Politica | News

Lega, 200mila firme contro il Governo: «Tutti a S. Giovanni»

23 Settembre 2019 | Autore:
Lega, 200mila firme contro il Governo: «Tutti a S. Giovanni»

Gazebo del Carroccio in tutta Italia a sostegno di Salvini e contro il Governo: «In Umbria, primo avviso di sfratto a Conte».

Da Matteo Salvini, una certezza ed una promessa. La certezza sono le 200mila firme raccolte tra sabato e domenica «contro il Governo delle poltrone, delle tasse e dell’invasione». La promessa è quella di riempire, domenica 19 ottobre, piazza San Giovanni a Roma, dov’è stata convocata una manifestazione contro l’Esecutivo Conte-bis.

Salvini, dunque, continua sulla sua linea di tentare di delegittimare il Governo non solo attraverso i video in diretta sulla sua pagina Facebook, i tweet, le interviste in radio o in tv, ma anche sollevando il popolo della Lega. Lo ha fatto alcuni giorni fa a Pontida, ci riproverà tra meno di un mese nella Capitale.

Il capo del Carroccio ha voluto oggi ringraziare i militanti del suo partito «e i tanti cittadini che ci hanno dato forza ed entusiasmo», ha detto. «Il 19 ottobre – ha assicurato Salvini – riempiremo piazza San Giovanni a Roma per far sentire la voce del Paese reale contro le manovre di Palazzo, in attesa di vincere quando daranno la possibilità ai cittadini di votare». Quindi, il consueto affondo agli avversari: «Il Pd, Conte, Renzi e Di Maio non possono scappare per sempre dalle urne». Anzi: «I primi italiani che potranno mandarli a casa saranno quelli dell’Umbria il 27 ottobre, che daranno il primo avviso di sfratto a Conte», ha ricordato l’ex ministro a proposito delle elezioni regionali previste tra un mese.

L’entusiasmo di Salvini è stato rilanciato dalla raccolta di firme fatta lo scorso fine settimana in oltre 1.500 gazebo distribuiti nelle piazze italiane contro il Governo: più di 200mila, secondo la Lega, a sostegno del capo del Carroccio. La maggior parte sono arrivate dalla Lombardia (più di 25mila), dal Lazio (20mila) e dal Veneto (17mila).



Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube