Questo sito contribuisce alla audience di
L’esperto | Articoli

Favoreggiamento della prostituzione: ultime sentenze

16 Novembre 2022
Favoreggiamento della prostituzione: ultime sentenze

Reclutamento, sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione; comportamento del gestore che mette a disposizione delle prostitute i locali e ottiene prezzi maggiorati sulle consumazioni.

Svolgimento dell’attività di meretricio

Integra il reato di favoreggiamento della prostituzione la condotta della prevenuta che abbia sublocato la casa ovvero stanze di essa alle donne dedite all’attività di meretricio e per di più posto in essere condotte idonee ad agevolare l’attività di meretricio.

Tribunale Pescara, 05/07/2022, n.1626

Diniego di rilascio del permesso di soggiorno

E’ legittimo il diniego di rilascio del permesso di soggiorno opposto allo straniero condannato per traffico illecito di stupefacenti, e ciò in quanto i fatti e le attività presupposti ad una condanna per reati afferenti il traffico e lo spaccio di stupefacenti, ovvero per reati di violenza o afferenti la violazione della libertà sessuale, lo sfruttamento della prostituzione o il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, costituiscono un univoco indice di mancata integrazione nel contesto nazionale delle regole e dei valori di tutela della persona e della sua libertà che caratterizzano l’ordinamento costituzionale italiano, denotando un sicuro indice di pericolosità sociale ed imponendo una prioritaria tutela della comunità nazionale.

Consiglio di Stato sez. III, 12/04/2022, n.2726

Cessione di stupefacente

Il diniego del rinnovo del permesso di soggiorno deve ritenersi essere validamente motivato nel caso, ai fini del giudizio di pericolosità sociale del cittadino straniero, si sia tenuto conto dell’indagine a suo carico per cessione di sostanza stupefacente, nonché per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

T.A.R. Bologna, (Emilia-Romagna) sez. I, 03/01/2022, n.5

Favoreggiamento alla prostituzione: due elementi

Il reato di favoreggiamento della prostituzione si qualifica per due elementi: la posizione di terzietà del favoreggiatore nei confronti dei soggetti necessari (prostituta e cliente) e l’attività d’intermediazione tra offerta e domanda, volta a realizzare le condizioni (o ad assicurarne la permanenza) per la formazione del futuro accordo, il quale deve rientrare nella prospettiva dell’autore del reato, il che, nel caso di specie, non risulta essere stato dimostrato, alla stregua di quanto emerso in dibattimento.

Tribunale Bari sez. I, 06/12/2021, n.3258

Favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione e reato di autoriciclaggio

Ai fini dell’integrazione del reato di autoriciclaggio, non occorre che l’agente ponga in essere una condotta di impiego, sostituzione o trasferimento del denaro, beni o altre utilità che comporti un assoluto impedimento alla identificazione della provenienza delittuosa degli stessi, essendo, al contrario, sufficiente una qualunque attività, concretamente idonea anche solo ad ostacolare gli accertamenti sulla loro provenienza (fattispecie in cui l’imputato aveva trasferito i proventi derivanti dal reato presupposto di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione relativi a società estere operanti nel settore della compravendita di cosiddette “cripto valute” -in particolare bitcoin -, tramite bonifici in Euro effettuati da carte Postepay intestate per lo più a soggetti prestanome ma anche a sé stesso).

Cassazione penale sez. II, 07/10/2021, n.2868

Il reato di favoreggiamento della prostituzione

Integra il reato di favoreggiamento della prostituzione la condotta di accompagnare una o più donne, mediante l’utilizzo della propria autovettura, presso il luogo nel quale le predette erano solite prostituirsi.

Tribunale Taranto sez. I, 12/01/2021, n.1253

Favoreggiamento della prostituzione: elementi oggettivi

L’attività di trasporto della peripatetica presso il luogo ove veniva svolta l’attività di prostituzione ed il successivo trasporto via da tale luogo, costituisce elemento oggettivo del reato di favoreggiamento della prostituzione. L’aggiunta del trarre vantaggio economico, pur occasionale, dalla predetta condotta integra, invece, il reato di sfruttamento della prostituzione.

Tribunale Taranto sez. I, 03/11/2020, n.1165

Favoreggiamento della prostituzione: quando non si configura?

Ai fini della non configurabilità del reato di sfruttamento della prostituzione non rileva la finalità propria per la quale le somme fossero, pur spontaneamente, versate in favore del soggetto imputato di sfruttamento della prostituzione, dal momento che il reato è integrato già solo dalla condotta del compagno della prostituta che, ben consapevole della provenienza del denaro, ne tragga mezzi di sussistenza anche nel caso di contribuzione alla vita familiare.

Corte appello Taranto, 07/09/2020, n.251

Il reperimento di appartamento idoneo per l’esercizio della prostituzione

Integra il reato di favoreggiamento della prostituzione la condotta consistente nel reperire un appartamento idoneo per l’esercizio della prostituzione e nel pubblicizzare tale attività per facilitare l’approccio con un numero maggiore di clienti.

Cassazione penale sez. III, 12/06/2020, n.20715

Quando si configura il delitto di favoreggiamento della prostituzione?

Il delitto di favoreggiamento della prostituzione ha natura di reato di pericolo a forma libera che si consuma con il mero compimento di qualsiasi condotta “in qualunque modo” idonea a favorire la prostituzione, indipendentemente dal fatto che quest’ultima abbia o meno a verificarsi. (Conf. n.721/68, Rv. 108417).

Cassazione penale sez. III, 06/03/2019, n.29062

Reclutamento e favoreggiamento della prostituzione

Vanno dichiarate non fondate le questioni di legittimità costituzionale dell’art. 3, comma 1, nn. 4), prima parte, e 8), l. 20 febbraio 1958, n. 75, nella parte in cui configura come illecito penale il reclutamento ed il favoreggiamento della prostituzione volontariamente e consapevolmente esercitata.

Anche quando la scelta di prostituirsi appare, almeno inizialmente, una scelta libera, ad essere tutelati sono i soggetti vulnerabili e la dignità umana, visti i numerosi pericoli insiti nella prostituzione stessa, pericoli collegati all’ingresso in un circolo dal quale sarà difficile uscirne volontariamente, subendo così rischi per l’integrità fisica e la salute cui ci si espone durante l’attività di meretricio.

Corte Costituzionale, 07/06/2019, n.141

Un episodio agevolativo può integrare il favoreggiamento della prostituzione?

Il reato di favoreggiamento della prostituzione può essere perfezionato con ogni genere di interposizione agevolativa tra cliente e prostituta e, trattandosi di un reato soltanto eventualmente abituale, può essere integrato anche da un solo episodio agevolativo.

Cassazione penale sez. III, 03/04/2019, n.21375

Sfruttamento e favoreggiamento della prostituzione

In materia di reati concernenti la prostituzione, la compatibilità tra continuazione ed aggravante di cui all’art. 4, n. 7, della legge n. 75 del 1958, è affermata solo nel caso in cui alla cessazione di plurimi episodi di contemporaneo favoreggiamento di più persone dedite alla prostituzione segua la commissione di altre condotte analoghe ovvero quando sussistano diverse tipologie di condotte illecite, ad esempio di sfruttamento e di favoreggiamento.

Cassazione penale sez. III, 29/03/2019, n.25551

Pubblicazione di annunci e approccio con i clienti

In tema di favoreggiamento della prostituzione mediante la pubblicazione di annunci, rendere più allettante l’offerta e facilitare l’approccio con un numero maggiore di clienti costituisce condotta di intermediazione penalmente rilevante (riconosciuta la colpevolezza dell’imputata che aveva posto in essere un’attività finalizzata a rendere più allettante l’offerta tramite la formazione attiva degli annunci, la scelta delle fotografie e dei luoghi dove pubblicare l’annuncio).

Cassazione penale sez. III, 19/03/2019, n.19660

Condizioni favorevoli per l’esercizio della prostituzione

Integra il reato di favoreggiamento della prostituzione qualunque attività idonea a procurare favorevoli condizioni per l’esercizio della prostituzione.

(Fattispecie nella quale la Corte ha escluso che integrasse favoreggiamento della prostituzione la consegna di bibite, da parte delle imputate, ai clienti della prostituta con essa appartati nei camerini di un locale).

Cassazione penale sez. III, 07/03/2019, n.19207

La consapevolezza di facilitare l’altrui prostituzione

Il reato di favoreggiamento della prostituzione si perfeziona con ogni forma di interposizione agevolativa e con qualunque attività che sia idonea a procurare più facili condizioni per l’esercizio del meretricio, che venga posta in essere dall’agente con la consapevolezza di facilitare l’altrui attività di prostituzione, senza che abbia rilevanza il movente od il fine di tale condotta.

Cassazione penale sez. III, 15/02/2019, n.15502

Reato di tolleranza della prostituzione commesso dal titolare dell’albergo

Il reato di tolleranza abituale dell’altrui prostituzione commesso dal titolare di un esercizio alberghiero non esige la continuità della condotta, ma implica la sola reiterazione, per un tempo apprezzabile, del comportamento permissivo del gestore, idoneo a consentire che le persone alloggianti nell’albergo svolgano attività di meretricio, dovendosi, per contro, configurare il reato di favoreggiamento della prostituzione nel caso in cui il suddetto comportamento si presenti come occasionale. (Fattispecie in cui è stato ritenuto integrato il reato di tolleranza abituale per il gestore di due alberghi presso i quali si recavano ragazze più volte a notte, senza la registrazione dei documenti dei clienti, per esercitarvi la prostituzione).

Cassazione penale sez. III, 18/01/2019, n.18003

Condotta del gestore del locale

Il reato di sfruttamento della prostituzione, che non è reato necessariamente abituale, consiste in qualsiasi consapevole e volontaria partecipazione, anche occasionale, ai proventi dell’attività di prostituzione.

Tale reato può concorrere con il reato di favoreggiamento della prostituzione, in quanto il reato di favoreggiamento della prostituzione e quello di sfruttamento della prostituzione hanno per oggetto condotte autonome e distinte, essendo lo sfruttamento finalizzato a trarre vantaggi economici o altre utilità giuridicamente rilevanti per l’agente, mentre il favoreggiamento è finalizzato ad agevolare l’attività di meretricio a prescindere da un eventuale profitto economico o altra utilità in favore dell’agente (confermata la condanna per l’imputato che, nella qualità di gestore di un circolo privato, aveva consapevolmente favorito e sfruttato l’esercizio della prostituzione all’interno del predetto locale, mettendo a disposizione delle ragazze i privè presenti nel locale e traendo guadagno dal provento della loro attività di prostituzione, facendosi pagare direttamente dai clienti le consumazioni ad un prezzo maggiorato e determinato proprio in funzione degli atti sessuali compiuti dalle ragazze).

Cassazione penale sez. III, 24/10/2018, n.741

Integra favoreggiamento della prostituzione accompagnare con la propria auto una donna nel luogo in cui si prostituisce
Sentenza   Documenti correlati

Integra il reato di favoreggiamento della prostituzione l’accompagnamento abituale con la propria autovettura di una donna nel luogo in cui la stessa si prostituisce.

Cassazione penale sez. III, 05/10/2018, n.54205

Attività non occasionale che favorisce l’altrui prostituzione

Il reato di favoreggiamento della prostituzione è ravvisabile in ogni attività non occasionale che favorisca in qualsiasi modo l’altrui prostituzione ed è solo eventualmente abituale, ben potendo essere integrato anche da un solo fatto di agevolazione (nella specie, l’imputato si era rivolto a un venditore ambulante di frutta e verdura, minacciandolo con una pistola, e gli aveva intimato di non parcheggiare il furgone nella piazzola dove una donna era solita prostituirsi perché così intralciava l’attività di meretricio svolta dalla donna).

Cassazione penale sez. III, 31/05/2018, n.39419

Autista accompagna le prostitute sul luogo del meretricio

Risponde del reato di favoreggiamento della prostituzione l’autista dell’auto che accompagna le prostitute sul luogo del meretricio.

Tribunale S.Maria Capua V. sez. III, 21/05/2018, n.2359



Sostieni laleggepertutti.it

Non dare per scontata la nostra esistenza. Se puoi accedere gratuitamente a queste informazioni è perché ci sono uomini, non macchine, che lavorano per te ogni giorno. Le recenti crisi hanno tuttavia affossato l’editoria online. Anche noi, con grossi sacrifici, portiamo avanti questo progetto per garantire a tutti un’informazione giuridica indipendente e trasparente. Ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di andare avanti e non chiudere come stanno facendo già numerosi siti. Se ci troverai domani online sarà anche merito tuo.Diventa sostenitore clicca qui

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube