Salute e benessere | Articoli

Cancro all’ovaio: nuova cura più efficace

29 Settembre 2019
Cancro all’ovaio: nuova cura più efficace

Esperti all’Esmo salutano l’inizio di una nuova era

Sono tre gli studi presentati al Congresso Esmo (Società europea di oncologia medica), che promettono di cambiare lo scenario delle cure contro il cancro dell’ovaio. Un tumore insidioso, reso celebre dalla scelta dell’attrice Angelina Jolie, e contro il quale i progressi erano stati finora limitati. Tre studi di fase III, su altrettanti Parp inibitori, promettono di portare una piccola rivoluzione nella terapia dei carcinomi ovarici diagnosticati già in fase avanzata.

I risultati degli studi su niraparib, olaparib e veliparib, oggi descritti nei dettagli sulla rivista dell’Esmo, portano gli oncologi a sottolineare che ”finalmente abbiamo tre Parp inibitori molto attivi per trattamenti di prima linea o di mantenimento”, come spiega Branislav Bystriky, del Dipartimento di Oncologia dell’Ospedale universitario di Trencin (Slovacchia). Anche se ”restano ancora dei quesiti a cui rispondere (‘dobbiamo usarli con la chemio?’, ‘Sono meno tossici se usati solo come trattamento di mantenimento’?), siamo entrati definitivamente nell’era dei Parp inibitori per il tumore dell’ovaio”.



Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema (max 1000 caratteri). Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA

Canale video Questa è La Legge

Segui il nostro direttore su Youtube