviluppo della sindrome metabolica e del diabete di tipo 2. Lo scopo del lavoro era testare l’effetto di una dieta ‘veg’ di 16 settimane sulla composizione proprio del microbiota intestinale, sul peso, sulla composizione corporea e sulla resistenza all’insulina, in adulti in sovrappeso senza storia di diabete. Sono stati inclusi 147 partecipanti (86% donne e 14% uomini; l’età media era di 55,6 anni), assegnati in maniera casuale al gruppo invitato a seguire una dieta vegana a basso contenuto di grassi (73) o a quello che non doveva apportare modifiche alla propria dieta (74), appunto per 16 settimane.

Ebbene, effettivamente al termine dell’indagine il peso corporeo si è ridotto in modo significativo nel gruppo vegano (in media -5,8 kg), in particolare a causa di un calo della massa grassa (in media -3,9 kg) e del grasso viscerale. Anche la sensibilità all’insulina è aumentata  significativamente in questo campione.

Nel gruppo ‘vegan’ è aumentata anche la quantità del batterio Faecalibacterium prausnitzii (+4,8%), un elemento che è associato a riduzione del peso corporeo, della massa grassa e del grasso viscerale. Più presente nell’intestino di questo campione anche il Bacteoides fragilis (+19,5%), cosa che contribuisce a ridurre peso corporeo, massa grassa e grasso viscerale e che aumenta la sensibilità all’insulina.

Gli autori concludono: “Un intervento dietetico vegano a basso contenuto di grassi di 16 settimane ha indotto cambiamenti” positivi. Tuttavia, riconoscono che “saranno necessari ulteriori approfondimenti per capire quale sia l’effetto reale della dieta vegana rispetto a quelli indotti dalla semplice restrizione delle calorie. Questa – commentano – è un’area di ricerca affascinante e speriamo di poter presentare nuovi dati alla riunione dell’Easd del 2020″.



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

2 Commenti

  1. Interessante il riferimento al diabete. Potete darmi qualche delucidazione sulle cause del diabete? da cosa è provocato? Quali sono le cause?

    1. Le risposte alle tue domande sono racchiuse nel nostro articolo Diabete: cos’è e come prevenirlo? https://www.laleggepertutti.it/236665_diabete-cose-e-come-prevenirlo#Cos8217e_il_diabete Per avere maggiori informazioni sull’argomento, abbiamo intervistato una diabetologa.
      Il diabete mellito tipo 1 è il risultato di interazioni tra fattori genetici, ambientali ed immunologici. La natura delle influenze ambientali rimane un enigma. Sebbene si ritenga che il processo autoimmune sia scatenato da uno stimolo infettivo o ambientale, non è stato stabilito né il tipo di virus né il modo in cui esso promuove l’autoimmunità specifica contro le beta cellule del pancreas. In generale, il diabete mellito tipo 1 è considerato una malattia autoimmune. Ciò significa che il sistema immunitario del corpo attacca e distrugge le cellule apparentemente sane, nel caso del diabete le cellule che producono insulina nel pancreas. Alcune forme di diabete mellito tipo 1 non sono autoimmuni, ma monogeniche, perché causate da una mutazione genetica. Ne esistono diverse varianti MODY (Maturity Onset Diabetes of the Young). Quelle -2, -3, -5 sono le più frequenti e si stima che circa il 10-15% delle persone con diabete infanto-giovanile possa avere queste forme non autoimmuni. Le persone con diabete mellito di tipo 2 continuano a produrre insulina, ma quest’ultima non è più efficace o non viene rilasciata in quantità sufficiente al fabbisogno. Nella maggior parte dei casi, le persone con diabete di tipo 2 sono in sovrappeso od obese. Il sovrappeso e la sedentarietà provocano l’insulino-resistenza e, di conseguenza, l’insulina prodotta non raggiunge più i recettori nelle cellule dell’organismo. A volte, può accadere che i recettori dell’insulina siano troppo pochi per permettere al glucosio di entrare ed essere impiegato come combustibile. le persone con diabete mellito tipo 2 possono anche presentare un’anomala secrezione insulinica dopo il pasto, cosa che porta ad avere alti valori glicemici soprattutto post-prandiali.

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube