Diritto e Fisco | Articoli

Nullatenenti: per l’evasione fiscale si va sempre in carcere

17 Settembre 2019
Nullatenenti: per l’evasione fiscale si va sempre in carcere

Niente pena pecuniaria per l’evasore che è insolvente: escluse anche le attenuanti generiche nonostante la crisi di liquidità dell’azienda.

Essere nullatenenti non è un crimine e chi non può pagare un debito non va in carcere. Ciò vale anche per le tasse e le cartelle esattoriali: l’unica conseguenza per l’inadempiente è il pignoramento.

Va, però, diversamente nei confronti di chi viene condannato penalmente per il reato evasione fiscale e non ha soldi per pagare la pena pecuniaria: in tal caso, dovrà per forza subire la detenzione. E non è tutto: egli non ha neanche diritto alle attenuanti generiche. Insomma, doppia beffa per l’imprenditore o il professionista che attraversa una crisi di liquidità e che non ha adempiuto gli obblighi col Fisco. A dirlo è la Cassazione con una sentenza pubblicata pochi minuti fa [1].

Secondo i giudici, l’imputato per evasione fiscale insolvente non è meritevole della conversione della pena detentiva in quella pecuniaria; se così fosse, del resto, ciò vanificherebbe ogni effetto deterrente delle sanzioni penali. Il nullatenente, infatti, non subirebbe né la limitazione di libertà del carcere, né la multa. Ed è stata la stessa Cassazione a stabilire che il giudice, nell’applicare la pena al colpevole, valuta anche l’eventuale inefficacia della sanzione.

In relazione allo sconto di pena, invece, e al mancato riconoscimento delle attenuanti generiche, ad avviso dei Supremi giudici non si può invocare la difficoltà finanziaria quando si tratta di evasione di Iva. Le somme, infatti, incassate a titolo di Iva non sono della società, bensì dell’Erario, e quindi non destinabili ad altri fini.


note

[1] Cass. sent. n. 38467 del 17.11.2019.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube