Nuova sugar tax: quanto spenderà in più ogni famiglia?

24 Settembre 2019
Nuova sugar tax: quanto spenderà in più ogni famiglia?

Il balzello creerà un danno alle aziende del settore con ripercussioni per l’intera economia, senza tuttavia avere alcun effetto sul fronte sanitario, denuncia il Codacons.

La nuova sugar tax, letteralmente la tassa sullo zucchero, potrebbe essere un clamoroso autogol per il Governo con ripercussioni sull’intera filiera agroalimentare, sui 50mila lavoratori occupati nel settore dei soft drink e sulle 400 aziende impegnate nella produzione di merendine. Il rischio è di favorire delocalizzazione e licenziamenti. È questa la posizione della Uila-Uil sulla nuova tassa sulle bibite e sulle merendine ipotizzata in questi giorni da una parte del Governo. Ma non è l’unico problema. L’impatto sulle famiglie non è di poco conto. Se, infatti, dovesse essere introdotta, la nuova sugar tax determinerà un aggravio di spesa pari a 58 euro annui a nucleo familiare. Lo afferma il Codacons, che ha elaborato alcune stime sugli effetti che il provvedimento potrebbe avere sulle tasche degli italiani e sull’economia. Considerando il gettito che il Governo pensa di reperire grazie a tale balzello, pari a 1,5 miliardi di euro l’anno, l’impatto della tassa sarà, a parità di consumi, di circa 58 euro per ogni nucleo familiare.

Tuttavia, l’esperienza di altri paesi che hanno introdotto imposizioni fiscali analoghe, spiega il Codacons, ha dimostrato che ”simili tasse hanno un impatto deprimente sui consumi del comparto, con riduzioni fino al 10%, ma nessun effetto reale sulla salute”. I consumatori, infatti, reagiscono ”dirottando gli acquisti verso altri prodotti contenenti zucchero, egualmente nocivi ma non colpiti da tassazioni.

Le risorse che, quindi, il Governo prevede di reperire, grazie a tale tassa, ”sarebbero al di sotto delle aspettative e ben lontane dal miliardo e mezzo di euro preventivato”, spiega l’associazione. ”Proprio per questo la tassa sulle merendine è una tassa ipocrita, che serve solo a fare cassa sulla pelle dei cittadini”, denuncia il presidente, Carlo Rienzi. ”Il balzello creerà un danno alle aziende del settore con ripercussioni per l’intera economia, senza tuttavia avere alcun effetto sul fronte sanitario”.



1 Commento

  1. se come pensa Carlo Rienzi si avrà una contrazione dei consumi di merendine e bibite zuccherate allora la tassa ben venga perchè nel lungo tempo ci sarà inevitabile beneficio per la salute pubblica

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube