Bonus verde per balconi e giardini prorogato fino al 2021

20 Settembre 2019
Bonus verde per balconi e giardini prorogato fino al 2021

Il Governo riconferma la detrazione per chi vuole investire in prati, fiori da balcone e giardini. 

Il Governo intende riconfermare anche per il 2020-2021 il bonus verde per balconi, giardini e terrazzi istituito da Renzi nel 2017 e prorogato, successivamente, nel 2018 e 2019. Si tratta di un incentivo fiscale rivolto non solo a chi ha un giardino, ma anche a chi vive in appartamento e intende abbellire il terrazzo o il balcone con piante. Un bene per la natura, per l’ossigeno ma anche e soprattutto per le nostre città sempre più affogate dal cemento.

Il bonus verde consiste in una detrazione fiscale del 36% sulle spese dedicate a giardini, terrazzi, balconi. Gli interventi riguarderanno soprattutto ville, villini e palazzi di pregio, ma anche normali condomini. L’importo massimo di spesa consentito in un anno per usufruire del bonus è di 5mila euro. Pertanto, tutte le spese superiori a tale soglia, non godranno del bonus. Il che significa che lo sconto massimo sulle tasse consentito dalla norma sarà di 1.800 euro.

Il limite di 5mila euro, però, non è calcolato sulla persona ma sull’immobile. Quindi, chi possiede due case potrà usufruire due volte del bonus verde per un totale di spesa di 10mila euro e una detrazione di 3.600 euro complessivi tra i due immobili.

Bene la conferma del bonus verde anche per gli anni 2020-2021 poiché si dà così continuità a uno strumento che ha permesso di far crescere il verde privato, in giardini, terrazzi e balconi, con un positivo effetto a favore delle imprese vivaistiche e della manutenzione del verde, ma anche dell’ecosistema e del contrasto dei cambiamenti climatici.

La proroga della misura è una buona notizia in linea con la richiesta che Confagricoltura ha da sempre sostenuto. Tuttavia, commenta il presidente eletto di Confagricoltura, Massimiliano Giansanti, «andrebbe rafforzata la portata del provvedimento aumentando il massimale di spesa ammissibile e la percentuale di detrazione, come già richiesto da Palazzo della Valle».

La bozza di decreto legge sul clima allo studio del nuovo Governo, rileva Confagricoltura, «contiene elementi di grande interesse finalizzati a contrastare i cambiamenti climatici e promuovere l’economia verde, ma anche alcuni aspetti che meritano maggiore approfondimento».

Confagricoltura giudica «positivamente anche il programma sperimentale di messa a dimora di alberi, di reimpianto e di silvicoltura, finalizzato ad adottare misure urgenti per l’adattamento climatico nelle città metropolitane e migliorare la qualità dell’aria». Anche l’obiettivo di prevedere incentivi in favore delle micro, piccole e medie imprese che operano nel settore delle energie rinnovabili e dell’agriturismo nei parchi nazionali, ad avviso di Confagricoltura, «è un intervento importante per rafforzare la presenza delle imprese agricole attive in queste aree».

«Siamo critici sulla riduzione degli incentivi ai carburanti agricoli – aggiunge Giansanti – poiché occorre prevedere una gradualità collegata all’effettiva disponibilità di soluzioni tecnologiche alternative, soprattutto in riferimento alla meccanizzazione agricola. Se non si agisce con oculatezza c’è il rischio di penalizzare fortemente il settore primario».

Contemporaneamente, conclude il presidente di Confagricoltura, «occorre avviare un percorso che permetta di sviluppare concretamente la produzione di biocarburanti avanzati, e in particolare del biometano. In questa direzione, il nuovo provvedimento deve essere l’occasione per superare alcune criticità che frenano la crescita dell’agricoltura italiana».



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube