Cronaca | Articoli

Il nuovo pericolo degli estremisti di destra

18 Settembre 2019
Il nuovo pericolo degli estremisti di destra

Razzismo contro il meridione e gli stranieri, attacco antisemiti e ostilità razziali: i nuovi allarmanti fenomeni sociali indicati da Azione Civile.

Negli anni ‘70, il pericolo degli estremisti era a sinistra: le brigate rosse hanno seminato sangue e stragi in tutta Italia. I gruppi anarchici e dissidenti sono stati a lungo sotto l’occhio vigile dell’intelligence per la prevenzione di attentati. Oggi, però, le cose sono cambiate. A fare il punto della situazione è Azione Civile in una recente nota diffusa dalla agenzia stampa Adnkronos. Il pericolo – dice l’associazione – proviene ora dall’estrema destra. Non solo in Italia, ma in tutta Europa e in alcune parti del mondo.

“L’estate 2019 in Italia sarà ricordata come un tempo ricco di colpi di scena politici e rapidissimi cambiamenti. Il popolo, quel popolo continuamente richiamato da tutti i leader politici con la pretesa di parlare a nome di 60 milioni di cittadini/e, è stato testimone di una campagna politica urlata svoltasi tra piazze, social e lidi balneari, in cui un leader, in pieno delirio di onnipotenza, dopo avere richiamato a sé ”pieni poteri”, si suicidava politicamente, facendo cadere il suo stesso governo”. Così prosegue Azione Civile. “Un’estate in cui episodi di razzismo, ostilità, aggressioni xenofobe e sessiste verso stranieri e meridionali ha raggiunto livelli mai visti nel nostro paese -si legge – Un bimbo di tre anni, la cui unica colpa è avere la pelle scura, viene preso a calci e lanciato a metri di distanza,sotto gli occhi della madre. Ad una studentessa, colpevole di essere nata a Foggia, viene negato l’affitto di un appartamento. Una bellissima ragazza, nata a Padova, di origine cingalese, viene contestata al concorso di miss Italia. Innumerevoli gli attacchi, le aggressioni nel mondo dello sport verso atleti e sportivi di nazionalità italiana, colpevoli di avere la pelle scura”.

“Ma non avevamo ancora visto abbastanza. Mancavano gli attacchi antisemiti. Ecco che chi evocava ”i pieni poteri”, piuttosto che sedere in Parlamento a seguire il discorso del Presidente del Consiglio, il 10 scorso, manifesta in piazza tra saluti romani e cori fascisti- dice Azione civile – Ecco lo stesso, che durante i suoi discorsi sfoggia il rosario come i capi mafiosi, manifestare a Pontida contro il nuovo governo, mentre la piazza rivolge insulti al Presidente della Repubblica, colpisce un video maker sferrando un pugno alla sua telecamera. Ecco che un noto giornalista italiano, colpevole di essere ebreo, subisce inaccettabili offese antisemite e viene scortato dalla sicurezza per proteggerne l’incolumità fisica.

Ecco lo stesso leader politico affermare la volontà di organizzare manifestazioni simili con cadenza mensile, di lanciare Referendum su tutto ciò che ostacoli la sua linea politica”.

“Azione Civile, movimento nato per l’attuazione dei valori della Costituzione del 1948, esprime preoccupazione verso questo clima di contrapposizione in cui dalla violenza verbale è facile passare a quella fisica. L’estremismo di destra, in grande espansione in Italia, in Europa e nel mondo intero, minaccia la pace, i principi di democrazia costituzionale, così faticosamente costruiti, dalla nascita della Repubblica in poi. Lavora per la costruzione di una società multiculturale, che rispecchi la nuova fisionomia del nostro paese, che realizzi il dettato costituzionale, specialmente l’art.3 comma 2 e la XII disposizione finale della Carta che recita: ”E’ vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”, conclude la nota.


1 Commento

  1. Un vero e proprio scandalo a cielo aperto, risalente a molto tempo addietro, aver lasciato proliferare passivamente e colpevolmente – tanto son quattro gatti, si diceva negli anni Settanta… – le frange di destra razziste e antisemite… E la “legge Scelba”, regolarmente disattesa???… Per questa feccia immonda campo di lavoro a vita con palla al piede! E da qui non esci!!!…

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA