Business | Articoli

Stipendio: come avere l’aumento


Stipendio: come avere l’aumento

> Business Pubblicato il 7 aprile 2018



Aumento stipendio: come chiedere l’aumento dello stipendio al proprio capo, quali sono gli argomenti da affrontare e le cose che, invece, sarebbe meglio non dire

È difficile che i soldi non richiesti vengano elargiti per generosità. Parliamoci chiaro: se vuoi l’aumento dal tuo capo, ti toccherà chiederlo.  Ed infatti, per quanto tu possa essere competente, puntuale, dedito al lavoro, sempre disponibile ed attento, è veramente difficile che il tuo stipendio aumenti, se non dietro – più o meno velata – richiesta. Vediamo allora come chiedere l’aumento al capoufficio o al capo del personale; quali sono le cose da dire per ottenere un aumento e quali, invece, sono gli argomenti tabù e le cose da non dire assolutamente.

Come chiedere l’aumento al capo

È vero che il lavoro nobilita l’uomo, ma anche la retribuzione vuole la sua parte. Lo stipendio deve essere proporzionato al lavoro svolto, poiché a nessuno piace essere sottopagati, men che meno lavorare gratis. Vediamo allora come chiedere al capo un aumento.

Aumento stipendio: far leva sulle proprie competenze

Un’ottima strategia è quella di far leva sulle proprie competenze. Spiegate al vostro capo quanto già il vostro lavoro contribuisca in modo rilevante per l’azienda o per la società e quanto sarebbe vantaggioso dare più spazio alle vostre capacità, ovviamente pagando in modo adeguato l’impegno.

Aumento stipendio: i dettagli delle vostre mansioni

Molto spesso il capo ha una visione di insieme e non conosce nel dettaglio il vostro lavoro, né i vostri effettivi compiti: elencateli. Date rilievo ai vostri compiti e alle vostre qualifiche.

Aumento stipendio: nuove idee aziendali

Dopo aver messo in chiaro le vostre competenze e qualifiche, fate comprendere al vostro capo che avete una visione  globale degli obiettivi dell’azienda e che vi sta a cuore non solo la crescita personale, ma anche quella dell’azienda. Candidarsi per ricoprire nuove posizioni ed avere idee innovative è sempre una strategia vincente.

Aumento stipendio: cosa non dire mai

Ci sono anche argomenti tabù e le cose che sarebbe meglio non dire se si vuole ottenere un aumento della retribuzione. Vediamo le principali.

Aumento stipendio: paragoni tra colleghi

Prima di tutto è assolutamente sconsigliato fare paragoni tra colleghi: mai citarli, segnalando la loro incompetenza o scarsa dedizione al lavoro. Oltre che antipatici, si rischia di apparire pettegoli e di generare inutili tensioni. Meglio parlare solo di se stessi, senza apparire troppo autoreferenziali ovviamente.

Aumento stipendio: non parlare esplicitamente di soldi

Anche il “vil denaro” è un argomento tabù: ovvio che si sta parlando di quello, ma sempre con stile. Dunque, mai essere troppo diretti. Il discorso non deve girare intorno ai soldi. Ed infatti, se si è troppo diretti in questo senso, emerge solo il proprio interesse ad ottenere “tornaconto” personale e non anche l’interesse per il bene dell’azienda.

Aumento stipendio: non giudicare le scelte aziendali

A nessuno piace essere giudicato. Dunque, oltre a non giudicare i colleghi, dovrete ricordarvi anche di non sindacare le scelte aziendali. Il capo è sempre il capo: è lui che decide. Di conseguenza, criticare la gestione aziendale è come contestare la persona che si ha di fronte e dalla quale, peraltro, dipende l’aumento del proprio stipendio.

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI