Nuove norme sul diesel: costerà quanto la benzina

23 Settembre 2019
Nuove norme sul diesel: costerà quanto la benzina

Il DL ambiente introduce una stangata sugli automobilisti da 2.25 miliardi: accise su diesel parificate a benzina, rincari su prezzi trasportati.

È una stangata da 2,25 miliardi quella che rischia di abbattersi sugli automobilisti italiani a partire dal prossimo anno. Lo denuncia il Codacons, evidenziando alcune norme contenute nel Decreto Ambiente. La bozza introduce, infatti, il taglio dei sussidi ambientalmente dannosi, tra cui quello che garantisce accise sul gasolio inferiori a quelle applicate alla benzina; potrebbe venire meno anche il rimborso in favore degli autotrasportatori di parte delle accise pagate. Una rivoluzione che, se introdotta, porterà il diesel a costare presso i distributori esattamente come la benzina, con un forte aggravio di spesa per i 17,3 milioni di italiani proprietari di auto diesel e un possibile aumento a cascata dei prezzi di una moltitudine di prodotti, trasportati su gomma su mezzi alimentati a gasolio. La nota stampa viene diffusa dall’agenzia Adnkronos.

In base alle elaborazioni Codacons, la parificazione di accise tra benzina e diesel determinerà una maggiore spesa per il pieno di gasolio pari a circa +5,15 euro (considerati i prezzi odierni), il che equivale ad un aggravio di spesa di +130 euro all’anno a carico di ciascun automobilista che circola con auto diesel. Conseguenze pesantissime si registrerebbero, inoltre, anche sui prezzi al dettaglio, denuncia il Codacons. Tutti i prodotti trasportati su gomma (che in Italia rappresentano l’86,5% del totale) subirebbero rincari dei prezzi, considerato che i costi di trasporto incidono per lo 0,5% sui listini al dettaglio e che gli autotrasportatori non potrebbero godere né delle accise più basse rispetto alla benzina, né dei rimborsi finora garantiti dallo Stato.

“Si rischiano proteste ad oltranza come i gilet gialli in Francia – avverte il presidente Carlo Rienzi – e il Governo deve valutare con attenzione le misure ambientali da adottare, perché se determinerà stangate a danno di automobilisti e consumatori, saranno inevitabili conseguenze sul fronte dei consumi, con enorme danno per l’economia nazionale”



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

42 Commenti

  1. Meno male che il M5S assieme alla Lega dovevano togliere le accise. Adesso assieme al pd, ne aggiunge delle altre! Mi fate venire il vomito dallo schifo che fate!

  2. Come al solito paga chi inquina meno. Ormai è stato appurato che le macchine elettriche inquinano di più con le batterie da smaltire.

  3. Secondo voi aumentando il gasolio uno cambia auto? Aumentando l’elettricità uno mette i pannelli solari? Aumentando il gas non cucina più? Se si può fare questo allora in Italia si sta proprio bene.

  4. Mi auguro che sia una bufala, invece di tagliare le accise vogliono aumentare il diesel come la benzina verde. Volete capirlo che non è l’Europa ad inquinare ma la Cina. Caproni

  5. Io voglio spezzare una lancia a favore. Avevo un auto a gasolio adesso ho optato per una a benzina non trovo giusto che i due carburanti siano dissimili come prezzo. È giusto che i trasportatori siano equiparati come i prodotti petroliferi in agricoltura,ne va del bene del paese. Ma tutti gli altri devono pagare TUTTI. In egual modo,come chi usa benzina.Lo stato deve incentivare l’ elettrico pulito no da fonti fossili.Siamo in un era di cambiamenti o si fa così o il popolo umano sparisce. Fate voi se volete bene hai vostri figli. O sono le solite chiacchiere. È vero che in Italia tutto si trasporta su gomma,si dovrebbe incentivare la navigazione e le ferrovie visti che siamo in paese circondato dall’acqua. Così facendo possiamo creare posti di lavoro per tutti. Se qualcuno dice che i trasportatori perderebbero lavoro è vero in parte. Ma visto che ci sono molti camionisti non italiani che lavorano a prezzi stracciati.

    1. Creare posti di lavoro nè dubito, diciamo qualche posto per fare contento qualcuno, poichè fino ad ora se li sono intascati sempre loro.

    2. Hai mai sentito parlare del DIESEL 6.2, Hai mai visto confronti tra l’inquinamento di questo motore ed elettrico.
      Va considerato anche la produzione dell’elettricità e la costruzione e lo smaltimento delle batterie.

  6. Non si può pensare di aumentare il prezzo del gasolio per ridurre l’inquinamento, chi deve muoversi lo fa’ lo stesso, non vedo alcuna riduzione di emissioni nocive, vedo solo un aumento del costo, tutto qui! Se dovessimo considerare tutte le fonti di inquinamento, beh la lista è molto lunga e varia, và dalle ciminiere dei nostri bei camini che abbiamo in casa, da quelli delle pizzerie con forno a legna, a Brindisi la centrale a carbone, a Taranto l’Ilva oltre che alla raffineria Eni ed alla Cementir, insomma viviamo in un contesto a dir poco apocalittico.
    La Cina poi la si può definire il CANCRO DEL PIANETA, in termini ambientali ed economici.
    I grandi del pianeta dovrebbero coalizzarsi e trovare nell’immediato una soluzione, purtroppo gli interessi economici sono troppi, e credo che questo andrà avanti ancora per molto tempo, mi dispiace per i futuri abitanti del pianeta terra.

  7. Signori miei, ma siete fuori di testa?
    Il gasolio al momento quello di ultima generazione di CO2 è il migliore. Seguono metano, gpl e benzina.
    Allora perché non aumentiamo alla pari pure quelli?….anzi pure il pieno con la macchina elettrica…..siete proprio idioti.
    È una speculazione di soldi e basta.
    L’elettrico sia per produrlo che per smaltirlo inquina più di tutti.
    Non avete calcolato che è impossibile mettere colonnine per coprire tutta la popolazione.
    Chi non ha il garage che fa? Esce magari a qualche km da casa per ricaricare e dorme in macchina…..su via al massimo lo si potrebbe utilizzare in grandi città e basta.
    Il surriscaldamento globale in parte è colpa dell’uomo che preferisce fare soldi ed in parte è naturale…..i cambiamenti climatici ci sono e ci saranno sempre.
    Io ho un diesel euro 4, a fine anno lo cambio con un benzina, finita la garanzia ci metto il gpl. Risolto ed inquinero’ sempre meno.
    Ma le navi non sono elettriche, i treni e gli aerei….mi sembra di no….i razzi aerospaziali….i mezzi per fare le guerre…i macchinoni di tutti i potenti del mondo….
    Poi ragazzi noi facciamo qualcosina con i rifiuti….differenziata,umido,lattine….ma nei paesi più grandi come l’africa e l’india che sono più di noi che circolano con macchine degli anni 60 e che buttano rifiuti ovunque…..non è inquinamento…..noi siamo solo una piccola fetta….quindi alla fine dico beati gli ignoranti che non vedono oltre il loro naso.

  8. Al di là dell’equiparazione delle accise che tutto sommato ci starebbe, a mio avviso il problema di base è molto più grande ma nascosto.
    Tutti vogliono incentivare le auto elettriche ma nessuno ci dice come viene generata l’energia elettrica che andremo ad utilizzare.
    Così come non è chiaro come a da chi verranno smaltite tutte le batterie esauste.
    Forse una maggiore chiarezza aiuterebbe tutti, inclusi i governanti, ad affrontare il problema inquinamento in modo serio.
    Diversamente sarebbe solo un modo per soddisfare le apparenze.

  9. L’aumento porterà contestazioni e non risolve il problema le macchine che inquinano continueranno a circolare soprattutto i rom i sfasci che vanno a carbonella in giro sempre auto con tubi di scarico da sentirsi male possibile che non li sequestrano? Il problema è altrove e non vogliono risolvere perché sui carburanti gli incassi sono sicuri

  10. Siamo i soliti PECORONIE e NON faremo nulla per contrastare questi aumenti, l’importante che ci sia san Remo, isola dei famosi, il paradiso dei minkioni ecc. ecc

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube