Business | Articoli

Insegnanti: come andare in vacanza gratis 2018


Insegnanti: come andare in vacanza gratis 2018

> Business Pubblicato il 10 aprile 2018



Dirigenti scolastici ed insegnanti in vacanza gratis (o quasi): ecco il bando Inps 2018. Vediamo a chi è rivolto, quali i requisiti, come ed entro quando fare domanda

Buone notizie per insegnanti e dirigenti scolastici: c’è la possibilità di andare in vacanza  gratis (o quasi) e di effettuare soggiorni estivi  presso strutture denominate Case del Maestro. A dare questa possibilità è l’Inps, che ha messo a bando un apposito concorso, che prevede l’assegnazione di posti per trascorrere soggiorni estivi a prezzi “simbolici” in strutture convenzionate.

Vediamo allora a chi è rivolto il concorso per il conferimento di posti presso le Case del Maestro, quali i requisiti e come fare domanda per candidarsi al bando Inps 2018 per andare in vacanza presso le Case del Maestro, dove gli insegnanti possono passare le vacanze quasi gratis.

L’Inps regala soggiorni estivi gratis

Ogni anno vengono banditi appositi concorsi, attraverso i quali l’Inps “regala” vacanze estive (leggi sul punto: Come andare in vacanza gratis: il bando Inps 2018Come studiare gratis all’estero: il bando Inps 2018; Inps 2018: regala soggiorni e cure termali gratis). Ora è la volta del bando per l’assegnazione di posti ad insegnanti e dirigenti scolastici, che potranno trascorrere soggiorni estivi presso le Case del Maestro di proprietà dell’Istituto e altre strutture ricettive convenzionate. Ecco i dettagli.

Inps regala soggiorni estivi presso le Case del Maestro

soggiorni estivi presso le Case del Maestro sono finanziati dal Fondo Gestione Assistenza Magistrale, attraverso il contributo mensile dello 0,80% della retribuzione lorda versato dagli iscritti e prevedono pensione completa e servizi accessori. Le caratteristiche dei soggiorni, i servizi forniti e l’articolazione dei turni sono descritti nelle “schede di soggiorno”, pubblicate nel catalogo delle opportunità della sezione online dedicata a ogni bando di soggiorno rilasciato dall’Inps, dei quali consigliamo la lettura.

Le agevolazioni riguardano delle strutture ben precise – appunto le cosiddette Case del Maestro – e sono valide solamente per alcuni periodi dell’anno; inoltre queste sono riservate ai soli iscritti alla Gestione assistenza magistrale dell’Inps, ove appunto sono confluiti gli insegnanti e dirigenti scolastici provenienti dal ruolo dei direttori didattici a tempo indeterminato nelle scuole elementari e materne statali.

Soggiorni estivi gratis Inps: dove e numero di posti

Le Case del Maestro presso le quali si svolgeranno i soggiorni estivi sono
le seguenti:

  • Casa del Maestro di San Cristoforo al Lago (Trento): 73
    posti letto, per n. 10 turni, da 8 giorni ciascuno (7 notti).
  • Casa del Maestro di Fiuggi (Frosinone): 141 posti letto,
    per n. 5 turni, da 15 giorni ciascuno (14 notti).
  • Casa del Maestro di Lorica di Pedace (Cosenza): 98 posti
    letto; per n. 10 turni, da 8 giorni ciascuno (7 notti).
  • Casa del Maestro di Silvi Marina (Teramo): 132 posti
    letto, per n. 10 turni, da 8 giorni ciascuno (7 notti).
  • Casa del Maestro di Roma – Piazza dei Giuochi Delfici
    (Roma) – 84 posti letto, per n. 10 turni, da 8 giorni ciascuno
    (7 notti).

Inps regala soggiorni estivi: durata

Salvo che per Fiuggi, ove la permanenza come visto può durare 15 giorni, la durata del soggiorno è di 8 giorni (sette notti), ricompresi nel periodo che va dal 23 giugno 2018 al 1° settembre 2018.

Bando Inps soggiorni estivi gratis: a chi è rivolto?

Destinatari dei soggiorni sono:

  • il dipendente o pensionato che ha diritto alla prestazione in quanto iscritto alla Gestione assistenza magistrale (insegnanti e dirigenti scolastici provenienti dal ruolo dei direttori didattici a tempo indeterminato nelle scuole elementari e materne statali);
  • vedovo/a, unito civilmente o convivente  del titolare, che non abbia contratto nuovo matrimonio, nuova unione civile o nuova convivenza alla data di scadenza del bando;
  • orfano/i del titolare del diritto, minorenne/i alla data di scadenza
    del bando;

Altri partecipanti, vale a dire coloro i quali fruiscono del soggiorno insieme al beneficiario, sono:

  • coniuge del titolare del diritto, l’unito civilmente o il convivente che compaiano nello stato di famiglia e nell’attestazione Isee del titolare medesimo;
  • parenti entro il secondo grado del titolare del diritto che compaiano
    nello stato di famiglia e nell’attestazione Isee del Titolare medesimo ad eccezione dei figli del titolare del diritto, i quali possono partecipare al soggiorno anche se non compaiano nello stato di famiglia del titolare medesimo, bensì dell’altro genitore, purché presenti nell’attestazione Isee del titolare del diritto;
  • il genitore superstite o il tutore dell’orfano minorenne beneficiario della prestazione, purché in presenza dell’orfano minorenne beneficiario della prestazione;
  • gli “assistenti accompagnatori” del beneficiario del diritto o del partecipante che si trovino in condizione di disabilità grave o di invalidità civile al 100% con riconoscimento di indennità di accompagnamento o in possesso di certificazione di cecità assoluta o di sordità. Possono ricoprire il ruolo di “assistenti accompagnatori”, il coniuge, l’unito civilmente o il convivente ed i parenti o affini entro il terzo grado, purché maggiorenni e conviventi e purché compaiano nell’attestazione Isee riferita al nucleo familiare in cui compare il beneficiario del diritto.

Attenzione: solo gli insegnanti della scuola dell’infanzia e primaria pubblica possono fare richiesta per una vacanza estiva ad un prezzo più che vantaggioso.

Vacanza presso le Case del Maestro: quali i costi?

Come anticipato il soggiorno è quasi gratuito poiché per ogni partecipante alla vacanza (se maggiorenne) è previsto un contributo alle spese di vitto e alloggio. Questo si calcola a seconda dell’Isee del beneficiario ed è uguale per tutte le strutture ad eccezione della Casa del Maestro di Fiuggi, dal momento che qui il soggiorno ha una durata di 15 giorni.

Ecco un riepilogo dei costi da sostenere per prendere parte alla vacanza convenzionata:

Isee Quota pro-capite partecipanti (maggiorenni): in euro Quota pro-capite per Casa del Maestro di Fiuggi: in euro
 

  • Inferiore ad 8.000 euro
 

37,00

 

74,00

 

  • da 8mila a 12 mila euro
 

47,00

 

94,00

 

  • da 12mila a 16mila euro
 

57,00

 

114,00

 

  • da 16mila a 20mila euro
 

66,00

 

132,00€

 

  • da 20mila a 24mila euro
 

75,00

 

150,00

 

  • da 24mila a 28mila euro
 

85,00

 

170,00

 

  • da 28mila a 32mila euro
 

94,00

 

188,00

 

  • da 32mila a 36mila euro
 

104,00

 

208,00

 

  • da 36mila a 44mila euro
 

114,00

 

228,00

 

  • da 44mila a 56mila euro
 

126,00

 

252,00

 

  • da 56mila a 72mila euro
 

142,00

 

284,00

 

  • da 72mila a 92mila euro
 

158,00

 

316,00

 

  • da 92mila a 300mila euro
 

173,00

 

346,00

 

  • oltre i 300mila euro
 

189,00

 

378,00

Soggiorni estivi Inps 2018: come fare domanda

Prima di procedere alla presentazione della domanda, gli interessati devono essere:

  • presenti in banca dati, ossia essere riconosciuti dall’Istituto come “richiedente” della prestazione;
  • in possesso del Pin Inps (per sapere come ottenerlo, leggi: Come ottenere Pin dell’Inps?).

La domanda va presentata telematicamente tramite il portale dell’Inps, seguendo la seguente procedura riportata nel Bando.

La domanda deve essere trasmessa dal richiedente la prestazione dalle 12,00 del 9 Aprile 2018 alle ore 12,00 del giorno 27 Aprile 2018.

note

Autore immagine: Pixabay.com

Per avere il pdf inserisci qui la tua email. Se non sei già iscritto, riceverai la nostra newsletter:

Informativa sulla privacy
DOWNLOAD

ARTICOLI CORRELATI

Lascia un commento

Usa il form per discutere sul tema. Per richiedere una consulenza vai all’apposito modulo.

 



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI