Diritto e Fisco | Articoli

Cosa serve per reddito di cittadinanza

21 Ottobre 2019 | Autore:
Cosa serve per reddito di cittadinanza

Che cosa bisogna presentare per aver diritto al reddito o alla pensione di cittadinanza: modello di domanda, Isee e relativa documentazione.

I requisiti che è necessario soddisfare per ottenere il reddito di cittadinanza sono numerosi e piuttosto severi: dalle soglie massime del reddito familiare all’indicatore Isee, dai limiti relativi al patrimonio immobiliare, a quelli relativi ai beni mobili, alla residenza, all’assenza di specifiche condizioni personali.

Il rispetto di tutte queste condizioni deve essere dimostrato da chi richiede il sussidio: come fare?

Cosa serve per reddito di cittadinanza?

Fortunatamente, la maggior parte dei dati necessari per verificare il rispetto dei requisiti per il Rdc si trova all’interno della dichiarazione Isee, o Dsu (dichiarazione sostitutiva unica): si tratta di una dichiarazione indispensabile non solo per accedere alle prestazioni di assistenza, come il reddito di cittadinanza, ma per la generalità delle agevolazioni di carattere pubblico.

A differenza della dichiarazione dei redditi, la Dsu riguarda l’intero nucleo familiare: in sostanza, per ogni componente del nucleo vanno dichiarati i dati anagrafici, i redditi prodotti, i beni immobili e mobili posseduti (conti, libretti, carte prepagate…), i veicoli, l’eventuale condizione di disabilità.

È indispensabile che chi richiede il reddito di cittadinanza presenti la dichiarazione Isee, in quanto uno dei requisiti per il diritto al Rdc è il possesso di una Dsu in corso di validità.

Quali documenti servono per l’Isee?

I documenti necessari alla presentazione della dichiarazione Isee sono molto numerosi, in quanto relativi ai diversi quadri della Dsu: serve, in particolare, la documentazione a supporto dei dati anagrafici, del patrimonio mobiliare, del patrimonio immobiliare, dell’eventuale affitto o mutuo a carico, dell’eventuale condizione di disabilità di uno o più componenti della famiglia, degli eventuali veicoli o imbarcazioni posseduti dai componenti del nucleo, e la documentazione relativa ai redditi prodotti.

Per conoscere, nel dettaglio, tutti i documenti necessari: Isee, quali documenti servono?

Quali documenti servono per il reddito di cittadinanza?

Oltre alla dichiarazione Isee, per ottenere il reddito o la pensione di cittadinanza occorre ulteriore documentazione.

Nel dettaglio, il richiedente che si reca al Caf o alle Poste per presentare la domanda di reddito di cittadinanza deve, naturalmente, aver compilato il modello di domanda, SR180, che si può scaricare anche dal sito dell’Inps. Deve poi presentare un documento d’identità in corso di validità.

Se il richiedente vuole inviare la domanda di reddito di cittadinanza telematicamente, attraverso il portale Rdc, deve essere in possesso dell’identità unica digitale Spid di secondo livello (per approfondire: Che cos’è lo Spid?).

Documenti relativi alla cittadinanza

Se l’interessato non è cittadino italiano o comunitario, ma di un Paese terzo, deve essere in possesso di un permesso di soggiorno in corso di validità: nella domanda bisogna indicare il numero del permesso, l’ente che lo ha rilasciato, la data del rilascio e la eventuale data di scadenza. Se il permesso non ha una scadenza o alla data di presentazione della domanda è già scaduto, deve essere barrata la casella “richiesto rinnovo del permesso di soggiorno”.

Sono, invece, i Comuni a dover verificare la continuatività della residenza in Italia (per ottenere Rdc e Pdc, infatti, bisogna essere residenti in Italia da almeno 10 anni, di cui gli ultimi 2, considerati al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata dell’erogazione del beneficio, in modo continuativo).

Documenti relativi ai requisiti della famiglia

Per ottenere il reddito di cittadinanza, nel quadro C della domanda, è richiesta la conferma della presenza dei requisiti familiari.

In caso di variazione del nucleo familiare rispetto ai dati dichiarati nell’Isee, è indispensabile presentare una nuova dichiarazione Isee aggiornata entro 2 mesi dalla variazione; se la variazione non riguarda nascite o decessi, deve anche essere presentata una nuova domanda di reddito o pensione di cittadinanza.

Documenti relativi ai requisiti economici

I redditi prodotti, i beni immobili e mobili posseduti sono attestati nella dichiarazione Isee.

Al momento della presentazione della domanda di reddito di cittadinanza, però, è importante tenere a disposizione l’eventuale documentazione relativa al mutuo per l’acquisto o la costruzione della casa di abitazione. In presenza di un mutuo contratto per l’acquisto o la costruzione dell’abitazione viene difatti richiesto di specificare:

  • l’importo della rata mensile media;
  • il numero delle rate mensili residue alla data di presentazione della domanda.

Modello integrativo variazione reddito di cittadinanza

Se uno dei componenti del nucleo avvia lo svolgimento di attività di lavoro subordinato, autonomo o d’impresa, prima della presentazione della domanda di sussidio, è obbligatorio presentare, assieme alla domanda di reddito di cittadinanza, il modello RdC/Pdc Com Ridotto (SR182).

Questo modulo serve per comunicare lo svolgimento di attività di lavoro subordinato, autonomo o d’impresa il cui reddito non è confluito nella dichiarazione Isee, in quanto l’Isee 2019 fa riferimento ai redditi dell’anno 2017 e non considera gli eventuali redditi percepiti successivamente.

Il modello RdC/Pdc Com Ridotto deve pertanto essere presentato in caso di:

  • dichiarazione Isee inviata dal 1° gennaio al 31 agosto 2019, per le attività lavorative iniziate dopo il 1° gennaio 2017 e in corso alla data di presentazione della domanda;
  • dichiarazione Isee inviata dal 1° settembre al 31 dicembre 2019, per le attività lavorative iniziate a partire dal 1° gennaio 2018 e in corso alla data di presentazione della domanda.


Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non hanno ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube