L’esperto | Articoli

Pericolo di incendio: ultime sentenze

1 Ottobre 2019
Pericolo di incendio: ultime sentenze

Scopri le ultime sentenze su: pericolo di incendio; reati di incendio, danneggiamento e danneggiamento seguito da incendio; giudizio sul pericolo di incendio; appiccare il fuoco alla cosa altrui al solo scopo di danneggiarla.

Qual è l’elemento costitutivo del reato di danneggiamento seguito da incendio? Affinché si configuri il delitto di danneggiamento seguito da incendio, è necessario che si presenti il pericolo di incendio.

Danneggiamento seguito da incendio: natura

L’art. 424 c.p. punisce chiunque, al di fuori delle ipotesi previste nell’art. 423-bis, al solo scopo di danneggiare la cosa altrui, appicca il fuoco a una cosa propria o altrui se dal fatto sorge il pericolo di un incendio. Tale reato richiede come elemento costitutivo il sorgere di un pericolo di incendio: la norma è delineata secondo lo schema tipico dei reati di pericolo indiretto, facendo riferimento a una condotta (appiccamento del fuoco) che è punita se e in quanto genera il pericolo di una situazione (l’incendio) che a sua volta mette a repentaglio l’incolumità pubblica, potendosi così ritenere che la tutela penale sia approntata a uno stadio anteriore alla messa in pericolo dell’ ultimo bene giuridico tutelato.

Tribunale Bologna, 24/04/2018

Danneggiamento seguito da incendio: presupposti

In tema di reati contro la pubblica incolumità, il delitto di danneggiamento seguito da incendio richiede, come elemento costitutivo, il sorgere di un pericolo di incendio, con la conseguenza che esso non è ravvisabile qualora il fuoco appiccato abbia caratteristiche tali che da esso non possa sorgere un pericolo simile. In tale eventualità, o in quella nella quale chi, nell’appiccare il fuoco alla cosa altrui al solo scopo di danneggiarla, raggiunge l’intento senza cagionare né un incendio né un pericolo di un incendio, è configurabile il reato di danneggiamento. Nel caso di specie, il Tribunale ha ravvisato gli estremi del reato ex articolo 424 del Cp, in quanto l’imputato, detenuto presso una casa circondariale, aveva appiccato il fuoco al materasso della cella gettandolo fuori dal balconcino distruggendolo.

Tribunale Firenze sez. I, 19/01/2018, n.215

Quando si configura il reato di incendio?

Per la configurazione del reato di incendio (art. 423 c.p.) è necessario che il soggetto agente abbia voluto cagionare l’incendio, mentre quando il pericolo di incendio o l’incendio stesso si sono verificati come conseguenza non voluta dell’azione sono configurabili, nella prima ipotesi (pericolo di incendio), il reato di danneggiamento seguito da incendio ex art. 424, comma 1, c.p., nella seconda ipotesi (incendio), il reato di danneggiamento seguito da incendio ex art. 424, comma 2, che prevede un trattamento sanzionatorio aggravato rispetto alla fattispecie di cui al comma 1.

Cassazione penale sez. I, 07/06/1995

Reato di incendio e danneggiamento seguito da incendio: differenze

Un eventuale concorso formale tra il delitto di danneggiamento di cui all’art. 635 c.p. e quello di danneggiamento seguito da incendio di cui all’art. 424 c.p., deve considerarsi giuridicamente impossibile, elidendo quest’ultimo reato il primo, qualora il danneggiamento mediante accensione del fuoco si trasformi in pericolo di incendio o in incendio vero e proprio. Se al tentativo di danneggiare la res segue effettivamente un incendio, troveranno applicazione le disposizioni di cui all’art. 423 c.p.

La differenza, tra il reato di incendio, di cui all’art. 423 cod. pen., e quello di danneggiamento seguito da incendio, previsto dall’art. 424 cod. pen., sussiste sul fatto che, nella prima fattispecie, l’agente vuole che si sviluppi un incendio, mentre, nella seconda, vuole solo danneggiare con il fuoco. L’art. 424 cod. pen. prevede quindi l’incendio come reato che esula dalla intenzione dell’agente, e, nella struttura di detto reato, l’incendio o il pericolo d’incendio è solo condizione oggettiva di punibilità e, come tale, estranea al dolo.

Tribunale Bologna, 20/02/2018

Danneggiamento seguito da incendio: pericolo

In tema di danneggiamento seguito da incendio, il giudizio sulla ricorrenza del pericolo di incendio va formulato sulla base di una prognosi postuma, ex ante e a base parziale, avuto riguardo alle circostanze esistenti al momento della condotta, senza alcuna rilevanza dei fattori eccezionali e sopravvenuti, quale l’intervento tempestivo della persona offesa nello spegnimento delle fiamme.

Cassazione penale sez. V, 28/03/2017, n.37196

Danneggiamento seguito da incendio: condotta dell’agente

Ai fini della sussistenza del reato di danneggiamento seguito da incendio è necessario che la condotta dell’agente determini un pericolo di incendio e, cioè, la probabilità che il fuoco evolva in un vero e proprio incendio, la quale deve essere desunta dalla situazione di fatto con riferimento alle dimensioni del fuoco in relazione all’oggetto del danneggiamento.

Cassazione penale sez. VI, 22/04/2010, n.35769

Soggetto appicca un incendio a vettura in sosta sulla via pubblica

L’elemento costitutivo del reato di danneggiamento seguito da incendio è il sorgere di un pericolo di incendio. Tale reato non è invece ravvisabile nel caso in cui il fuoco appiccato abbia caratteristiche tali che da esso non possa sorgere tale pericolo.

Pertanto, se l’agente nell’appiccare il fuoco alla cosa altrui al solo scopo di danneggiarla, raggiunge il suo intento senza cagionare un incendio o il pericolo di incendio, è configurabile il reato di danneggiamento; se, invece, tale pericolo sorge o se segue l’incendio, il delitto contro il patrimonio diventa delitto contro la pubblica incolumità e trovano applicazione, rispettivamente, gli art. 423 e 424 c.p.

Nel caso di specie, i giudici hanno considerato integrante il delitto di cui all’art. 424 c.p. la condotta consistita nell’appiccare un incendio a una autovettura in sosta sulla pubblica via, in adiacenza di immobili, giacché la presenza di liquido infiammabile nel veicolo avrebbe potuto determinare lo scoppio del mezzo, con conseguenze per la pubblica incolumità.

Corte appello Palermo sez. IV, 07/07/2016, n.3516

Agente dà fuoco a sterpaglie e a una tenda da sole sul balcone di casa altrui

Il reato di danneggiamento seguito da incendio richiede, come elemento costitutivo, il sorgere di un pericolo di incendio, sicché non è ravvisabile qualora il fuoco appiccato abbia caratteristiche tali che da esso non possa sorgere detto pericolo; in questa eventualità o in quella nella quale chi, nell’appiccare il fuoco alla cosa altrui al solo scopo di danneggiarla, raggiunge l’intento senza cagionare né un incendio né il pericolo di un incendio, è configurabile il reato di danneggiamento.

Se, per contro, detto pericolo sorge o se segue l’incendio, il delitto contro il patrimonio diventa più propriamente un delitto contro la pubblica incolumità, e trovano applicazione, rispettivamente, gli art. 423 e 424 c.p.

(Nella specie, in cui l’agente aveva dato fuoco a sterpaglie e a una tenda da sole posta sul balcone di casa altrui e risultava dai verbali d’intervento dei VV.FF., che le fiamme avevano dato luogo a modeste bruciature e che l’evento non rientrava tra quelli soggetti al controllo del Corpo, la Corte ha qualificato il fatto come danneggiamento).

Cassazione penale sez. I, 04/03/2010, n.16295

L’agente dà fuoco a cassette di legno sul balcone di casa altrui

Il reato di danneggiamento seguito da incendio (art. 424 c.p.) richiede, quale elemento costitutivo, il sorgere di un pericolo di incendio, sicché non è ravvisabile il reato in questione, ma eventualmente il semplice danneggiamento, nell’ipotesi che il fuoco appiccato abbia caratteristiche tali, che da esso non possa sorgere detto pericolo. In questo caso, ovvero nel caso in cui colui che, nell’appiccare il fuoco alla cosa altrui, al solo scopo di danneggiarla, raggiunge l’intento senza cagionare nè un incendio nè il pericolo di un incendio, sussiste il reato di danneggiamento previsto e punito dall’art. 635 c.p.

Se, per contro, detto pericolo sorge o se segue l’incendio, il delitto contro il patrimonio diventa più propriamente un delitto contro la pubblica incolumità, e trovano applicazione rispettivamente gli art. 424 e 423 c.p.

(Nella specie l’agente aveva dato fuoco a cassette di legno site sul balcone di casa altrui, al solo scopo di danneggiare, e la S.C. ha qualificato danneggiamento ex art. 635 c.p. il fatto, imputato quale violazione dell’art. 424 c.p.).

Cassazione penale sez. III, 26/11/1998, n.1731

Quando sorge il pericolo di incendio?

Il reato di danneggiamento seguito da incendio (art. 424 c.p.) richiede, quale elemento costitutivo, il sorgere di un pericolo di incendio, sicché non è ravvisabile il reato in questione, ma eventualmente il semplice danneggiamento, nell’ipotesi che il fuoco appiccato abbia caratteristiche tali che da esso non possa sorgere detto pericolo. In questo caso, ovvero nel caso in cui colui che, nell’appiccare il fuoco alla cosa altrui al solo scopo di danneggiarla, raggiunge l’intento senza cagionare né un incendio né il pericolo di un incendio, sussiste il reato di danneggiamento previsto e punito dall’art. 635 c.p. Se, per contro, detto pericolo sorge o se segue l’incendio, il delitto contro il patrimonio diventa più propriamente un delitto contro la pubblica incolumità, e trovano applicazione rispettivamente gli art. 424 e 423 c.p.

(Fattispecie in cui è stato ritenuto il reato di cui al comma 1 dell’art. 424 c.p., sul rilievo che l’incendio si sarebbe certamente sviluppato senza l’intervento della vittima e degli altri soggetti che, avvedutisi dell’accaduto, ebbero a spegnere il fuoco).

Corte appello Reggio Calabria, 16/01/2007, n.3



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube