Tech | Articoli

YouPol, l’app della Polizia di Stato per le segnalazioni da smartphone

18 Settembre 2019
YouPol, l’app della Polizia di Stato per le segnalazioni da smartphone

Un tasto sul cellulare fa scattare la segnalazione anche quando il cittadino si trova in stato di urgente bisogno di soccorso.

Si chiama YouPol ed è un’app gratuita scaricabile dallo Store del tuo smartphone. L’applicazione permette all’utente di interagire con la Polizia di Stato inviando segnalazioni (immagini o testo) relative a episodi di bullismo e di spaccio delle sostanze stupefacenti. Si tratta, quindi, di un sistema che non consente di eseguire denunce o querele (per le quali è sempre necessaria la presenza dell’interessato e la firma sul verbale), ma semplici segnalazioni che daranno vita a indagini.

L’app è stata predisposta proprio dalla Polizia di Stato ed è, quindi, “ufficiale”: il segnale lanciato dal cittadino arriva subito alle autorità.

Le segnalazioni non sono anonime. Le immagini ed il testo che vengono trasmesse all’ufficio di Polizia sono geolocalizzate e consentono di conoscere in tempo reale il luogo degli eventi qualora il soggetto dovesse trovarsi in un momento di necessità e dovesse richiedere l’intervento delle autorità di polizia.

E’ possibile anche l’invio e la trasmissione in un momento successivo con l’inserimento dell’indirizzo del luogo in cui si è verificato l’evento.

L’applicazione è stata realizzata per prevenire le fenomenologie del bullismo e dello spaccio delle sostanze stupefacenti.

Proprio di recente, grazie a una segnalazione sulla app You Pol della Polizia di Stato, tre persone sono state arrestate a Gela in un’operazione antidroga. Gli uomini del locale commissariato hanno eseguito un’ordinanza cautelare emessa dal Gip presso il tribunale di Gela, su richiesta della Procura, uno in custodia cautelare in carcere e due agli arresti domiciliari, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti continuato in concorso.

All’operazione hanno preso parte le unità cinofile della Questura di Catania. A fare scattare l’inchiesta – rivela l’agenzia di stampa Adnkronos – è stata proprio la segnalazione fatta nel maggio 2018, presso la Sala Operativa della Questura di Caltanissetta sull’App “You Pol”. I particolari dell’operazione, denominata in codice “Supermarket”, saranno resi noti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle ore 11 presso la sala conferenze della Procura della Repubblica di Gela, alla presenza dei vertici della Procura della Repubblica e della Polizia di Stato.


1 Commento

  1. Credo che questo strumento sia ottimo per aiutare le forze dell’ordine e far rispettare la legge. Le innovazioni tecnologiche vengono in nostro soccorso anche in questi casi e l’uso di certe app può essere un ottimo mezzo per contrastare la criminalità

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA