Nuovo bonus rottamazione auto

28 Settembre 2019 | Autore:
Nuovo bonus rottamazione auto

Buono mobilità di 1.500 euro a chi rottama una vecchia auto; sarà utilizzabile per abbonamenti a servizi di trasporto pubblico o di car sharing.

Arriva un nuovo bonus rottamazione per le autovetture più vecchie, fino alla categoria Euro 4 compresa: chi rottama entro il 31 dicembre 2021 un veicolo di categoria da Euro 0 fino ad Euro 4 compresa avrà un “buono mobilità” del valore di 1.500 euro.

Questo buono potrà essere utilizzato, entro i successivi tre anni, per l’acquisto, anche a favore di un familiare convivente, di abbonamenti al trasporto pubblico locale, regionale e interregionale e per l’abbonamento a servizi di sharing mobility (gli spostamenti con veicoli condivisi) con veicoli elettrici o a emissioni ridotte. Il buono mobilità non costituirà reddito imponibile del beneficiario e non se ne terrà conto neppure ai fini del calcolo dell’Isee.

La misura è contenuta nel “decreto Clima” predisposto dal ministro dell’Ambiente Sergio Costa, che punta allo smaltimento dei veicoli più vecchi e dunque considerati più inquinanti. Il Governo vuole un iter celere: questo provvedimento dovrebbe arrivare in Consiglio dei ministri il prossimo 3 ottobre, per poi essere definitivamente approvato insieme alla legge di bilancio.

Per renderlo operativo, però, occorrerà l’emanazione di un apposito Decreto del ministero dell’Ambiente, che dovrà avvenire entro 60 giorni dall’approvazione del provvedimento principale e stabilirà, in concreto, i requisiti, le condizioni e le modalità per l’erogazione del beneficio.

Fino a ieri, nelle prime indiscrezioni, si era parlato di una somma di 2.000 euro; ora, secondo l’ultima versione del provvedimento, si è stabilito che sarà di 1.500 euro. Intanto, sono già stanziate le risorse per finanziare queste erogazioni: 5 milioni di euro già nel 2019 e 100 milioni di euro all’anno per il 2020 ed il 2021. Una copertura notevole, ma forse insufficiente a coprire tutti i cambi macchina, considerato che i 205 milioni complessivamente stanziati valgono 136.667 bonus in tutto.

La misura non varrà per tutta Italia, ma solo per i cittadini residenti nei Comuni messi sotto procedura d’infrazione dalla Ue per smog: si tratta delle città, metropolitane e non solo, con i più elevati livelli di inquinamento, ubicate in Piemonte, Lombardia, Veneto, Lazio, Liguria, Toscana, Sicilia e Molise.

Il decreto Clima contiene altre misure a favore dell’ambiente, come il finanziamento per il trasporto scolastico dei bambini con nuovi scuolabus di classe non inferiore a Euro 6, anche questo riservato ai Comuni interessati dalla violazione delle norme antismog.


Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube